Trapani: il 18 settembre mostra tematica in occasione della Giornata Europea della Cultura Ebraica

La mostra, organizzata dall’Archivio di Stato con la collaborazione di Nicolò Bucaria, sarà aperta dal 18 settembre al 18 ottobre

Domenica 18 settembre, in oltre cento località in Italia, si svolgerà la ventitreesima Giornata Europea della Cultura Ebraica, manifestazione promossa dall’UCEI (Unione delle comunità ebraiche italiane) con il patrocinio del Ministero della Cultura, dell’ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani) e dell’AEPJ (European Association for the Preservation and Promotion of Jewish Culture and Heritage).

La manifestazione coinvolge ogni anno tanti istituti culturali e decine di migliaia di persone, con visite a sinagoghe e quartieri ebraici, mostre a tema, incontri con autori. Nata nel 1999, a partire dal 2001 la giornata si imposta su una tematica ben precisa e quest’anno è stato scelto come tema “il rinnovamento” che rappresenta per Noemi Di Segni, presidente dell’Unione Comunità Ebraiche Italiane, “una vera e propria sfida…nel segno di un necessario e non più rimandabile rinnovamento delle nostre società e collettività, a partire da noi come singoli”.

L’Archivio di Stato di Trapani aderisce alla giornata celebrativa presentando al pubblico una mostra tematica nella quale i documenti proposti offrono spunti per sviluppare il concetto di rinnovamento nelle sue diverse sfaccettature, con l’obiettivo di incrementare la conoscenza della cultura ebraica attraverso le testimonianze archivistiche.

La mostra, organizzata dall’Archivio di Stato con la collaborazione di Nicolò Bucaria dell’Istituto di storia ebraica dell’Università di Treviri (Germania), offrirà la possibilità di ammirare preziosi materiali documentari e pregevoli oggetti della cultura ebraica appartenenti alle collezioni Campanella e Riccobono. Tra gli oggetti esposti, databili tra la fine del XVIII e gli inizi del XX secolo, di diversa provenienza geografica, vi saranno esemplari di menorah (candelabri), di tiq Torah (contenitore per il rotolo di Torah), di yad (mano per la lettura della Torah), di brucia incensi, piatti e amuleti, ma anche di indumenti rituali, come la kippah (copricapo) e il tallit (“scialle di preghiera”).

La visita sarà accompagnata dalla lettura recitata (V. Mogavero) di alcuni passi biblici, in particolare del libro dell’Esodo, il cui testo si è conservato nei frammenti di cuoio della Torah riutilizzati dagli antichi notai, e si pone l’obiettivo di “restituire al presente, attraverso la ricomposizione delle labili tracce che ci ha lasciato, la memoria dell’esistenza di una folta e attiva comunità ebraica che, con la sua cultura e le sue tradizioni, ha contribuito a formare l’identità del nostro territorio”.

La mostra sarà aperta dal 18 settembre al 18 ottobre 2022, con aperture straordinarie nelle giornate di sabato 24, domenica 25 settembre e domenica 9 ottobre. Per maggiori informazioni potete collegarvi al sito della UCEI o al sito dell’Archivio di Stato di Trapani.

Trapani Baskin Open Day, festa dello sport inclusivo [AUDIO]

Ne abbiamo parlato con Filippo Frisenda,  delegato regionale EISI
A disposizione 1.377.800 euro per aumentare la dotazione idrica totale di 150 litri al secondo
"Il Comune di Trapani si faccia trovare pronto con un progetto unitario per accedere alle risorse della rigenerazione urbana"
L’evento sarà un'occasione significativa per esplorare approfonditamente gli aspetti naturalistici e culturali dei paesaggi delle due isole vulcaniche
La selezione, rispondendo in primis al principio di sostenibilità, ha elaborato un cartellone che prenderà il via a metà luglio e durerà tutta l’estate
Nell'occasione si presenta il libro “Pietro il pescatore pastore” di don Fabio Pizzitola

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione