giovedì, Febbraio 22, 2024

Mafia, condannata a 13 anni la “vivandiera” di Matteo Messina Denaro

Il processo si è svolto con il rito abbreviato davanti al gup di Palermo

Il gup di Palermo ha condannato – con il rito abbreviato – a 13 anni e 8 mesi per concorso esterno in associazione mafiosa, Lorena Lanceri, la donna che, durante la latitanza, ha accudito per mesi il boss Matteo Messina Denaro. A 6 anni e 8 mesi è stato condannato il marito Emanuele Bonafede, imputato di favoreggiamento e procurata inosservanza della pena.

Il giudice ha anche sospeso entrambi dall’esercizio della potestà genitoriale per l’intera durata della condanna e ne ha disposto l’interdizione perpetua dai pubblici uffici.

Lorena Lanceri è stata condannata anche a risarcire – come parti civili – il Comune di Campobello di Mazara con 45 mila euro, con altri 45 mila euro il Comune di Castelvetrano e l’associazione “Antonino Caponnetto” con 5 mila euro.

Emanuele Bonafede dovrà risarcire i Comuni di Campobello e Castelvetrano con 5 mila euro ciascuno e con 1.000 euro la stessa associazione. I due coniugi sono stati, inoltre, condannati al pagamento delle spese processuali sostenute dalle parti civili.

A Lanceri era stato contestato inizialmente il favoreggiamento ma nel corso delle indagini l’accusa è stata modificata.
L’inchiesta che ha portato a scoprire il ruolo della donna e del marito, cugino del geometra che ha prestato l’identità al boss, è stata coordinata dal procuratore di Palermo Maurizio De Lucia e dall’aggiunto Paolo Guido. Emanuele Bonafede e Lorena Lanceri per mesi hanno ospitato Matteo Messina Denaro a pranzo e cena nella loro casa di Campobello di Mazara consentendogli – secondo gli inquirenti – non solo di trascorrere molte ore in tranquillità e in loro compagnia in un contesto domestico-familiare ma, anche e soprattutto, di incontrarsi con numerose persone e di entrare e uscire dalla loro abitazione effettuando accurati controlli per ridurre il rischio di essere avvistato dalle forze dell’ordine”.

Oltre a preparare il cibo al boss ricercato, infatti, la coppia effettuava una stretta vigilanza sulla zona: i video delle telecamere di sorveglianza di alcuni negozi li hanno ripresi mentre, dopo essersi accertati che per strada non ci fossero Polizia o Carabinieri, davano il via libera al loro ospite per farlo uscire indisturbato dall’abitazione.

Il boss ricambiava la loro fedeltà con regali di valore: al figlio dei Bonafede, nel 2017, il capomafia fece da padrino della cresima e donò un Rolex da 6.300 euro. La spesa fu annotata da Messina Denaro in un pizzino.
Dalle indagini è emerso anche che Lanceri e il boss avevano una relazione. Gli inquirenti hanno trovato una lettera firmata Diletta – secondo i pm nome in codice di Lanceri – in cui la donna, che sarebbe stata vicina al boss durante tutta la malattia, dichiarava a Messina Denaro i suoi sentimenti.
Nel corso delle indagini sono state trovate impronte di Lanceri sul diario di Matteo Messina Denaro e su diversi cd e dvd custoditi dal boss nell’abitazione di Campobello di Mazara. Riscontrati anche acquisti di oggetti a lui destinati (felpe, scarpe, libri e poster) effettuati online dall’account della donna.

‘a Scurata d’Inverno a Marsala: in scena “La Grande Famille” [AUDIO]

Giacomo Frazzitta ci presenta la piece teatrale ispirata alla storia della famiglia Pellegrino, in scena al Teatro Sollima Sabato 24 e Domenica 25 febbraio 2024

Trapani, buona la seconda

Quattro gol contro il Fulgatore. L'analisi di Francesco Rinaudo
Bisogna essere in regola con il pagamento delle bollette idriche
Lo spettacolo di giovedì sarà ricco di battute, sketch e riflessioni
Questa la data del primo match point per i granata che coincide con lo scontro diretto
Avviato processo di digitalizzazione con nuovi servizi

Lucca Comics & Games: un luogo per il dialogo e le differenze

314.220 biglietti venduti, più di 700 espositori, centinaia di ospiti da tutto il mondo

L’esperta risponde: tutti i dubbi su gas e luce [Parte 5]

In settimana i lettori di Trapanisi.it hanno inviato alla nostra esperta alcune domande
All'evento ha partecipato anche la docente referente del liceo dell’Accademia Nazionale di Danza di Roma, Monica Fulloni
L'assessore regionale Sammartino: «Presto il bando per i danni da peronospora»
"È fondamentale promuovere l'importanza dello sport paralimpico e combattere discriminazioni e stereotipi" ha affermato la neo delegata
"Non siamo quelli contrari allo sviluppo economico della città, né coloro a cui fare lezioncine di morale e politica"

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

“Dottore, ho l’ansia sociale? Perché non riesco a parlare in pubblico o a dire...

Torna il blog Tienilo inMente del dottor Giuseppe Scuderi, psicologo clinico e digitale

Sogni veri di una vita inventata

Una seconda possibilità è una grande dimostrazione di amore e compassione verso me stesso e potrebbe rappresentare un passo importante per la mia crescita...

Do you remember 2023?

Torna il blog di Andrea Castellano e si tuffa nell'anno appena passato: dalla crisi alla rinascita
Il corso di laurea verrà presentato nell’ambito della presentazione dell’Osservatorio sulla burocrazia, che si terrà il prossimo 4 marzo a Palermo
Il comico palermitano torna in scena con il suo nuovo spettacolo
"Questa vittoria rappresenta un simbolo di unità e coesione per la nostra comunità"

Torna la musica dance nelle classifiche: il fenomeno Kungs

Un nuovo post su Freedom, il blog di DJ Vince

Breve guida al Green Pass sui luoghi di lavoro dopo la fine dello stato...

Termina lo stato di emergenza, quali cambiamenti sono previsti? Torna "Il lavoro, spiegato bene", il blog del consulente del lavoro ed euro-progettista Sergio Villabuona

Mangiar sano

Torna "Punto Salute News", il blog del dottor Andrea Re