Mafia, condannata a 13 anni la “vivandiera” di Matteo Messina Denaro

Il processo si è svolto con il rito abbreviato davanti al gup di Palermo

Il gup di Palermo ha condannato – con il rito abbreviato – a 13 anni e 8 mesi per concorso esterno in associazione mafiosa, Lorena Lanceri, la donna che, durante la latitanza, ha accudito per mesi il boss Matteo Messina Denaro. A 6 anni e 8 mesi è stato condannato il marito Emanuele Bonafede, imputato di favoreggiamento e procurata inosservanza della pena.

Il giudice ha anche sospeso entrambi dall’esercizio della potestà genitoriale per l’intera durata della condanna e ne ha disposto l’interdizione perpetua dai pubblici uffici.

Lorena Lanceri è stata condannata anche a risarcire – come parti civili – il Comune di Campobello di Mazara con 45 mila euro, con altri 45 mila euro il Comune di Castelvetrano e l’associazione “Antonino Caponnetto” con 5 mila euro.

Emanuele Bonafede dovrà risarcire i Comuni di Campobello e Castelvetrano con 5 mila euro ciascuno e con 1.000 euro la stessa associazione. I due coniugi sono stati, inoltre, condannati al pagamento delle spese processuali sostenute dalle parti civili.

A Lanceri era stato contestato inizialmente il favoreggiamento ma nel corso delle indagini l’accusa è stata modificata.
L’inchiesta che ha portato a scoprire il ruolo della donna e del marito, cugino del geometra che ha prestato l’identità al boss, è stata coordinata dal procuratore di Palermo Maurizio De Lucia e dall’aggiunto Paolo Guido. Emanuele Bonafede e Lorena Lanceri per mesi hanno ospitato Matteo Messina Denaro a pranzo e cena nella loro casa di Campobello di Mazara consentendogli – secondo gli inquirenti – non solo di trascorrere molte ore in tranquillità e in loro compagnia in un contesto domestico-familiare ma, anche e soprattutto, di incontrarsi con numerose persone e di entrare e uscire dalla loro abitazione effettuando accurati controlli per ridurre il rischio di essere avvistato dalle forze dell’ordine”.

Oltre a preparare il cibo al boss ricercato, infatti, la coppia effettuava una stretta vigilanza sulla zona: i video delle telecamere di sorveglianza di alcuni negozi li hanno ripresi mentre, dopo essersi accertati che per strada non ci fossero Polizia o Carabinieri, davano il via libera al loro ospite per farlo uscire indisturbato dall’abitazione.

Il boss ricambiava la loro fedeltà con regali di valore: al figlio dei Bonafede, nel 2017, il capomafia fece da padrino della cresima e donò un Rolex da 6.300 euro. La spesa fu annotata da Messina Denaro in un pizzino.
Dalle indagini è emerso anche che Lanceri e il boss avevano una relazione. Gli inquirenti hanno trovato una lettera firmata Diletta – secondo i pm nome in codice di Lanceri – in cui la donna, che sarebbe stata vicina al boss durante tutta la malattia, dichiarava a Messina Denaro i suoi sentimenti.
Nel corso delle indagini sono state trovate impronte di Lanceri sul diario di Matteo Messina Denaro e su diversi cd e dvd custoditi dal boss nell’abitazione di Campobello di Mazara. Riscontrati anche acquisti di oggetti a lui destinati (felpe, scarpe, libri e poster) effettuati online dall’account della donna.

Prosegue a Paceco, nella Villa Comunale la rassegna estiva “A Macaràro” [AUDIO]

Ne parliamo con Giovanna Scarcella, la curatrice dell'evento
Nell'anniversario della strage mafiosa di via d’Amelio
Intervista a Paolo Salerno, l'organizzatore della rassegna che da 16 anni propone i gusti dal mondo
Completato il revamping di due pozzi a Castelvetrano, in dirittura di arrivo quello dei pozzi di Trapani e Calatafimi
Possono partecipare alla selezione adulti tra i 18 e gli 80 anni di età e minori tra i 14 e i 17 anni di età
Una mostra mercato di prodotti tipici di enogastronomia, artigianato e commercio e tutto ciò che è di più rappresentativo per la Sicilia, e ogni sera è prevista musica
L'artista di Brolo ha incantato il pubblico con un mix di suoni, spaziando dal jazz al folk
Lo spettacolo si terrà in occasione della commemorazione della strage di Paolo Borsellino

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
Dei tre punti monitorati in provincia di Trapani, due risultano fuori dai limiti di legge
Tra queste, cinque cittadini tunisini che hanno violato il divieto di ingresso nel territorio nazionale italiano
Dieci imputati saranno giudicati con il rito abbreviato, gli altri otto con quello ordinario
Intervista all'assessore Emanuele Barbara e a Livio Marrocco presidente di Nova Civitas
Si tratta del terzo spettacolo in cartellone e si terrà al Salotto Culturale Insonnia il 24 luglio
L'autrice firmerà il suo libro “Granita e baguette”, nuovo “capitolo” della saga delle Signore di Monte Pepe
Con Ornella Fulco parliamo del primo appuntamento della rassegna letteraria di questa sera, giovedì 18 luglio al Teatro comunale di Valderice