Premio letterario “Città di Erice”, scelti i tre finalisti

La premiazione il 25 agosto al Teatro Ghebel Hamed

Si è conclusa la prima selezione dei libri candidati all’edizione 2024 del Premio letterario “Città di Erice” organizzato dall’associazione Vivere Erice e patrocinato dal Comune.
I tre libri ammessi alla fase finale sono L’uomo di zolfo di Silvana La Spina, Bompiani; Il cognome della donne di Aurora Tamigio, Feltrinelli; Una questione di equilibrio di Gaspare Grammatico, Mondadori.

I tre finalisti sono stati scelti sulla base di una selezione effettuata dalla giuria, composta da ventiquattro lettori “forti” che ha letto e valutato gli otto libri in concorso, editi nel 2024 e segnalati da un Comitato composto da scrittori, giornalisti, librerie indipendenti ed esperti.
Secondo il regolamento del Premio, i libri trattano temi e/o personaggi legati alla Sicilia, mettendo in risalto le sue tante espressioni e le sue contraddizioni che riportano significativamente all’identità dell’Isola.

Inizia adesso la seconda fase: i libri finalisti saranno dati in lettura ad una Giuria di qualità composta da Daria Galateria, scrittrice e francesista, Guido Barbieri, drammaturgo e musicologo, Dino Petralia magistrato in pensione, Concetto Prestifilippo, giornalista e scrittore, e Mattia Corrente, vincitore della passata edizione del Premio. Il vincitore sarà premiato domenica 25 agosto, al teatro Gebel Hamed di Erice, alla presenza della sindaca Daniela Toscano e di una rappresentanza di giurati e di studenti.

Quest’anno il Premio letterario si è arricchito di una nuova sezione interamente dedicata agli studenti con l’intento di avvicinare i giovani alla lettura. L’associazione Vivere Erice ha
stipulato convenzioni con il Liceo Classico e Scientifico “Ximenes-Fardella”, il Liceo enogastronomico “I. & V. Florio” di Erice e il Liceo Linguistico “Rosina Salvo”: i docenti hanno creato gruppi di lettura composti da studenti di tutte le classi. In questi mesi stanno leggendo cinque racconti o romanzi brevi, scelti dal Comitato ristretto, che trattano sempre temi legati alla Sicilia.
L’attività degli studenti è affiancata da incontri e dibattiti nelle scuole.
I cinque racconti o romanzi brevi sono: Cianchino di Ninni Ravazza, Avagliano; Sciara di Marina Mongiovì, Kalòs; L’alternativa del cavaliere di Alberto Genovese, Manni; Nulla d’importante di Rosalia Messina, Arkadia; Bestie di Sofia Pirandello, Round Robin. La Giuria giovani voterà il vincitore che sarà premiato dagli studenti il 25 agosto.

“La Giuria dei ventiquattro lettori ha concluso la selezione degli otto romanzo e decretato la terna finalista. Li ringraziamo per il grande impegno e per la puntualità e l’entusiasmo con cui hanno svolto il lavoro. Si tratta di lettori realmente appassionati alla lettura, affezionati al Premio che ci sostengono con affetto – commentano Mariza D’Anna e Noemi Genovese, presidente e vicepresidente dell’associazione Vivere Erice – . Le valutazioni sono state diverse e a volte contrastanti ma sempre costruttive, attente e di grande interesse. Adesso la Giuria di qualità si metterà al lavoro per decretare il vincitore della VI edizione. Ringraziamo anche il Comune di Erice per il patrocinio. Il nostro scopo è promuovere il libro e il piacere della lettura, intesa come arricchimento e frontiera di conoscenza, e quest’anno anche di avvicinare i giovani al mondo del libro, distogliendoli per quanto possibile dai
computer e dai telefonini”.

Il verde pubblico a Trapani non è coltura ma… Cultura [REPORTAGE]

Una storia grottesca, quasi incredibile, di piante, divieti di sosta e sfabbricidi. Per fortuna a lieto fine
Una storia grottesca, quasi incredibile, di piante, divieti di sosta e sfabbricidi. Per fortuna a lieto fine
Accompagnerà i presenti in un viaggio culinario tra le ricette tradizionali della sua terra e le sue creazioni quotidiane
La storica dell'Arte Lina Novara nominata direttrice del Museo Diocesano

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
In via Emanuela Loi e al Museo intitolato a Paolo Borsellino
Completato il revamping di due pozzi a Castelvetrano, in dirittura di arrivo quello dei pozzi di Trapani e Calatafimi