Liste d’attesa per visite mediche e ricette da rifare, la segnalazione di un cittadino

"Sarà un modo per mostrare di aver ridotto i numeri di chi attende una prestazione sanitaria?"

“È risaputo che per le visite e gli esami prescritti dal medico di famiglia viene dallo stesso assegnata, nella “ricetta”, una priorità identificata con le lettere U (urgente), B (breve), e infine D (differibile) e P (programmata). Alla priorità corrisponde un termine entro il quale l’Azienda Sanitaria deve fornire il servizio”.

Così esordisce un cittadino che si è rivolto alla nostra redazione per segnalare quella che – a suo dire – è una anomalia che ha riscontrato nel sistema delle visite specialistiche erogate dalla Sanità pubblica. Che le liste d’attesa siano un problema, in Sicilia, è cosa nota e la Regione ha varato, nei mesi scorsi, un preciso piano a cui le Asp devono rispondere. Di qualche giorno fa anche la notizia che i manager delle Aziende sanitarie rischiano la decadenza dall’incarico se le liste non vengono smaltite in tempi rapidi.

“Lo scorso 13 marzo – prosegue – il mio medico di famiglia prescriveva ad un mio familiare minore un accertamento con priorità D e che quindi, a norma di legge, andava garantito dall’ASP di Trapani entro 30 giorni. Mi veniva, invece, prenotato per il successivo 17 maggio presso un Centro privato convenzionato di Marsala.

Stamani, contattato il Centro per confermare la nostra presenza domani mi sono visto rispondere che la mia ricetta era “scaduta” in quanto trascorsi i 30 giorni. A nulla è valso spiegare che io avevo prenotato nei termini e che era stata l’ASP di Trapani ad assegnarmi quella data come la prima disponibile.

Siamo di fronte ad una palese inversione dei fatti: non è l’ASP che non trova di meglio che offrirmi una data a 64 giorni invece che a massimo 30 per l’accertamento medico, ma sono io ad aver fatto scadere la ricetta!

L’operatrice del Centro medico di Marsala, tuttavia, mi offriva la soluzione: quella di far emettere una nuova ricetta dal medico di famiglia e di presentarmi domani con quella.

A pensare male si fa peccato – prosegue il cittadino – ma a volte s’azzecca, diceva qualcuno. Che forse, in tal maniera, qualche dirigente ASP o del Centro Medico – non saprei – vuole dimostrare alla Regione Siciliana che le liste d’attesa non esistono a Trapani, che le visite e gli esami vengono tempestivamente svolti?”.

Una richiesta legittima che gireremo all’Asp di Trapani, anche per capire se si è trattato di un caso isolato o di una “prassi” più diffusa.

Andrea Devicenzi e Lombardo Bikes sulla strada del Blues [AUDIO]

Un viaggio in bicicletta che porterà il pluricampione paralimpico a percorrere le 1600 miglia della Route 61 da Chicago a New Orleans
0-2 a Gavorrano e il Trapani Calcio conquista il suo secondo obiettivo stagionale. Ma non è "fortuna"
Un viaggio in bicicletta che porterà il pluricampione paralimpico a percorrere le 1600 miglia della Route 61 da Chicago a New Orleans
Assegnati oltre 3 milioni di euro dal Ministero per realizzare le strutture a Bosco e ad Amabilina
Per realizzare, adeguare o ampliare la viabilità al servizio delle aree rurali e delle aziende agricole
Nel 350° anniversario della sua apparizione a Santa Margherita Maria
"La corsa contro il tempo per inserire l'opera nell'Accordo di sviluppo e Coesione –FSC è seria e impegnativa"
Petit, nome d’arte di Salvatore Moccia, giovane artista classe 2005, finalista dell’edizione 2023 di “Amici” che ha appena pubblicato “PETIT”, il primo EP omonimo

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...
Trapani Shark-Udine

Bentornati play-off

Ne parliamo con Giacomo Incarbona
Garantita solo la diretta streaming sul canale YouTube della lega
Ieri il momento conclusivo del programma "Frutta e verdura nelle scuole"
Sarà utilizzato l’elenco degli idonei non vincitori del concorso indetto nel 2021
Erano su un’imbarcazione alla deriva a circa 10 miglia nautiche dal porto