Mafia, le istruzioni del fratello a Rosalia Messina Denaro per evitare telecamere e cimici degli investigatori [VIDEO]

Matteo Messina Denaro usava termini tecnici e dava consigli alla sorella Rosalia su come evitare le trappole degli inquirenti. Indicazioni dettagliate che fanno sospettare agli inquirenti una fuga di notizie tra le file delle Forze dell’ordine

Lo ha messo nero su bianco il gip di Palermo, Alfredo Montaldo, nell’ordinanza di arresto della donna, eseguito ieri dai Carabinieri del ROS, alla luce dei diversi pizzini trovati nella casa di Castelvetrano della maggiore della famiglia Messina Denaro. I termini usati dal boss latitante, la sua consapevolezza della presenza di microspie e telecamere nascoste alla base delle scelte dei luoghi in cui incontrare la sorella, fanno pensare che il capomafia sapesse bene dove erano collocate le trappole. «L’evidente tecnicismo lessicale utilizzato – scrive il gip – fa senza dubbio ipotizzare il potenziale coinvolgimento di appartenenti alle forze dell’ordine o di specialisti forniti di uno specifico know how nel settore, unici in possesso di tali preziose informazioni».

In una lettera dell’8 novembre 2021 ritrovata nell’abitazione del boss a Campobello di Mazara, indirizzata a “Fragolone” – il nome in codice della sorella Rosalia – gli inquirenti hanno trovato non parte del linguaggio cifrato usato da Matteo Messina Denaro ma anche informazioni di cui Rosalia è venuta a conoscenza. La donna, ad esempio, «era venuta in possesso di notizie sul funzionamento delle telecamere installate dalla polizia giudiziaria per finalità investigative (classicamente oggetto delle costanti e ripetute attenzioni che notoriamente gli associati mafiosi pongono in essere per porre rimedio alle attività d’indagine)».

I Carabinieri del Ros hanno trovato un appunto scritto a mano da Rosalia Messina Denaro, una sorta di vademecum di una decina di righe scritte in stampatello con inchiostro blu, su come scoprire eventuali telecamere. Si legge: «Quando si tratta di telecamere, ci deve essere nella cassetta necessariamente un buco, il buco è nella direzione dove vogliono guardare. Senza buco non può mai essere telecamera, ci sono tante cassette senza buco che loro montano nei pressi delle case dove montano microspie e telecamere. Queste cassette si chiamano “cassette di rilancio segnale”, cioè, le telecamere e le microspie che loro montano nelle case non hanno la forza di mandare il segnale sin dove sono loro. Allora ci vogliono queste cassette di rilancio che captano il segnale dalle vicine microspie e telecamere e lo rilanciano fin dove sono loro, queste cassette di rilancio fanno arrivare il segnale a centinaia di km. Cioè senza queste cassette di rilancio loro non riceverebbero nessun segnale sia dalle microspie sia dalle telecamere. Se sono cassette di rilancio segnale perchè montarle proprio ora e non prima – commenta il capomafia – dato che le microspie da te ci sono da sempre? Questo non lo so, posso pensare che da poco hanno montato da te cose più sofisticate ed hanno bisogno di queste cassette di rilancio proprio vicine la casa, perché in generale mettono a circa 100 metri da dove montano le loro cose. Se, invece, sono telecamere devono avere per forza un buco, senza buco non possono essere telecamere. Il buco è rotondo oppure rettangolare, ultimamente montano queste con il buco rettangolare, pensano che hanno più visuale».

Il boss quindi continuava con i consigli per la sorella: «Prima ti devi accertare se sono telecamere o cassette di rilancio, e questo lo puoi capire se c’è il buco o meno. Se non ti convinci chiami un elettricista e gli dici chiaramente che ti hanno montato queste cose e che da quando le hanno montate a casa tua hai problemi di luce, cioè che tutto funziona ad intermittenza, stacca sempre tutto e blabla. Quindi gli dici che vuoi sapere cosa sono e che le vuoi tolte. Se ha problemi, fa che usi carta intestata dove attesti che sei tu che le hai volute tolte perché hai problemi di luce a casa, e che firmi il foglio, così non avrà problemi se le smonta, che metti due mazzate alle cassette, cioè che le rompi e le metti per terra sotto la tettoia, così se le vedono rotte se le vengono a prendere. Tu a casa tua puoi fare tutto è un tuo diritto, se invece te la puoi sbrigare tu senza l’elettricista è meglio, ma non prendere la corrente ti prego, usa sempre pinze con manici isolanti e i fili toccarli sempre ad uno ad uno, mai toccarli due assieme, e stacca sempre il contatore, e quando fai ciò portati qualche familiare. Quindi se siano telecamere o siano cassette di rilancio distruggi tutto già da ora, tu sei a casa tua e puoi fare tutto, non avere paura. Poi però mi devi dire se sono telecamere o cassette senza buco. Quando la cassetta funge da telecamera ed ha il buco rettangolare, questo buco rettangolare è coperto da un vetro, forse per evitare che uccelli ci entrano a fare il nido, e così mettono il vetro a protezione». GUARDA IL VIDEO 

Fileccia v/s Barbara, polemica a suon di “Pop Fest” [AUDIO e VIDEO]

Barbara "In estate tornerà la ruota panoramica", Fileccia "Se è così, la prossima festa di capodanno la organizzo io!"
Sono il 51enne Francesco Marchese, la 43enne Giuseppa Valentina Piccione e la 43enne Donatella Ingardia
Non metteva post pubblici, ma utilizzava molto la messaggistica privata
Sabato 28 e domenica 29 aprile nella piazza ex Mercato del pesce
"Su altre opere candidate dal Comune di Trapani si aprirà un tavolo di confronto con la governance della ZES"

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Sogni veri di una vita inventata

Una seconda possibilità è una grande dimostrazione di amore e compassione verso me stesso e potrebbe rappresentare un passo importante per la mia crescita...

Do you remember 2023?

Torna il blog di Andrea Castellano e si tuffa nell'anno appena passato: dalla crisi alla rinascita
Gli studenti di alcune scuole primarie parteciperanno ad una visita teatralizzata
Dopo la notifica della misura della custodia cautelare in carcere aveva accusato un malore