Erice, ricordato il 31° anniversario della morte del carabiniere Gennaro Esposito

Perse la vita nel 1992, durante un servizio notturno ad Erice

Ricordato oggi il 31esimo anniversario della morte del carabiniere Gennaro Esposito avvenuta accidentalmente nel 1992, durante un servizio notturno ad Erice.

L’Arma dei Carabinieri, con la collaborazione della locale Amministrazione comunale, ha voluto ricordare il compianto servitore dello Stato caduto nell’adempimento del proprio dovere, con una cerimonia commemorativa che si è svolta a Porta Trapani con la deposizione di una corona di alloro seguita dalla celebrazione della messa nella chiesa di San Martino.

Gennaro Esposito era un giovane militare dell’Arma originario di San Giorgio a Cremano (NA) che avrebbe compiuto 24 anni pochi mesi dopo il tragico evento. Si era arruolato nei Carabinieri agli inizi degli aNovanta anta ed era stato destinato, alla fine del corso, alla Stazione Carabinieri di Erice dove ha prestato servizio con dedizione e professionalità.

La notte tra il 30 e il 31 maggio 1992, Esposito, libero dal servizio, aveva deciso di seguire i colleghi, impegnati in un servizio perlustrativo mirato alla prevenzione e repressione dei reati nell’abitato. In quella circostanza si era posizionato nei pressi di Porta Trapani, su un tratto delle mura ciclopiche sotto le quali si apre un ampio parcheggio. Da quella posizione, infatti, aveva una buona visuale che gli permetteva di comunicare ai colleghi, tramite radio portatile, le novità o i movimenti sospetti nella zona. Ciò era avvenuto fino a poco dopo le 2, quando le comunicazioni si erano interrotte. Sorpresi dal suo silenzio, i colleghi si erano messi alla sua ricerca scoprendo che il malcapitato era caduto da un’altezza di circa otto metri a causa del cedimento del muro su cui si trovava appostato. Alla cerimonia, come ogni anno, hanno preso parte i due colleghi – ancora in servizio al Comando Provinciale di Trapani – che per primi soccorsero Esposito dopo la tragica caduta.

Il verde pubblico a Trapani non è coltura ma… Cultura [REPORTAGE]

Una storia grottesca, quasi incredibile, di piante, divieti di sosta e sfabbricidi. Per fortuna a lieto fine
L'episodio è avvenuto nella notte tra il 25 e il 26 giugno scorso
Lo hanno siglato il questore Giuseppe Peritore e la presidente Aurora Ranno
Dal 24 al 28 luglio in piazza ex Mercato del pesce
Sabato sera si è svolto il quarto appuntamento della rassegna concertistica, arricchito da aneddoti e racconti che hanno reso l'esperienza ancora più coinvolgente e apprezzata dagli spettatori
Al suo interno il pubblico troverà tutto ciò che di più rappresentativo la nostra amata Sicilia, e non solo, ha da offrire
Il Centro di Salute Mentale è una delle due strutture in Sicilia ad utilizzare il sistema Nesplora
"Con le mie ali, trovare sé stessi, cambiare il mondo" vuole essere un’indagine sui cambiamenti di prospettiva del mondo giovanile, sulle prove attraverso le quali ragazze e ragazzi divengono adulti

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
Una storia grottesca, quasi incredibile, di piante, divieti di sosta e sfabbricidi. Per fortuna a lieto fine
Accompagnerà i presenti in un viaggio culinario tra le ricette tradizionali della sua terra e le sue creazioni quotidiane
La storica dell'Arte Lina Novara nominata direttrice del Museo Diocesano