Infrastrutture ZES Trapani e protezione naturalistica, le critiche di Erythros [AUDIO]

"Il progetto elaborato presenta criticità per le possibili ricadute sull’ambiente circostante"

L’associazione Erythros interviene sulla questione della costruenda strada di collegamento tra la zona industriale e il porto di Trapani nell’ambito della ZES. Del progetto, di recente illustrato dall’amministrazione comunale, abbiamo parlato in questo articolo.

“La ZES può essere una opportunità – si legge in una articolata nota diffusa alla stampa – ma il progetto elaborato presenta criticità per le possibili ricadute sull’ambiente circostante. Sembra che i tecnici/esperti e i politici le abbiano ignorate o aggirate rischiando, così, la bocciatura del progetto da parte degli Enti reposti alla sua definitiva approvazione e di tutte le altre organizzazioni preposte alla salvaguardia dell’ambiente”.

Erythros si esprime in maniera critica rispetto alla realizzazione delle infrastrutture legate alla ZES, in particolare modo su quelle impattanti sull’area delle saline. “Sempre più i cittadini, attualmente meglio informati – prosegue il documento – si chiedono il perché di un viadotto che corre parallelo ad un altro già esistente a supporto di un ipotetico aumento di traffico merci al porto di Trapani. Un viadotto che dovrebbe ridurre (di meno di un km!!!) il percorso rispetto a quello esistente, che si trova a passare sopra una delle pochissime aree verdi della città, da poco recuperata dallo stesso comune di Trapani, che vede (al momento in cui scriviamo) l’insediamento di cicogne – uccelli raramente visti a Trapani. Si chiedono il perché di una nuova strada compresa fra via Libica e via G. Salvo, da adibire solo al traffico cittadino, che dovrebbe passare attraverso le saline Collegio e Modica, che sono zone Habitat 1150 e IBA e che rappresentano ciò che si è riuscito a sottrarre all’espansione urbana, circa una trentina di anni fa, grazie all’istituzione della Riserva”.

L’associazione, inoltre, si chiede “perché, insieme alla presentazione della ZES, si parli anche di una lottizzazione che, a ridosso delle vasche frequentate ormai da decine di diverse specie di uccelli, prevede la costruzione di palazzine, negozi e addirittura una multi sala, scelta che ancor di più danneggerebbe il tessuto economico della città storica”.

Una questione, insomma, che suscita anche da diverse altre parti perplessità e obiezioni. Abbiamo sentito il presidente di Erythros, Camillo Mangiarotti. Per ascoltare l’intervista, schiaccia PLAY

Qui sotto è possibile leggere il documento integrale diffuso dall’associazione
Erythros su strada ZES Trapani

Le borse di studio al Polo Universitario di Trapani, i dettagli [AUDIO]

Ne parliamo con la professoressa Giovanna Parisi, coordinatrice del corso di laurea in Biodiversità e Innovazione Tecnologica
Ne parliamo con la professoressa Giovanna Parisi, coordinatrice del corso di laurea in Biodiversità e Innovazione Tecnologica
Schifani: «Ordinanza per tutelare la salute degli addetti più a rischio»
La vicenda riguardava la gestione del depuratore
Si prosegue, fino al 20 luglio, con un ricco programma di proiezioni a cielo aperto, incontri e dibattiti, degustazioni e spettacoli
Due mesi di concerti, spettacoli e performance che abbracciano sette secoli di storia musicale, dal Medioevo al Barocco
L'inizio della sua collaborazione con la squadra di calcio cittadina risale al 1975

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
L'organismo ha lo scopo di effettuare un monitoraggio congiunto e una valutazione complessiva degli interventi
Il sindaco Forgione: "Bloccate risorse per importanti opere"
Un'altra divertente intervista al talentuoso "trumpet player" trapanese, che ha fatto breccia anche nel mondo dei Griffin
Si spazierà tra proposte differenti che vadano incontro a pubblici diversi, tra teatro, musica e danza
Fondato nel 1991, per iniziativa di Antonio Sottile, ha preso parte a centinaia di concerti e manifestazioni artistiche in Italia e in Europa
Il teatro si colorerà di un immersivo fuoco "buono" che assale le colonne, si inerpica e tinge il tempio di rosso. Le repliche si terranno il 16, 17 e 18 luglio
Inaugurazione il 21 luglio, alle ore 19:00, con il concerto "Capo Verde in Musica Jerusa Barros 4th” presso il teatro a mare “Pellegrino 1880”
Dal 17 al 19 luglio in corrispondenza di un passaggio a livello