Operaio morto a Salemi, le reazioni dei sindacati

“La strage continua, la rabbia e il dolore non bastano più".

“La strage continua, la rabbia e il dolore non bastano più”. Lo affermano i segretari generali di Uil Sicilia e Uil Trapani, Luisella Lionti e Tommaso Macaddino a seguito dell’incidente che è costato la vita, oggi pomeriggio, ad un operaio di 33 anni che lavorava presso una pala eolica.

“Lasciamo che magistratura e forze dell’ordine assicurino giustizia e verità ai familiari dell’operaio morto sul lavoro oggi a Salemi. Noi, intanto – proseguono – denunciamo inerzie, ritardi, misure-spot della politica. Se non si fa subito qualcosa, se i Governi non affrontano le cause di questa strage che si consuma ogni giorno nei cantieri, nei campi e nelle fabbriche, il numero di morti sul lavoro crescerà ancora seguendo una tragica tendenza che in Sicilia sta tutta in pochi numeri: 65 vittime nel 2023, 60 nell’anno precedente. Quest’anno, i morti tra gennaio e marzo sono stati 10 e già appena a metà maggio ci avviciniamo pericolosamente a quota 20. Chiediamo formazione, controlli, prevenzione. Non è questione di patente a punti per imprenditori. La vita di un lavoratore non si valuta a punti!”.

All’interno dei cantieri è emergenza sicurezza. Bisogna agire e subito per garantire condizioni di lavoro sicuro”.  Così interviene la segretaria generale della Cgil Liria Canzoneri e il segretario provinciale della Fiom Cgil Giuseppe Bucca intervengono a seguito dell’ennesimo incidente sul lavoro, avvenuto al parco eolico Erg Wind Energy di Salemi.
“A nome di tutta la Cgil – dicono i segretari Canzoneri e Bucca – esprimiamo profondo cordoglio alla famiglia del giovane operaio Giuseppe Carpinelli. È il momento – proseguono  – di dire basta, di passare dalle parole ai fatti.
Attendiamo che la magistratura faccia chiarezza sulla dinamica dell’incidente, ma è indispensabile una stretta sui controlli e una serrata azione di vigilanza nei cantieri, sopratutto, all’interno delle aziende in sub appalto dove, troppo spesso, si celano sfruttamento, lavoro precario e non sicuro”.
“È una strage senza fine, si intervenga subito perché ogni giorno contiamo vittime. Ormai è emergenza nazionale”. Ad affermarlo è Leonardo La Piana segretario generale CISL Palermo Trapani dopo l ‘ennesima morte bianca avvenuta oggi a Salemi . “Una settimana nerissima per il nostro territorio, iniziata con la strage di Casteldaccia. Basta retorica, basta parole di solidarietà che non portano a fatti concreti come interventi urgenti per garantire la vita dei lavoratori con prevenzione, controlli, formazione. Bisogna investire sulla cultura della sicurezza fin dai banchi di scuola, servono controlli più serrati e un.nunero maggiore di ispettori. Siamo sconvolti un altro lavoratore non farà rientro a casa, si accertino le responsabilità” conclude La Piana.

Custonaci, la Sicilia e i suoi borghi: sabato il convegno [AUDIO]

Col primo cittadino Fabrizio Fonte abbiamo parlato del terzo ed ultimo week end de "i borghi dei tesori"
Domenica la partita decisiva sarà disputata al PalaCardella
Disponibile alla postazione di Poste Italiane allestita alla Villa Margherita
Erogazione dell'acqua rimandata a domenica 26 maggio, il 27 nella zona nuova della città
Saranno trasmesse al Consiglio comunale e poi all'Assessorato regionale competente
Gruppo musicale elettro-pop-rap milanese che ha appena rilasciato il nuovo singolo “Maranza” in collaborazione con Fabio Rovazzi
Oltre al martedì e giovedì mattina, anche il mercoledì dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 18

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...
Trapani Shark-Udine

Bentornati play-off

Ne parliamo con Giacomo Incarbona
Completamente ristrutturato e allestito con uffici moderni, digitalizzati e dotati di postazioni di lavoro attrezzate
Manca il numero di firme autenticate nelle due liste presentate richiesto dal regolamento
Gli addetti alla sicurezza non erano tra quelli iscritti negli appositi registri della Prefettura
Col primo cittadino Fabrizio Fonte abbiamo parlato del terzo ed ultimo week end de "i borghi dei tesori"