Incendi boschivi, Ciminnisi (M5S): «Capire cosa non ha funzionato nel sistema di prevenzione. Il Governo risponda in aula»

La commissione di inchiesta dovrebbe fare luce sulle falle del sistema di prevenzione e contrasto agli incendi che sistematicamente devastano la Sicilia

Una commissione parlamentare di inchiesta ed una interrogazione sul sistema di prevenzione e contrasto agli incendi. Con la presentazione di un ordine del giorno ne ha chiesto l’istituzione la deputata regionale Cristina Ciminnisi (M5S) nel corso di un durissimo intervento d’aula pronunciato ieri pomeriggio a nome del gruppo parlamentare. Contestualmente la deputata trapanese ha annunciato il deposito della interrogazione, di cui è prima firmataria, anticipando alcune delle domande sul sistema di prevenzione e sulla dotazioni di uomini e mezzi contro i roghi e chiedendo la risposta del Governo Schifani in aula.

«Vogliamo vederci chiaro e capire – afferma la deputata Ciminnisi –. Il governo non può più sottrarsi al tema della prevenzione, come non può continuare a sottrarsi al confronto col Parlamento (ieri Schifani, anziché presentarsi in aula, ha inviato una lettera per comunicare con i deputati, ndr). Per costringere il governo a rispondere, ho presentato un’interrogazione sul piano per la difesa della vegetazione dagli incendi boschivi (AIB). Vogliamo sapere quali attività prescritte nel piano di prevenzione sono state messe in atto e quali no. Vogliamo capire se la Regione ha fatto tutto ciò che era nelle sue possibilità per prevenire i disastri che abbiamo registrato la settimana scorsa. Bisogna capire dove si è sbagliato per potervi porre rimedio. La Sicilia non può continuare a vivere nel terrore degli incendi estivi, serve una strategia e – come abbiamo ripetuto mille volte – serve anche e soprattutto una riforma della forestazione che garantisca alla nostra terra una forza lavoro presente tutto l’anno».

La commissione di inchiesta dovrebbe fare luce sulle falle del sistema di prevenzione e contrasto agli incendi che sistematicamente devastano la Sicilia, come nei giorni scorsi, quando i roghi, da un capo all’altro dell’isola, hanno causato morti, mandato in fumo vastissime aree di macchia mediterranea, bruciato case e interessato aree urbane, assi viari e siti culturali, come il parco archeologico di Segesta, nel trapanese, e la chiesa di Santa Maria di Gesù, nonché la discarica di Bellolampo, nel Palermitano.

Il “Battesimo di Cristo” dal pennello di Edoardo La Francesca [AUDIO]

Il pittore trapanese ha dipinto la tela che adornerà la chiesa di San Giuseppe a Castellammare del Golfo
La storica Biblioteca diventa interattiva e accessibile a tutti grazie all'introduzione di tecnologie digitali all'avanguardia
"Un anno fa l'annuncio del ripristino delle risorse finanziarie e della necessità di avviare una nuova procedura di gara,, ma nulla si è mosso"
Il militare si trovava, libero dal servizio, in un centro commerciale a Milazzo, nel Messinese
Lo dispone, per oggi, un provvedimento della Polizia Municipale
Promosso dalla coop sociale Badia Grande in occasione della Giornata Mondiale del Rifugiato
Il 10 ottobre scorso il Consiglio comunale aveva deciso il conferimento accogliendo la proposta della Giunta
Presentato progetto per l'installazione di ulteriori telecamere per la sorveglianza del territorio
È la seconda unità del genere della Compagnia di navigazione
Sanzioni per un gruppo di turisti, un gestore di lido balneare e un noleggiatore di attrezzature da spiaggia

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
Quando si raggiungono i 35 gradi, in assenza di risveglio in grado di mitigare il rischio nei cantieri, bisogna interrompere le attività