giovedì, Febbraio 29, 2024

Incendi boschivi, Ciminnisi (M5S): «Capire cosa non ha funzionato nel sistema di prevenzione. Il Governo risponda in aula»

La commissione di inchiesta dovrebbe fare luce sulle falle del sistema di prevenzione e contrasto agli incendi che sistematicamente devastano la Sicilia

Una commissione parlamentare di inchiesta ed una interrogazione sul sistema di prevenzione e contrasto agli incendi. Con la presentazione di un ordine del giorno ne ha chiesto l’istituzione la deputata regionale Cristina Ciminnisi (M5S) nel corso di un durissimo intervento d’aula pronunciato ieri pomeriggio a nome del gruppo parlamentare. Contestualmente la deputata trapanese ha annunciato il deposito della interrogazione, di cui è prima firmataria, anticipando alcune delle domande sul sistema di prevenzione e sulla dotazioni di uomini e mezzi contro i roghi e chiedendo la risposta del Governo Schifani in aula.

«Vogliamo vederci chiaro e capire – afferma la deputata Ciminnisi –. Il governo non può più sottrarsi al tema della prevenzione, come non può continuare a sottrarsi al confronto col Parlamento (ieri Schifani, anziché presentarsi in aula, ha inviato una lettera per comunicare con i deputati, ndr). Per costringere il governo a rispondere, ho presentato un’interrogazione sul piano per la difesa della vegetazione dagli incendi boschivi (AIB). Vogliamo sapere quali attività prescritte nel piano di prevenzione sono state messe in atto e quali no. Vogliamo capire se la Regione ha fatto tutto ciò che era nelle sue possibilità per prevenire i disastri che abbiamo registrato la settimana scorsa. Bisogna capire dove si è sbagliato per potervi porre rimedio. La Sicilia non può continuare a vivere nel terrore degli incendi estivi, serve una strategia e – come abbiamo ripetuto mille volte – serve anche e soprattutto una riforma della forestazione che garantisca alla nostra terra una forza lavoro presente tutto l’anno».

La commissione di inchiesta dovrebbe fare luce sulle falle del sistema di prevenzione e contrasto agli incendi che sistematicamente devastano la Sicilia, come nei giorni scorsi, quando i roghi, da un capo all’altro dell’isola, hanno causato morti, mandato in fumo vastissime aree di macchia mediterranea, bruciato case e interessato aree urbane, assi viari e siti culturali, come il parco archeologico di Segesta, nel trapanese, e la chiesa di Santa Maria di Gesù, nonché la discarica di Bellolampo, nel Palermitano.

Esultanza Trapani. Foto: Joe Pappalardo

Provinciale sotto i riflettori: in serale le partite di Imolese e Siracusa [AUDIO]

L'inizio delle due sfide è previsto per le 20:30, per il ritorno di Coppa Italia cambia anche la data
Presenti anche gli sportivi del Trapanese destinatari delle benemerenze CONI consegnate lo scorso dicembre
Coinvolte dodici persone che si occuperanno della cura del Verde a Favignana
"Impossibile garantire alla comunità una regolare distribuzione idrica con mezzi alternativi"
"Esperienza positiva, contento di avere avuto l'opportunità di rappresentare la mia gente" ha dichiarato l'ala granata

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Sogni veri di una vita inventata

Una seconda possibilità è una grande dimostrazione di amore e compassione verso me stesso e potrebbe rappresentare un passo importante per la mia crescita...

Do you remember 2023?

Torna il blog di Andrea Castellano e si tuffa nell'anno appena passato: dalla crisi alla rinascita
Il primo dirigente della Polizia di Stato ha all'attivo una lunga e articolata carriera
Un violento nubifragio si è abbattuto sulla cittadina
Con le donne migranti del centro SAI e l'associazione Il Mulino
Si tratta di sistemi di ancoraggio e relitti potenzialmente pericolosi per ecosistema e bagnanti