Trapani Shark, Parente: “Grandi cose nei primi 17 minuti”

Il tecnico della squadra granata ha affermato di aver visto grandi passi in avanti in difesa

Quarta vittoria consecutiva per la Trapani Shark che ha superato la JuVi Cremona per 82-75. Una prestazione che ha lasciato comunque soddisfatto il coach della squadra lombarda Bechi. Il tecnico si è congratulato con la società siciliana per l’ambizioso progetto: “È sempre un piacere venire a Trapani, soprattutto in questa location completamente rinnovata. Complimenti al presidente e al club. Bisogna dare il merito a Trapani, soprattutto a coach Parente, che ha dimostrato ancora una volta di essere un grande allenatore”.

A seguire, coach Parente ha fatto ingresso in sala per commentare la gara: “Una partita tosta come ci aspettavamo contro una squadra allenata molto bene. Ho visto dei progressi per 17 minuti, dobbiamo essere meno superficiali in alcune situazioni. Dobbiamo ancora inserire Horton. Noi abbiamo un roster profondo e non deve mai calare la concentrazione. Non mi preoccupano per niente le percentuali di tiro”.

“Lavoreremo per mettere più ritmo, ma sono soddisfatto degli equilibri che abbiamo trovato in così poco tempo. Quando in attacco ti puoi presentare con Notae e Marini la squadra avversaria non può tenere entrambi a bada, sono attaccanti nati. Bisogna essere efficienti per 40 minuti e nei primi 17 ho visto davvero grandi cose, sono molto soddisfatto”, ha evidenziato il tecnico dei trapanesi.

Sull’entusiasmo e sull’imprevedibilità, coach Parente ha dichiarato: “È veramente bello allenare questa squadra, così bello che bisogna essere bravi a capire cosa si può fare e quando. Il talento da solo non basta, dobbiamo essere funzionali nel corso dei 40 minuti. Ci sono stati dei passi in avanti in difesa, possiamo ancora migliorare, dobbiamo cominciare ad essere più consistenti”.

“Dobbiamo dare un occhio anche ai minutaggi, arriverà il tempo per tutti – ha affermato il tecnico toscano -. Viene prima la squadra e sulla lunga un roster così profondo farà la differenza. È il campo il giudice supremo e serve tempo. Sappiamo che domenica arriva Cantù, un avversario con cui giocheremo ad armi pari”.

“Possibilità di servire un uomo sempre libero? Tutte le squadre hanno un manuale – ha aggiunto compiaciuto coach Parente -, ma un conto è fare le letture a 70 pulsazioni, un altro conto è farle in campo a 160. Si tratta di un piccolo dettaglio che le grandi squadre devono avere. Bisogna capire chi cavalcare in un determinato momento finché l’avversario non trova la contromossa”.

Trapani Baskin Open Day, festa dello sport inclusivo [AUDIO]

Ne abbiamo parlato con Filippo Frisenda,  delegato regionale EISI
Sarebbero state rimpinguate con sabbia proveniente da altri luoghi
L’iniziativa è frutto della preoccupante carenza idrica che sta colpendo la Sicilia
Prevista l'istituzione di un fondo specifico destinato al finanziamento dei riti della Settimana Santa iscritti al REIS
Sarà l'occasione per scoprire il paesaggio incontaminato, dove la natura ha ripreso il sopravvento, dopo il devastante incendio di un anno fa
Un'opportunità per affrontare i temi cruciali della tutela dell'ambiente e dello sviluppo sostenibile
Duo di producers multiplatino con più di tre milioni di ascoltatori mensili su Spotify

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
"Nel programma approvato a maggio abbiamo puntato sulla qualità degli eventi che si articolano da giugno a settembre"
"Il Comune di Trapani si faccia trovare pronto con un progetto unitario per accedere alle risorse della rigenerazione urbana"
L’evento sarà un'occasione significativa per esplorare approfonditamente gli aspetti naturalistici e culturali dei paesaggi delle due isole vulcaniche
La selezione, rispondendo in primis al principio di sostenibilità, ha elaborato un cartellone che prenderà il via a metà luglio e durerà tutta l’estate
Nell'occasione si presenta il libro “Pietro il pescatore pastore” di don Fabio Pizzitola