Trapani, in via di ultimazione “culla per la vita” nella parrocchia San Pietro

Il vescovo scrive poesia dedicata al neonato abbandonato a Paceco

Si chiama “culla per la vita” ed è in fase di realizzazione presso la parrocchia “San Pietro” a Trapani.

Le “culle” sono strutture concepite per permettere alle donne in difficoltà che decidano di non tenere un figlio, di lasciare i loro neonati nel completo anonimato e in assoluta sicurezza per i piccoli. Uno dei modi possibili per evitare gesti estremi di abbandono, come quello accaduto ieri a Paceco, senza violare la legge italiana.

Intanto, proprio su quanto avvenuto ieri, il vescovo di Trapani ha voluto esternare la sua emozione con una poesia dedicata al piccolo Francesco Alberto. Il neonato, come raccontiamo in un articolo di stamattina, sta bene.
Ecco il testo della poesia

Il “Battesimo di Cristo” dal pennello di Edoardo La Francesca [AUDIO]

Il pittore trapanese ha dipinto la tela che adornerà la chiesa di San Giuseppe a Castellammare del Golfo
Schifani e Turano: «La Regione investe sui giovani, risorse triplicate»
Per il nuovo film di Margherita Spampinato dal titolo "Gela"
Nel 2024 si stima che saranno raccolte 3.504 tonnellate di imballaggi in acciaio, un +40,7% rispetto al 2023
Il segretario provinciale del Partito Democratico critico sulla riforma voluta dal governo nazionale
Forgione: "La nostra priorità è mantenere le nostre isole pulite e accoglienti"

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
Disposta una seria di servizi straordinari delle Forze dell'ordine e altri Enti
I responsabili saranno denunciati all'Autorità giudiziaria
Sarà l'occasione per scoprire il paesaggio incontaminato, dove la natura ha ripreso il sopravvento, dopo il devastante incendio di un anno fa
Un'opportunità per affrontare i temi cruciali della tutela dell'ambiente e dello sviluppo sostenibile