Riportata alla luce la nave di epoca romana “Marausa 2”

Sarà trasferita al Museo archeologico "Baglio Anselmi" di Marsala per il trattamento conservativo

Sono giunti alla conclusione i lavori di scavo e recupero del relitto della nave romana del III secolo d.C. individuata nei fondali di Marausa, nel territorio di Misiliscemi.

Il relitto, naufragato a circa 100 metri dalla riva e adagiato a 2 metri di profondità, è in ottime condizioni e presenta un carico composto da contenitori da trasporto e una grande varietà di oggetti. Sono state già recuperati numerose anfore e materiali di grande pregio e fattura, già trasferiti al Museo archeologico “Baglio Anselmi” di Marsala per il primo trattamento conservativo.

I lavori, iniziati alla metà dello scorso mese di giugno, dopo la prima fase di scavo e documentazione, a cui sono seguite le operazioni di recupero del carico,
si sono conclusi con le delicate fasi di recupero dello scafo.
La procedura, realizzata prima grazie a reti e tessuto e poi con l’ingabbiamento in una struttura metallica con appositi supporti costruita sul posto, ha consentito di sollevare il relitto nella sua interezza. Precedentemente, lo scafo era stato messo in sicurezza, protetto e avvolto da strutture appositamente modellate per consentire il trasporto via mare dal luogo di ritrovamento fino al porto di Marsala.

«Il team di archeologi e tecnici subacquei, coordinati dalla Soprintendenza del Mare della Regione Siciliana – afferma l’assessore ai Beni culturali e identità siciliana, Francesco Paolo Scarpinato -, ha progettato e diretto l’intera operazione di recupero che rappresenta un evento di straordinaria importanza. Per la prima volta in Sicilia viene effettuata una operazione complessa e delicata che ha consentito il trasporto via mare senza intaccare la struttura originaria dell’imbarcazione».

Questa notte il relitto rimarrà sul molo a Marsala e domattina sarà trasferito, con un trasporto eccezionale su strada, al museo dove sarà immerso in una piscina con acqua dolce. Qui verrà sottoposto al processo di desalinizzazione e al successivo trattamento conservativo di consolidamento e restauro nei laboratori del museo.

La nave “Marausa 2” sarà quindi esposta al pubblico con il suo carico in una struttura museale attualmente in fase di individuazione nel territorio della provincia di Trapani.

A tal proposito, la deputata regionale trapanese del Movimento 5 Stelle ha chiesto al governo regionale di collocare il relitto in una struttura del territorio di Misiliscemi, dove ricade la frazione di Marausa, tenuto anche conto che un primo relitto, ritrovato nelle stesse acque, è da tempo esposto al Museo “Baglio Anselmi” di Marsala.

Il brindisi con gli Shark a Palazzo D'Alì 240611

Mentre Shark brinda l’assessore risponde alla Lega Nazionale Pallacanestro [VIDEO]

Adesso si cambia regime, si passa al professionismo un'era nuova che davvero non vediamo l'ora di vivere"
"I disagi e il clima di tensione che si vive in azienda sono peggiorati e i lavoratori sono stanchi e disillusi”
Letture ad alta voce e laboratori in biblioteca a partire dal 17 giugno
Con effetto immediato e fino al prossimo 31 dicembre
Ventuno milioni per le famiglie siciliane per gli affitti del 2022
Questa domenica va in scena la compagnia "Piccolo Teatro" di Alcamo con "Tintu... cu è ca ci ncagghia"
Grazie ai volontari, fino a settembre, dalle 18.30 alle 23.30

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
Sul posto Vigili del fuoco, Protezione civile comunale e Forestale
"Decisioni su progetti di grande impatto ambientale devono essere prese con il coinvolgimento delle comunità locali"
Incrementerà la portata d’acqua a disposizione della città di 15 litri al secondo
Le selezioni si svolgeranno martedì 18 giugno, dalle 15 alle 18.30