Migrante suicida a Roma, Venuti e Villabuona (PD): “Sua condizione incompatibile con CPR”

Lo aveva segnalato il suo avvocato d'ufficio quando era a Trapani

“La notizia del migrante morto suicida al Cpr di Roma, dopo il trasferimento dal Cpr di Trapani ci rattrista e preoccupa perché mette il luce, ancora una volta, l’inadeguatezza di questi centri, che avevamo denunciato anche prima della visita ispettiva svolta insieme all’onorevole Giovanna Iacono”.

Così il segretario e la presidente provinciale del PD di Trapani, Domenico Venuti e Valentina Villabuona, intervengono sulla vicenda del suicidio del 22enne originario della Guinea avvenuto nel CPR di Ponte Galeria a Roma. Sull’accaduto la Procura romana ha aperto un fascicolo per istigazione al suicidio.

Dalle informazioni acquisite dal suo avvocato d’ufficio a Trapani, proseguono Venuti e Villabuona, “il ragazzo guineano aveva gravi problemi, tali da rendere incompatibile la sua permanenza all’interno del centro, così come segnalato dallo stesso legale d’ufficio, che chiedeva il trasferimento considerando rischiosa la sua permanenza nella struttura”.

L’avvocato, come abbiamo appurato, aveva inviato una segnalazione alla Questura di Trapani lo scorso 14 novembre – cioè circa un mese dopo l’arrivo del giovane al CPR di contrada Milo a seguito del decreto di espulsione nei suoi confronti emesso dalla Prefettura di Frosinone –  segnalandone la condotta “del tutto incompatibile con le condizioni del Centro (probabilmente per via di disturbi psichici derivanti da esperienze traumatiche ) al punto da mettere a serio rischio la propria e l’altrui incolumità”. A supporto della sua richiesta di trasferire il 22enne in un centro più idoneo,  aveva allegato la relazione di una psicologa che avrebbe evidenziato la condizione in cui versava il migrante.

Dalla Questura gli era stato risposto che il giovane guineano era in possesso della certificazione sanitaria di idoneità alla vita in comunità ristretta, che era monitorato dal personale della cooperativa che gestisce il CPR di Trapani e che, da un apposito consulto richiesto ed effettuato da personale medico dell’Asp di Trapani, non erano emerse criticità tali da comportare il trasferimento del migrante. Il giovane, però, a pochi giorni dal suo trasferimento, dopo i disordini e gli incendi che hanno reso inagibile il CPR di Trapani, si è tolto la vita.

Secondo i vertici provinciali del PD questo epilogo è “una tragedia che si poteva e doveva evitare perché è impensabile che in una struttura dello Stato si arrivi al suicidio, peggio se tutti gli operatori avevano prudentemente segnalato un rischio concreto. La frase lasciata dal ragazzo, infine, che chiede che il suo corpo venga riportato in Africa, dà la dimensione della disperazione di chi si ritrova, bloccato in un centro di detenzione per mesi, senza una reale possibilità di rimpatrio, in assenza di accordi con i Paesi di provenienza”.

“I Cpr – concludono Venuti e Villabuona – non sono strutture adeguate e vanno chiusi, ritornando ad un accoglienza vera, che crei sicurezza ed integrazione.
Non si comprende un uno Stato democratico quale sia il motivo di privare della libertà soggetti che non hanno commesso alcun crimine, se non quello di sperare in una vita migliore”.

Tari, ecco come e perchè aumenta per i Trapanesi [AUDIO]

Ce lo spiega Alberto Mazzeo, assessore al Bilancio e alle Finanze del Comune di Trapani
Ce lo spiega Alberto Mazzeo, assessore al Bilancio e alle Finanze del Comune di Trapani
Il femminicidio avvenne il 24 dicembre 2022 a Marinella di Selinunte
L'episodio è avvenuto nella notte tra il 25 e il 26 giugno scorso
L'episodio è avvenuto lo scorso anno vicino al Canile comunale
Il 23enne centrocampista arriva da svincolato
Il playmaker statunitense proviene da Rio Breogàn, squadra militante nel massimo campionato spagnolo
Sabato sera si è svolto il quarto appuntamento della rassegna concertistica, arricchito da aneddoti e racconti
La manifestazione si protrarrà fino al 28 luglio
Lo hanno siglato il questore Giuseppe Peritore e la presidente Aurora Ranno

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
"Con le mie ali, trovare sé stessi, cambiare il mondo" vuole essere un’indagine sui cambiamenti di prospettiva del mondo giovanile
Una storia grottesca, quasi incredibile, di piante, divieti di sosta e sfabbricidi. Per fortuna a lieto fine