Fuga con speronamento ad una volante, Mazzetti (Fsp Polizia): “Sistema non tutela i poliziotti”

L'esponente sindacale sull'episodio accaduto a Trapani

“A Trapani un folle inseguimento in auto si è concluso con l’arresto di un uomo e il ferimento degli agenti che stavano a bordo dell’auto contro cui ha impattato. A questo delinquente, che oltretutto aveva con sé in macchina due minorenni e dell’eroina, sono stati contestati la resistenza a pubblico ufficiale, il danneggiamento aggravato e le lesioni personali subite dai poliziotti, ed è stato già scarcerato. Dire che questa reazione ci pare inadeguata è poco. Ci saremmo aspettati piuttosto che fosse indagato per tentato omicidio. L’Italia ha perso tanti servitori in divisa in episodi simili, meno di un anno fa il nostro Pasquale Apicella è stato ammazzato in circostanze analoghe. Possibile che la loro vita non conti abbastanza? Possibile che il passato non insegni nulla in un sistema in cui, di fatto, siamo ben poco tutelati, garantiti e difesi, pur rischiando la vita di continuo?”.

Questo il commento di Valter Mazzetti, Segretario Generale Fsp Polizia di Stato, alla notizia del caso di cronaca avvenuto a Trapani dove un 40enne non si è fermato all’alt e si è dato alla fuga”.  L’uomo, dopo la convalida dell’arresto, è stato rimesso in libertà con la misura dell’obbligo di dimora.

“Lui libero e gli agenti finiti in ospedale – prosegue Mazzetti – e, grazie alla buona sorte, non all’obitorio… Come ben sa il collega di Apicella che, grazie al cielo, all’epoca rimase solo ferito. Ma davvero si pensa – sottolinea il sindacalista – che noi possiamo fare sicurezza in un sistema così, che non conosce severità e riprovazione verso chi aggredisce e rischia di uccidere poliziotti che stanno svolgendo il proprio lavoro? Con queste ipocrisie e queste debolezze è impossibile”.

Il brindisi con gli Shark a Palazzo D'Alì 240611

Mentre Shark brinda l’assessore risponde alla Lega Nazionale Pallacanestro [VIDEO]

Adesso si cambia regime, si passa al professionismo un'era nuova che davvero non vediamo l'ora di vivere"
È indiziato di appartenere a Cosa nostra e in affari anche con la famiglia mafiosa di Castelvetrano
Il martedì dalle 10 alle 12 e il giovedì dalle 15 alle 17
Sul posto Vigili del fuoco, Protezione civile comunale e Forestale
L'Assessorato dei Beni culturali della Regione Siciliana cofinanzia la produzione
"Decisioni su progetti di grande impatto ambientale devono essere prese con il coinvolgimento delle comunità locali"

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
Fu ucciso a Palermo in un agguato mafioso con il capitano D'Aleo e l’appuntato Bommarito
La storia del fisico italiano, inventore e padre delle comunicazioni, tra prosa teatrale, canti, musica e coreografie
Iniziativa di Renantis Sicilia in collaborazione con il Dipartimento di Ingegneria
Appello intervenga presso il governo nazionale e la cabina di regia del Ministero della Coesione
15 anni di carriera con all’attivo nove album e oltre 200 live, lo scorso 31 maggio è uscito “Mezzo rotto”, il nuovo singolo feat. Bigmama