Ettore Minore: “Mi dispiace, ma non parteciperò al bando per il Trapani Calcio” [AUDIO]

Parla Ettore Minore e spiega il perchè il suo interesse per il Trapani Calcio è man mano sfumato dopo l'incontro col sindaco di lunedì scorso e le sperequazioni "mediatiche" che hanno caratterizzato gli ultimi mesi dopo il fallimento del Trapani Calcio S.r.l.

Nel primo pomeriggio di oggi il dott. Ettore Minore ha rilasciato alla redazione di Trapanisì.it un’intervista nella quale spiega il suo interesse per il Trapani Calcio che risale ai tempi della gestione Iracani per conto della famiglia Morace. Interesse pacato e riservato che non è mai assurto agli onori della cronaca così come, invece in questi ultimi mesi è successo per altri “personaggi” anch’essi interessati ad acquisire il titolo granata.
Questa sperequazione mediatica ha influito, insieme alle “condizioni” anticipate dal sindaco di Trapani nel corso dell’incontro di Lunedì scorso, alla decisione odierna di “ritirare la manifestazione d’interesse e di conseguenza la non partecipazione al Bando per l’assegnazione del titolo del Trapani Calcio. Per ascoltare l’intervista schiaccia PLAY:

vedi anche:
Trapani Calcio, Tranchida detta le regole: ecco i punti che saranno presenti nel bando e
Trapani Calcio: il commento alle “linee guida” del sindaco in attesa del bando

Questo invece è il testo integrale del messaggio che nella tarda mattinata di oggi è stato inoltrato per comunicare le ultime decisioni di Ettore Minore:

INTER TRADE ITALIA  – COMUNICATO STAMPA 

In merito alla nostra intenzione di partecipare al Bando che sarà emesso dal Sindaco del Comune di Trapani, dott. Tranchida, per lassegnazione del Titolo Sportivo della Squadra Cittadina di Calcio, specifichiamo quanto segue

Il 22 Dicembre 2020, in seguito alla Dichiarazione di Fallimento del Trapani Calcio S.r.l., e dopo esserci presentati personalmente chiedendo un incontro con il Sindaco che ha cortesemente accolto la richiesta, abbiamo inviato una comunicazione via Pec dove si formalizzava linteresse a riportare la Squadra di Calcio che porta il nome ed i Colori della Città di Trapani, nelle serie che gli competono, illustrando, se pure a grandi linee, progetti e percorso promettendo il massimo impegno non solo a livello economico, ma soprattutto professionale visto che, i Presidenti passano ma le Strutture e le Organizzazioni, se bene impostate, restano. Dopo quasi due mesi di silenzio, il Sindaco convocava una riunione nella Sala Sodano a Palazzo DAlì, per tentare di creare una unione tra gli imprenditori che avrebbero partecipato al Bando e al contempo anticipava alcuni punti, per lui inderogabili, del Bando stesso.
Per rispetto istituzionale verso la Città di Trapani abbiamo preso parte alla convocazione del Sindaco, pur non credendo nelle cordate, circostanza già emersa nelle poche interviste rilasciate dal Dott. Minore che, occorre ribadire, non ama esposizioni mediatiche non necessarie.
Durante La riunione il Sindaco ha elencato i punti, ripeto per lui molto importanti, del futuro Bando, punti che tutti i Tifosi e cittadini Trapanesi hanno letto sugli organi di stampa.
Riteniamo che, pur comprendendo lo spirito che si presume abbia animato il Sindaco nella predisposizione del Bando non si può non rimanere perplessi sulla possibilità che tali imprescindibili puntipossano limitare la libera impresa e le scelte che in futuro dovrebbero essere operate al solo fine di creare una struttura societaria tale da garantire stabilità e futuro alla Società Sportiva, ai tifosi, ai tesserati a qualsiasi livello; non essendo stati ancora formalizzati riteniamo però doveroso evidenziare che ove fossero confermati, non potremmo che, a malincuore, formalizzare il nostro ritiro dalla partecipazione al Bando. Ma non è lunico motivo.
Da quando abbiamo manifestato linteresse cè stata la volontà, in qualche caso, e ci auguriamo involontariamente anche a livello istituzionale, di sminuire la figura e la professionalità del Dott. Minore Ettore e delle Società che rappresenta, che si è concretizzato in una serie di comunicazioni sui social nei confronti del dottor Minore, ingiustificati ed ingiustificabili sia per la sua persona a livello imprenditoriale, sia per lo stile rispettoso verso le istituzioni e la gente di Trapani, sia perché suo unico fine è stato unicamente quello di realizzare un progetto serio per riportare il calcio a Trapani, senza vincoli, richieste o favori di alcun tipo.
Dopo i messaggi apparsi allo Stadio e al Comunicato odierno da parte degli Ultras della Curva Nord 2 Aprile 1905, e in aggiunta a quanto sopra descritto, rispettando la volontà dei Tifosi Trapanesi il Dott. Minore Ettore decide di ritirare la manifestazione dinteresse e di conseguenza la NON PARTECIPAZIONE AL BANDO PER LASSEGNAZIONE DEL TITOLO SPORTIVO DEL TRAPANI CALCIO.
Trapani è nel cuore del Dott. Minore, palermitano ma originario della zona, e quindi augura a tutti i tifosi le migliori fortune per il prossimo campionato, non chiudendo la porta se in futuro ci sarà bisogno di un intervento, magari con altri presupposti. IN BOCCA AL LUPO