Collegamenti con le isole minori, Caronte&Tourist riprenderà il servizio in accordo con la Regione

Un’integrazione della convenzione già attiva con il Mit consentirà a breve la ripresa del servizio

Si sblocca la situazione dei collegamenti marittimi con le isole minori siciliane gestiti da Caronte&Tourist. E’ quanto emerge dalla nota diffusa dal governo regionale che, nel corso della seduta straordinaria di giunta di stamattina, ha dato il via libera alla proposta dell’assessore alle Infrastrutture Alessandro Aricò. Sulla base di un accordo già raggiunto con il Ministero dei Trasporti, visto che le procedure per i nuovi contratti sono andate più volte deserte, sarà la compagnia di navigazione Sns, che effettua già le corse per conto dello Stato, a effettuare anche i collegamenti attualmente garantiti dalla Regione, che continuerà a finanziarli.

Il dipartimento regionale dei Trasporti potrà usufruire dell’estensione della concessione dei servizi di trasporto passeggeri e merci attualmente effettuati nell’ambito della convenzione nazionale che scadrà nel 2028. “Nostro dovere – ha commentato il presidente Schifani – era quello di trovare una soluzione. Continueremo ad ascoltare le eventuali esigenze che ci dovessero essere rappresentate dalle comunità locali per evitare il loro isolamento, proprio in vista della stagione invernale”.
Il costo dei nuovi servizi, relativo a quattro lotti – Eolie, Egadi, Pantelleria e Ustica – è stato quantificato in 14 milioni di euro all’anno. La soluzione si è resa possibile grazie all’applicazione del cosiddetto “quinto d’obbligo” sull’ammontare dell’intera commessa nazionale, che vale 660 milioni di euro, e sulla quale c’è già anche la disponibilità di Sns. Il percorso alternativo individuato per dodici mesi (rinnovabile) non precluderà la possibilità per la Regione di indire nuove procedure di gara.
«Dopo le varie gare andate deserte, compresa la procedura negoziata alla quale sono stati invitati 32 operatori europei del settore, di cui 14 stranieri – aggiunge l’assessore Aricò – siamo a una svolta. Riteniamo di avere individuato l’unica soluzione percorribile per garantire il trasporto con le isole siciliane. Il servizio, che partirà già nelle prossime ore, non comporterà aggravi di spesa per la Regione, oltre quelli già previsti annualmente. Anzi, l’utilizzo della convenzione statale farà sì che i servizi espletati saranno migliorati».

Anche Caronte/&Tourist ha diffuso una nota dopo l’annuncio del Governo regionale di voler attuare, in assenza di soluzioni alternative e di disponibilità di altri operatori, un’integrazione con i servizi statali.
“Va dato atto – si legge – alla Regione Siciliana di tenacia e acume nel perseguimento dell’obiettivo prefissato. L’ampliamento dell’oggetto della convenzione statale, seppur ancora non meglio definito nel dettaglio, non soltanto consentirà alle comunità isolane di ottenere un servizio quantitativamente adeguato ma, a regime, potrà anche costituire uno strumento di razionalizzazione dell’intero sistema del trasporto marittimo da e verso le isole minori”.

Caronte & Tourist, avendo ricevuto dalla Procura di Messina i necessari chiarimenti riguardo alle modalità attuative del sequestro cautelare di alcune proprie navi disposto nel giugno scorso e avendo superato la situazione d’incertezza che si era determinata nelle scorse settimane, potrà accogliere la richiesta avanzata dalla Regione alla SNS (Società Navigazione Siciliana, titolare della convenzione per i servizi essenziali) di cui è socia e consorziata, di ampliare la convenzione attiva con il Ministero dei Trasporti con servizi integrativi a carico della Regione. In ragione di ciò la compagnia di navigazione comunicherà alle organizzazioni sindacali la sospensione della procedura di licenziamento collettivo che aveva avviato, assicurando così il mantenimento dei livelli occupazionali.

Resta aperta, invece, la questione del sequestro cautelare delle navi disposto dalla Procura di Messina lo scorso giugno. La società armatrice, da parte sua, continua a dichiarare l’assoluta idoneità al trasporto di passeggeri a mobilità ridotta dei propri traghetti, “che hanno ricevuto e tutt’ora possiedono le certificazioni di legge”, e si dice confidente “di poter far valere le proprie ragioni in sede giudiziaria”.

Proprio stamane, prima della comunicazione di Caronte&Tourist, l’Associazione Nazionale Comuni Isole Minori aveva  chiesto al governo nazionale l’attivazione di un tavolo per discutere delle problematiche legate ai trasporti marittimi e altre importanti questioni.
A darne notizia il sindaco delle Egadi Francesco Forgione che, insieme agli altri sindaci delle isole siciliane, aveva chiesto al presidente della Regione Schifani di attivare le procedure per la dichiarazione dello stato di emergenza e per giungere in tempi rapidi a un ripristino dei collegamenti integrativi.

Fileccia v/s Barbara, polemica a suon di “Pop Fest” [AUDIO e VIDEO]

Barbara "In estate tornerà la ruota panoramica", Fileccia "Se è così, la prossima festa di capodanno la organizzo io!"
Il documentario mostra il filo che lega l'industria della carne, le lobby e il potere politico in Europa
Curata dall’associazione “Plastic free”: domani raduno alle 10.30 in piazzale Stenditoio
Ha lo scopo di far incontrare e interagire operatori del settore turistico locale

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Sogni veri di una vita inventata

Una seconda possibilità è una grande dimostrazione di amore e compassione verso me stesso e potrebbe rappresentare un passo importante per la mia crescita...

Do you remember 2023?

Torna il blog di Andrea Castellano e si tuffa nell'anno appena passato: dalla crisi alla rinascita
L’iniziativa mira a rendere accessibile il patrimonio artistico e archeologico a tutti i cittadini
Aldo Caradonna aveva ricevuto un avviso di garanzia in relazione alle Amministrative del 2022
Gli aiuti della Regione, a fondo perduto, sono rivolti alle associazioni e alle società sportive dilettantistiche
"Le nuove prescrizioni al progetto vanno nella direzione delle criticità che avevamo denunciato"
"Unica legge da applicare in caso di naufragi è quella del mare che impone soccorso e approdo in un porto sicuro"