Caso Denise, per i pm alto il rischio di inquinamento delle indagini

Gli inquirenti critici su pressione mediatica e comportamenti del legale della famiglia

“C’è un altissimo rischio di ‘inquinamento’ indotto dalle modalità con cui, in modo martellante e asfissiante, le trasmissioni tv e i siti si occupano del caso della piccola Denise Pipitone”. L’allarme viene lanciato dai pm della Procura di Marsala che indagano sulla scomparsa di Denise avvenuta a Mazara del Vallo l’1 settembre 2004, nel provvedimento con cui, la scorsa settimana, hanno chiesto l’archiviazione dell’inchiesta.

“La vicenda – scrivono i magistrati in un altro passaggio – è descritta così in dettaglio che chiunque potrebbe avere il ruolo di testimone. Navigatore del web o spettatore di talk show sarebbe in grado di raccontare tutti i dettagli. Mitomani di ogni sorta e personaggi in cerca d’autore, purtroppo, si inseriscono indebitamente in questa vicenda ed è forte il rischio che persone innocenti vengano consegnate all’opinione pubblica come mostri da sbattere in galera”.

Cinquantadue pagine di motivazione in cui gli inquirenti ripercorrono i nuovi accertamenti eseguiti – stimolati, lo scrivono, dal tornare della vicenda alla ribalta mediatica dopo il caso della giovane russa somigliante a Denise che cercava la madre – e le storie di falsi testimoni usciti dalla vicenda perchè, smascherati, hanno confessato di essersi inventati tutto. I due avevano contattato il legale della madre di Denise, l’avvocato Giacomo Frazzitta, e gli avevano raccontato di aver visto la bambina nell’hotel di Mazara in cui lavorava Anna Corona il giorno della scomparsa. Gli accertamenti bancari e telefonici hanno provato che i due si erano inventati tutto.

Dopo aver scoperto le menzogne dei due, i pm li convocano. La donna, terrorizzata, chiama Frazzitta. Le loro conversazioni vengono intercettate. “L’avvocato anziché assumere un atteggiamento neutro e di prudenziale attesa, non potendo essere a conoscenza della falsità delle dichiarazioni della donna – scrivono i pm in una durissima parte dedicata al legale – reagiva con rabbia esprimendo giudizi pesanti sui magistrati”.

I pm si soffermano anche sul ruolo della ex pm di Marsala Maria Angioni, sulle sue “generose dichiarazioni” rese nelle  “plurime apparizioni televisive” sia su presunti responsabili del rapimento – Giuseppe Della Chiave (anche per lui si chiede archiviazione ) ma anche su una presunta infedeltà di uomini della polizia giudiziaria che effettuarono le prime indagini all’epoca del rapimento. Ipotesi che – si legge nella richiesta di archiviazione – si sono rivelate “mere elucubrazioni” della magistrata la quale, per questi motivi, è stata rinviata a giudizio per false dichiarazioni al pubblico ministero e dovrà comparire davanti al Tribunale di Marsala il prossimo 23 dicembre.

Trapani Baskin Open Day, festa dello sport inclusivo [AUDIO]

Ne abbiamo parlato con Filippo Frisenda,  delegato regionale EISI
Imprese agricole e zootecniche potranno usufruire di deroghe in alcuni ambiti della Politica agricola comune
Sono i cinque indicati in sede di presentazione della candidatura e delle liste a sostegno di Quinci
Ottenuto il parere favorevole della Commissione Attività produttive dell'ARS
Uno strumento per avvicinare il pubblico, specie quello giovanile, alla conoscenza del Museo
Tre giorni all'insegna della cultura del mar, della musica e della gastronomia

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
La società del presidente Valerio Antonini completerà l'impianto per renderlo fruibile
A Trapani confermato il già commissario straordinario Ferdinando Croce