WhatsApp, Facebook e Instagram potrebbero introdurre funzioni a pagamento

Sarebbe la prima volta che Meta pensa a delle funzionalità a pagamento nelle sue principali app social, al di là delle sponsorizzazioni su Facebook e Instagram, che vantano tutte e tre miliardi di utenti

Meta sta pensando alla possibilità di inserire “funzioni a pagamento” all’interno di Facebook, Instagram e WhatsApp, di cui è proprietaria. La notizia sarebbe stata comunicata ai dipendenti la scorsa settimana e viene rivelata al pubblico da The Verge.

Sarebbe la prima volta che Meta pensa a delle funzionalità a pagamento nelle sue principali app social, al di là delle sponsorizzazioni su Facebook e Instagram, che vantano tutte e tre miliardi di utenti. La decisione potrebbe essere una conseguenza delle modifiche al monitoraggio degli annunci di Apple su iOS e da una continua riduzione della spesa pubblicitaria digitale. Il gruppo, chiamato New Monetization Experiences, sarà guidato da Pratiti Raychoudhury, che in precedenza era a capo della ricerca di Meta.

In un’intervista con The Verge, il vicepresidente della monetizzazione di Meta che supervisiona il gruppo, John Hegeman, ha affermato che la società è ancora impegnata a far crescere la propria attività pubblicitaria. “Penso che ci siano opportunità per creare nuovi tipi di prodotti, funzionalità ed esperienze per cui le persone sarebbero disposte a pagare e per cui sarebbero entusiaste di pagare”, ha affermato. Ha rifiutato di approfondire le funzionalità a pagamento che sono state prese in considerazione.

Le entrate di Meta provengono quasi interamente dalle pubblicità e, sebbene abbia già diverse funzionalità a pagamento nelle sue app, il gigante dei social media non ha mai addebitato nulla agli utenti. A lungo termine, Meta vede le funzionalità a pagamento diventare una parte più significativa della sua attività. “Su un orizzonte temporale di cinque anni, penso che possa davvero muovere l’ago e fare una differenza piuttosto significativa” ha detto Hegeman.

Meta non è il solo a spingere verso funzionalità a pagamento. Negli ultimi due anni i social media sono diventati sempre più a pagamento. TikTok ha iniziato a testare gli abbonamenti  per i creatori all’inizio di quest’anno, Twitter ha i Super Follows e Discord guadagna dal suo abbonamento Nitro. Inoltre, quest’anno, sia Telegram che Snapchat hanno aggiunto livelli a pagamento che sbloccano funzionalità aggiuntive.

“Ovviamente stiamo prestando attenzione a ciò che sta accadendo nel settore”, ha affermato Hegeman. “E penso che ci siano diverse aziende che hanno fatto cose interessanti in questo spazio da cui spero che possiamo imparare ed emulare nel tempo”.

Fileccia v/s Barbara, polemica a suon di “Pop Fest” [AUDIO e VIDEO]

Barbara "In estate tornerà la ruota panoramica", Fileccia "Se è così, la prossima festa di capodanno la organizzo io!"
Si è lavorato per inviare alla cabina di regia regionale le schede di interventi preparate dai Comuni
"Unica legge da applicare in caso di naufragi è quella del mare che impone soccorso e approdo in un porto sicuro"
Insieme al Documento Unico di Programmazione 2024/2026
Il Fondo antico della Biblioteca civica Sebastiano Bagolino custodisce una preziosa raccolta di cinquecentine dei più famosi ed apprezzati tipografi del tempo

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Sogni veri di una vita inventata

Una seconda possibilità è una grande dimostrazione di amore e compassione verso me stesso e potrebbe rappresentare un passo importante per la mia crescita...

Do you remember 2023?

Torna il blog di Andrea Castellano e si tuffa nell'anno appena passato: dalla crisi alla rinascita
Un ecosistema di biodiversità forse unico in Sicilia soprattutto per la presenza di querce da sughero secolari
Gaetano Santangelo: "Giustizia parziale, lo Stato deve dire agli Italiani chi ha ucciso i due carabinieri"
Destinati 16 milioni per la crisi idrica e il sostegno agli agricoltori