Violenza sessuale su un’atleta, condannato a Marsala un preparatore atletico

I fatti risalgono al 2022

Il Tribunale di Marsala ha condannato, ieri a cinque anni e cinque mesi di reclusione, per violenza sessuale, il preparatore atletico Giovanni Giustiniano. L’uomo, abusando della sua posizione ha “costretto o comunque indotto – si legge nel comunicato stampa diffuso dalla Procura della Repubblica di Marsala – una giovane a subire, in palestra ed in auto, al termine degli allenamenti, atti sessuali nelle zone intime, sostenendo di considerarlo come il suo medico”.

I fatti erano stati denunciati dalla parte offesa il 2 marzo 2022 e sono avvenuti nel Gennaio-Febbraio 2022.
L’attività d’indagine condotta e coordinata dalla Procura della Repubblica di Marsala – che ha trovato conferma nel dispositivo della sentenza emessa dal Tribunale, ha permesso di ricostruire, anche con acquisizione di filmati e testimonianze, le violenze sessuali denunciate, consentendo di procedere ad una richiesta di giudizio immediato avanzata il 29 agosto 2022. L’imputato è stato condannato anche al pagamento delle spese processuali. Le motivazioni della sentenza di primo grado, quindi non definitiva, saranno depositate nel termine di 90 giorni.

Trapani Baskin Open Day, festa dello sport inclusivo [AUDIO]

Ne abbiamo parlato con Filippo Frisenda,  delegato regionale EISI
A disposizione 1.377.800 euro per aumentare la dotazione idrica totale di 150 litri al secondo
L'assessore all'istruzione Turano: «Ispezioni efficaci, alta percentuale di irregolarità»

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
Sono i cinque indicati in sede di presentazione della candidatura e delle liste a sostegno di Quinci
Ottenuto il parere favorevole della Commissione Attività produttive dell'ARS