Università: in arrivo dalla Regione 7,5 milioni per assegni di ricerca e contratti per ricercatori

I soggetti proponenti dovranno inviare l'istanza all’indirizzo di posta elettronica certificata dipartimento.istruzione@certmail.regione.sicilia.it entro la mezzanotte del prossimo 19 aprile

Il governo Musumeci investe sull’alta formazione e sulla ricerca in Sicilia. Dall’assessorato regionale dell’Istruzione e della Formazione professionale, infatti, sono in arrivo fino a 7,5 milioni di euro a sostegno della ricerca universitaria.

“Come governo regionale, stiamo continuando a portare avanti azioni per contrastare la fuga di cervelli dalla Sicilia e, in particolare, con questo nuovo avviso finanzieremo la ricerca scientifica e l’alta formazione – dichiara l’assessore Roberto Lagalla – stanziando risorse per permettere agli Atenei siciliani d’incrementare il loro investimento sul rinnovo di contratti a tempo determinato per ricercatori e sugli assegni di ricerca. Sostenere l’alta formazione significa puntare sull’innalzamento delle competenze e offrire maggiori opportunità a dottorandi e ricercatori universitari che ogni giorno lavorano per promuovere lo sviluppo scientifico e tecnologico della Sicilia. Aumentare le possibilità di lavoro e di crescita professionale per giovani studiosi in Sicilia contribuisce anche a invertire la tendenza all’esodo dei nostri giovani”.

L’avviso per il “Rafforzamento del sistema di ricerca universitario in Sicilia mediante azioni di reclutamento a tempo determinato”, promuove, infatti, il rafforzamento delle sinergie fra alta formazione, ricerca, professioni e contesto produttivo, per favorire la crescita accademica di giovani studiosi e per qualificarne l’inserimento nel mondo dell’impresa innovativa. Le risorse bandite saranno assegnate alle Università siciliane, statali e non statali, riconosciute dal Ministero dell’Università e della Ricerca, secondo la classe dimensionale d’appartenenza; stabilita sulla base dei dati relativi alle iscrizioni nell’anno accademico 2020/2021.

I fondi stanziati potranno essere utilizzati sia per stipulare contratti a tempo determinato – di durata biennale -, rivolti a ricercatori di tipo A (RTDA) che abbiano già maturato esperienza nel campo della ricerca di base e/o applicata, sia per assegni di ricerca di durata annuale, su progetti da realizzare anche in collaborazione con enti di ricerca, imprese o altri soggetti. I soggetti proponenti dovranno inviare l’istanza all’indirizzo di posta elettronica certificata dipartimento.istruzione@certmail.regione.sicilia.it entro la mezzanotte del prossimo 19 aprile.

È possibile consultare il bando sul sito del dipartimento regionale dell’Istruzione a questo link e sul sito sicilia-fse.it. Con questa iniziativa la Regione Siciliana intende favorire lo sviluppo e il rafforzamento del capitale umano, oltre che promuovere opportunità lavorative, sia attraverso il finanziamento della ricerca scientifica sia incentivando qualità ed efficienza del sistema universitario. Questo per consentire a studiosi e ricercatori d’innalzare il livello di competenze e integrare le conoscenze apprese in ambito accademico con abilità applicative in contesti di esperienza.

Custonaci, la Sicilia e i suoi borghi: sabato il convegno [AUDIO]

Col primo cittadino Fabrizio Fonte abbiamo parlato del terzo ed ultimo week end de "i borghi dei tesori"
L'oggetto era sulla battigia della spiaggia sotto le Mura di Tramontana
La Consulta delle associazioni e la Consulta per la Pace e la Cooperazione

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...
Trapani Shark-Udine

Bentornati play-off

Ne parliamo con Giacomo Incarbona
“Se non si stanziano i fondi per l’aggiornamento del progetto, sarà stato tutto inutile”
Andava in giro di notte con un monopattino elettrico
Svariati i temi trattati nell'incontro svoltosi in un clima di collaborazione
Possono accedere al beneficio le cantine sociali costituite in forma cooperativa