Università, il Movimento VIA critico su dichiarazioni sindaca Toscano

Secondo VIA, ad Erice è necessario ed inevitabile "un vero cambiamento. Il fallimento delle precedenti amministrazioni e della Toscano sono così evidenti che saranno i cittadini a sancirne l’uscita di scena"

Il Movimento VIA non ci sta e con un documento firmato dal Coordinamento Comunale di Erice sottolinea come “Le parole della sindaca Toscano sono un pugno in faccia ad Erice e alla fatica che fanno le Istituzioni sane per la crescita dell’Università a Trapani”. Secondo il Movimento dell’ex senatore Papania il Polo universitario di Trapani è una risorsa da curare e fare crescere per il presente e per il futuro.

“Il retaggio del suo mentore – afferma il Coordinamento Comunale di VIA conduce la sindaca di Erice ad affermazioni sconsiderate che rappresentano un vero e proprio boomerang per la città e rischiano di mettere in grande difficoltà la crescita di una consolidata realtà che necessita invece di grande attenzione. Alla sindaca Toscano non sono bastati i soldi spesi (prelevati dalle tasche dei cittadini) per le scellerate scelte del suo predecessore; oggi rincara la dose e attacca chi, con grande sacrificio – organizzazione – professori e studenti – lavora per continuare una grande avventura. Se non fossimo alla fine del mandato che a questo punto deve essere l’ultimo perché oggi la sindaca Toscano ha dimostrato tutta la sua inadeguatezza, sarebbe necessario ed inevitabile chiederne le dimissioni”.

Secondo VIA, ad Erice è necessario ed inevitabile “un vero cambiamento. Il fallimento delle precedenti amministrazioni e della Toscano sono così evidenti che saranno i cittadini a sancirne l’uscita di scena; l’Università è solo l’ultima delle Caporetto di una amministrazione immobile – incapace e lontana dalle esigenze della città e dei cittadini, sporca, male amministrata, caotica, senza regole, anche la Vetta ormai è solo un pallido ricordo del Borgo Medievale amato e frequentato; le frazioni sono abbandonate a se stesse senza progetti e senza aiuti; mesi, anni, di parole propaganda e illusioni. VIA dice basta. La città oggi può scegliere un progetto, un’idea, un futuro. La scelta di Piero Spina non è casuale un professionista serio, preparato, radicato nel territorio che conosce i problemi ed è pronto ad affrontarli con una squadra di donne e uomini che hanno ben chiaro il cammino da intraprendere per fare tornare Erice ai fasti di un tempo. Il vero cambiamento dipende dai cittadini e i cittadini oggi sanno che l’amministrazione ericina ha fallito e deve andare a casa”.

Il brindisi con gli Shark a Palazzo D'Alì 240611

Mentre Shark brinda l’assessore risponde alla Lega Nazionale Pallacanestro [VIDEO]

Adesso si cambia regime, si passa al professionismo un'era nuova che davvero non vediamo l'ora di vivere"
È indiziato di appartenere a Cosa nostra e in affari anche con la famiglia mafiosa di Castelvetrano
Fu ucciso a Palermo in un agguato mafioso con il capitano D'Aleo e l’appuntato Bommarito
La storia del fisico italiano, inventore e padre delle comunicazioni, tra prosa teatrale, canti, musica e coreografie
Iniziativa di Renantis Sicilia in collaborazione con il Dipartimento di Ingegneria
Appello intervenga presso il governo nazionale e la cabina di regia del Ministero della Coesione
15 anni di carriera con all’attivo nove album e oltre 200 live, lo scorso 31 maggio è uscito “Mezzo rotto”, il nuovo singolo feat. Bigmama

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
"Essenziale conoscere le modalità della truffa e denunciare", dicono gli investigatori
Per potenziare i percorsi di tutela dei migranti in condizioni di fragilità in arrivo e inseriti nel sistema di accoglienza
Iniziativa dei consiglieri comunali di minoranza
La mostra, articolata in due musei, il Cordici e il Wigner San Francesco, presenterà opere di Andy Warhol e Mario Schifano