Unesco Trapani, Carlo Incammisa nuovo presidente del gruppo trapanese

"In un periodo così particolare che stiamo vivendo abbiamo tutti bisogno di socialità"

Si sono svolte nella giornata di lunedì 30 maggio 2022 le elezioni dei nuovi membri del Consiglio Direttivo del Club per l’UNESCO di Trapani. Il Club nacque a Trapani il 21 aprile del 1986, terzo club in Sicilia, per volontà di Igea Buccellato seguita da un gruppo di persone che hanno condiviso gli ideali dell’UNESCO. Lo scopo principale del Club per l’Unesco di Trapani è promuovere la comprensione e il sostegno della missione, delle priorità e dei programmi dell’UNESCO nell’ambito della società civile con i seguenti obiettivi: incoraggiare l’interesse di un vasto pubblico per le priorità e i programmi dell’UNESCO, promuovendone la conoscenza e la condivisione; contribuire a livello locale all’attuazione dei programmi dell’UNESCO, in coordinamento con la Commissione Nazionale per l’UNESCO; diffondere i valori di solidarietà, tolleranza e rispetto della diversità culturale e promuovere l’educazione alla cittadinanza globale, ai diritti umani e allo sviluppo sostenibile; promuovere le giornate, le settimane, gli anni e i decenni internazionali proclamati dall’UNESCO; contribuire alla diffusione dei messaggi dell’UNESCO traducendo i documenti e le informazioni del Segretariato e utilizzando a tal fine tutti i mezzi di comunicazione, inclusi i social media.

In 36 anni di storia, il Club ha visto l’avvicendarsi di moltissimi Consiglieri e Presidenti, oltre la già citata Igea Buccellato (fondatrice), anche Massimo Occhipinti (primo presidente), Liana Mazzarese e, infine, Vito Garitta, ai quali va il merito di aver operato ininterrottamente permettendo che una realtà così importante potesse giungere fino ad oggi.

Lascia il testimone al nuovo presidente, Carlo Incammisa, Vito Garitta che da diversi anni ha condotto il Club, ottenendo grandissime soddisfazioni per la qualità delle attività svolte, e a cui l’assemblea dei soci, all’unanimità dei partecipanti, ha conferito la nomina di Presidente Onorario.

Si riportano di seguito tutti i componenti eletti:
Garitta Vito – PRESIDENTE ONORARIO
CONSIGLIO DIRETTIVO
Incammisa Carlo – PRESIDENTE
Messina Gemma – VICE PRESIDENTE
Comacchio Lilla – SEGRETARIA
D’Aquila Vincenzina – VICE SEGRETARIA
Iovino Vincenzo – TESORIERE
Magnano Leda
Sillitti Beatrice
Mattero Torre
Virga Maria (socia fondatrice).

“Mi sento onorato della carica che i soci mi hanno chiamato a rivestire e sono sicuro che, assieme a tutti i componenti eletti, riusciremo ad essere incisivi nella promozione dei programmi e degli obiettivi dell’UNESCO. In un periodo così particolare che stiamo vivendo abbiamo tutti bisogno di socialità e siamo tutti già pronti a rimetterci in moto e riprendere i lavori, interrotti a causa della pandemia”

Tari, ecco come e perchè aumenta per i Trapanesi [AUDIO]

Ce lo spiega Alberto Mazzeo, assessore al Bilancio e alle Finanze del Comune di Trapani
Ce lo spiega Alberto Mazzeo, assessore al Bilancio e alle Finanze del Comune di Trapani
Il femminicidio avvenne il 24 dicembre 2022 a Marinella di Selinunte
L'episodio è avvenuto nella notte tra il 25 e il 26 giugno scorso
L'episodio è avvenuto lo scorso anno vicino al Canile comunale
Il 23enne centrocampista arriva da svincolato
Il playmaker statunitense proviene da Rio Breogàn, squadra militante nel massimo campionato spagnolo
Sabato sera si è svolto il quarto appuntamento della rassegna concertistica, arricchito da aneddoti e racconti
La manifestazione si protrarrà fino al 28 luglio
Lo hanno siglato il questore Giuseppe Peritore e la presidente Aurora Ranno

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
"Con le mie ali, trovare sé stessi, cambiare il mondo" vuole essere un’indagine sui cambiamenti di prospettiva del mondo giovanile
Una storia grottesca, quasi incredibile, di piante, divieti di sosta e sfabbricidi. Per fortuna a lieto fine