Una “pietra d’inciampo” in memoria di Leonardo Miceli

Fu internato in Germania nel campo di Dachau. La consegna venerdì mattina, alle ore 10.00, a Valderice in via Baglio Simonte 141

Una “pietra d’inciampo” per Leonardo Miceli: venerdì mattina alle ore 10.00, a Valderice, in via Baglio Simonte 141 (davanti la casa che fu dello stesso Miceli), alla presenza della prefetta Filippina Cocuzza e del sindaco Francesco Stabile, sarà consegnata e istallata una targa commemorativa in memoria del valdericino internato. Le “pietre d’inciampo”, infatti, sono targhe in ottone della dimensione di un sampietrino con cui si ricordano persone deportate o uccise durante il nazismo, e che vengono poste solitamente vicino alle loro abitazioni.

Leonardo Miceli era partito militare il mese di giugno del 1940, viene preso prigioniero dai tedeschi a Trento l’8 settembre del 1943 ed internato in Germania nel campo di Dachau.

Il campo di Dachau lo Stalag III B dove fu internato era uno dei più grandi. Vantava oltre 600 arbeitskommando (luoghi di lavoro). Nella prima fase facevano capo allo stalag III B industrie tessili, birrerie, fabbriche alimentari, trasporti e deposito merci, fra cui carbone. Nell’ultimo anno invece si intensificò il lavoro presso industrie pesanti, fonderie come la Maximilianhutte, specializzate nella produzione di munizioni, tra cui quelle per cannoni.

Durante la prigionia ha provato la fame e il freddo, tanto che per soddisfare la fame spesso mangiava bucce di patate che cuoceva appoggiando la buccia alla canna fumaria che passava dalla cella. Un giorno, una delle guardie ha appoggiato un panino e appena girato non l’ha più trovato. Il prigioniero aveva ingoiato tutto insieme il panino e la guardia non si rendeva conto.

Esaminando con attenzione il modus operandi del lager, ha approfittato di una svista delle guardie e si è nascosto in un furgone di biancheria sporca e così è riuscito ad evadere. Una volta fuori dal lager ha attraversato tutta l’Italia a piedi tanto da tornare con i piedi congelati. Durante il percorso fu aiutato da varie famiglie che gli hanno dato vitto ed alloggio. È rientrato dalla prigionia a Trapani il 30 ottobre del 1945. Al rientro dalla prigione pesava 38 chili e in uno dei suoi ricoveri in ospedale ebbe la visita della regina Maria Josè, moglie dell’ultimo re d’Italia.

La cittadinanza è invitata a partecipare.

Il brindisi con gli Shark a Palazzo D'Alì 240611

Mentre Shark brinda l’assessore risponde alla Lega Nazionale Pallacanestro [VIDEO]

Adesso si cambia regime, si passa al professionismo un'era nuova che davvero non vediamo l'ora di vivere"
"Essenziale conoscere le modalità della truffa e denunciare", dicono gli investigatori
Appello intervenga presso il governo nazionale e la cabina di regia del Ministero della Coesione
Per potenziare i percorsi di tutela dei migranti in condizioni di fragilità in arrivo e inseriti nel sistema di accoglienza
Fu ucciso a Palermo in un agguato mafioso con il capitano D'Aleo e l’appuntato Bommarito
La storia del fisico italiano, inventore e padre delle comunicazioni, tra prosa teatrale, canti, musica e coreografie
Iniziativa di Renantis Sicilia in collaborazione con il Dipartimento di Ingegneria
15 anni di carriera con all’attivo nove album e oltre 200 live, lo scorso 31 maggio è uscito “Mezzo rotto”, il nuovo singolo feat. Bigmama
Lunedì 17 giugno al Baglio Elena con esperti, politici e tecnici
Iniziativa dei consiglieri comunali di minoranza

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
La mostra, articolata in due musei, il Cordici e il Wigner San Francesco, presenterà opere di Andy Warhol e Mario Schifano
Sindaci e Rete Territoriale per l'inclusione sociale hanno approvato le programmazioni delle quote assegnate dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali
I poeti, provenienti da tutta la provincia di Trapani, declameranno le loro opere