Turista morto in b&b a Trapani, condannate tre persone

Fabio Maccheroni morì nel 2016 per le esalazioni di monossido di carbonio provenienti dalla canna fumaria di un panificio

Il Tribunale di Trapani ha condannato tre persone per la morte di un turista avvenuta in una delle camere del bed & breakfast “Orchidea”, nel centro storico di Trapani.

Si tratta dei titolari della struttura ricettiva, dell’immobile e di un panificio che si trovava a piano terra, tutti condannati per “omicidio colposo” per aver provocato il decesso del toscano Fabio Maccheroni, trovato cadavere all’alba del 16 agosto 2016. La richiesta avanzata dalla sostituta procuratrice Rossana Penna è stata accolta in forma ridotta dal giudice Giancarlo Caruso che – come riporta un lancio AGI – ha condannato a tre anni e tre mesi di reclusione Benedetta Serafico,56 anni, titolare del b&b in cui alloggiava la vittima insieme ad un amico, mentre il titolare del panificio, Bartolomeo Altese, 37 anni, la proprietaria della palazzina, Tuzza Augugliaro, 78 anni, madre di Serafico, sono stati condannati entrambi a tre anni di reclusione.

A causare la morte del turista furono le esalazioni di monossido di carbonio emesse dalla canna fumaria della panetteria, come evidenziarono in consulenti della Procura. La corsa in ospedale, salvò invece, Alessio Menicucci, l’altro uomo che dormiva nella stessa stanza, rimasto gravemente intossicato.

Il Tribunale ha condannato, inoltre, i tre imputati al pagamento di 150 mila euro in favore di Menicucci, 25 mila euro nei confronti dei suoi familiari e 100 mila euro ciascuno per due familiari della vittima, in qualità di eredi. E’ stata rigettata, invece, la richiesta di risarcimento avanzata da Codici Sicilia, l’associazione che era stata riconosciuta tra le parti civili. Nella vicenda era coinvolto anche l’anziano Antonino Serafico, comproprietario dell’immobile assieme alla moglie ma la sua posizione venne stralciata per motivi di salute.

Le indagini condotte dai Carabinieri portarono alla luce un altro incidente simile, per fortuna meno grave, nel quale rimasero coinvolte due turiste nella stessa struttura ricettiva. La tesi della morte causata dalla respirazione del monossido di carbonio è stata confermata anche dall’autopsia.

Il verde pubblico a Trapani non è coltura ma… Cultura [REPORTAGE]

Una storia grottesca, quasi incredibile, di piante, divieti di sosta e sfabbricidi. Per fortuna a lieto fine
L'episodio è avvenuto nella notte tra il 25 e il 26 giugno scorso
Lo hanno siglato il questore Giuseppe Peritore e la presidente Aurora Ranno
Dal 24 al 28 luglio in piazza ex Mercato del pesce
L'episodio è avvenuto lo scorso anno vicino al Canile comunale
Sabato sera si è svolto il quarto appuntamento della rassegna concertistica, arricchito da aneddoti e racconti che hanno reso l'esperienza ancora più coinvolgente e apprezzata dagli spettatori
Al suo interno il pubblico troverà tutto ciò che di più rappresentativo la nostra amata Sicilia, e non solo, ha da offrire

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
"Con le mie ali, trovare sé stessi, cambiare il mondo" vuole essere un’indagine sui cambiamenti di prospettiva del mondo giovanile, sulle prove attraverso le quali ragazze e ragazzi divengono adulti
Una storia grottesca, quasi incredibile, di piante, divieti di sosta e sfabbricidi. Per fortuna a lieto fine
Accompagnerà i presenti in un viaggio culinario tra le ricette tradizionali della sua terra e le sue creazioni quotidiane
La storica dell'Arte Lina Novara nominata direttrice del Museo Diocesano