Trapani, troppi ritardi dell’Usca: la protesta del sindaco

Rimangono numerose le perplessità dell'Amministrazione comunale trapanese circa la possibilità di riprendere le lezioni in presenza in occasione della riapertura delle scuole prevista il 10 gennaio

Troppi ritardi e tracciamento in tilt: il primo cittadino di Trapani, Giacomo Tranchida, non ci sta. Nonostante il sacrificio del personale medico e paramedico e per stessa ammissione dei locali vertici Asp la situazione è caotica e numerose persone sono “chiuse” a casa senza risposte da diversi giorni.

La tante proteste dei cittadini hanno portato il sindaco a prendere una posizione pubblica. “In provincia di Trapani, il sistema ASP-USCA è andato in tilt e molti trapanesi sono “prigionieri” dei ritardi dell’Asp che non riesce ad evadere nei tempi debiti l’enorme mole di lavoro creatasi – dichiara il sindaco Tranchida – causando gravi danni alla cittadinanza che patisce le inefficienze di un sistema che necessita immediatamente di implementazioni di personale al fine di evitare criticità anche all’ordine e sicurezza pubblica. Ogni giorno, riceviamo in Comune decine di telefonate di concittadini esasperati, ai quali cerchiamo di dare ogni ausilio possibile, pur non avendo alcuna responsabilità diretta o indiretta nella questione”.

Rimangono numerose le perplessità dell’Amministrazione comunale trapanese circa la possibilità di riprendere le lezioni in presenza in occasione della riapertura delle scuole prevista il 10 gennaio. Proprio in riferimento alla popolazione scolastica, è ormai acclarato come sia netto il ritardo nel verificare i tamponi da parte dell’Asp, con tutti i disagi che ne derivano sia per le famiglie che per quanto concerne la sfera lavorativa, gravemente danneggiata dalla situazione economica nazionale.

“Siamo oltremodo preoccupati per la prossima riapertura delle scuole – aggiunge Tranchida – , che rischia di avvenire nel caos e nell’incertezza generale, con disagi alle famiglie alle quali non è possibile far vivere un nuovo lockdown economico-sociale. Tale generale contesto, che purtroppo interessa diverse altre province siciliane, porterà ad una presa di posizione ufficiale l’Anci Sicilia tanto nei confronti del Governo regionale quanto di quello nazionale. Venerdì valuteremo in sede provinciale il da farsi”.

Trapani Baskin Open Day, festa dello sport inclusivo [AUDIO]

Ne abbiamo parlato con Filippo Frisenda,  delegato regionale EISI
Sarebbero state rimpinguate con sabbia proveniente da altri luoghi
L’iniziativa è frutto della preoccupante carenza idrica che sta colpendo la Sicilia
Prevista l'istituzione di un fondo specifico destinato al finanziamento dei riti della Settimana Santa iscritti al REIS
Sarà l'occasione per scoprire il paesaggio incontaminato, dove la natura ha ripreso il sopravvento, dopo il devastante incendio di un anno fa
Un'opportunità per affrontare i temi cruciali della tutela dell'ambiente e dello sviluppo sostenibile
Duo di producers multiplatino con più di tre milioni di ascoltatori mensili su Spotify

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
"Nel programma approvato a maggio abbiamo puntato sulla qualità degli eventi che si articolano da giugno a settembre"
"Il Comune di Trapani si faccia trovare pronto con un progetto unitario per accedere alle risorse della rigenerazione urbana"
L’evento sarà un'occasione significativa per esplorare approfonditamente gli aspetti naturalistici e culturali dei paesaggi delle due isole vulcaniche
La selezione, rispondendo in primis al principio di sostenibilità, ha elaborato un cartellone che prenderà il via a metà luglio e durerà tutta l’estate
Nell'occasione si presenta il libro “Pietro il pescatore pastore” di don Fabio Pizzitola