Trapani, sequestrato il depuratore intercomunale. Cinque indagati

Operazione della Capitaneria di Porto di Trapani: accertata una serie di illeciti perpetrati in violazione delle norme che disciplinano gli scarichi dei reflui fognari

Oggi, 12 dicembre 2022, i militari della Capitaneria di Porto di Trapani hanno eseguito l’Ordinanza di sequestro preventivo Emessa dal G.I.P. su richiesta della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Trapani, nei confronti di vari funzionari del Servizio Idrico Integrato del Comune di Trapani.

Nell’ambito di una complessa attività investigativa in materia ambientale, i militari hanno accertato una serie di illeciti perpetrati in violazione delle norme che disciplinano gli scarichi dei reflui fognari, ponendo sotto sequestro l’impianto suddetto e le strutture poste a monte, asservite al sollevamento e alla scolmatura in emergenza delle portate meteoriche di piena.

L’attività d’indagine ha consentito l’emersione di una serie di elementi relativi a numerose carenze di funzionamento degli impianti, i quali immettevano reflui fognari non depurati sia nel tratto di fiume “Lenzi – Baiata” che scorre nell’area protetta “Saline di Trapani e Paceco”, sia direttamente in mare dai dispositivi di “troppopieno” ubicati lungo la via Tunisi, in corrispondenza del lungomare Dante Alighieri di Trapani, provocando il deterioramento chimico e biologico delle acque e del suolo protetto, con conseguente deferimento all’Autorità Giudiziaria di cinque persone, iscritte nel registro degli indagati.

La complessa attività investigativa, avviata su stimolo delle continue segnalazioni della cittadinanza raccolte nel corso delle ultime stagioni estive, ha rivelato, oltre all’assenza di autorizzazioni allo scarico non più in vigore a causa delle carenze predette, anche palesi e pregresse inadeguatezze strutturali e procedurali adottate nella conduzione delle infrastrutture in parola.

Alla base delle motivazioni del provvedimento cautelare eseguito, oltre all’immutata situazione di generale inidoneità a garantire il rispetto dei limiti tabellari previsti dalla normativa vigente per il refluo immesso direttamente nelle matrici ambientali, anche la necessità di provvedere con urgenza al ripristino delle strutture, funzionalmente alla salubrità dell’ambiente e alla tutela della salute pubblica.

Le attività investigative ambientali proseguono al fine di accertare le esatte responsabilità in ordine ai fatti ipotizzati, sempre sotto il diretto coordinamento del Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Trapani, Gabriele Paci.

Tari, ecco come e perchè aumenta per i Trapanesi [AUDIO]

Ce lo spiega Alberto Mazzeo, assessore al Bilancio e alle Finanze del Comune di Trapani
Ce lo spiega Alberto Mazzeo, assessore al Bilancio e alle Finanze del Comune di Trapani
Il femminicidio avvenne il 24 dicembre 2022 a Marinella di Selinunte
L'episodio è avvenuto nella notte tra il 25 e il 26 giugno scorso
L'episodio è avvenuto lo scorso anno vicino al Canile comunale
Il 23enne centrocampista arriva da svincolato
Il playmaker statunitense proviene da Rio Breogàn, squadra militante nel massimo campionato spagnolo
Sabato sera si è svolto il quarto appuntamento della rassegna concertistica, arricchito da aneddoti e racconti
La manifestazione si protrarrà fino al 28 luglio
Lo hanno siglato il questore Giuseppe Peritore e la presidente Aurora Ranno

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
"Con le mie ali, trovare sé stessi, cambiare il mondo" vuole essere un’indagine sui cambiamenti di prospettiva del mondo giovanile
Una storia grottesca, quasi incredibile, di piante, divieti di sosta e sfabbricidi. Per fortuna a lieto fine