Trapani, richiedenti asilo “bloccati” al CPR in attesa del trasferimento nei centri di accoglienza

A sollevare la problematica, con una nota inviata al Ministero dell'Interno, è il sindacato della Polizia di Stato "Italia Celere"

Sono circa 30 i migranti giunti ieri al CPR di contrada Milo a Trapani che, dopo aver presentato richiesta di asilo politico, si trovano in attesa di essere trasferiti negli appositi Centri di accoglienza e, nel frattempo, sono ospitati nella “sala mensa” della struttura dato che, per il loro status, non possono essere portati nei padiglioni come gli altri migranti in attesa di rimpatrio perché non hanno titolo a restare sul territorio nazionale. Presso il Centro, nella giornata di ieri, da Pantelleria erano state trasferite 113 persone di cui 108 hanno fatto richiesta di protezione internazionale.

A sollevare la problematica, con una nota inviata al Ministero dell’Interno e, per conoscenza, tra gli altri, alla prefetta e al questore di Trapani, è il sindacato della Polizia di Stato “Italia Celere”.

Nel documento a firma del Segretario provinciale Alberto Lieggio, si parla di “ingiustificata ed ingiustificabile limitazione della libertà personale nei confronti di questi stranieri, in maggior parte donne e minorenni, che si trovano nei locali che dovrebbero essere destinati alla mensa del CPR”.

La destinazione dei migranti richiedenti asilo, lo ricordiamo, rientra tra le prerogative del Ministero dell’Interno, in coordinamento con la Prefettura competente per territorio, che indica le strutture dove verranno ospitati in base alla disponibilità di posti sull’intero territorio nazionale.

Da quanto abbiamo appreso, il gruppo dovrebbe, comunque, essere trasferito già oggi pomeriggio.
Resta il fatto, come segnala l’organizzazione sindacale che, specie in presenza di numeri cospicui di richiedenti, non vi sono più locali idonei ad ospitarli, presso la struttura di contrada Milo che in passato era un HotSpot dove, appunto, completate da parte della Polizia le operazioni di identificazione e fotosegnalamento, i richiedenti asilo attendevano il trasferimento nei Centri di accoglienza a loro dedicati.

Paradossalmente queste persone, che sono libere, attualmente possono fruire di minori comodità rispetto a quelle presenti nei padiglioni dove sono trattenuti – cioè privati temporaneamente della loro libertà personale – coloro che devono essere riportati nei Paesi di origine o oggetto di ordini di allontanamento dal territorio italiano.

Domani, intanto, è previsto il trasferimento da Pantelleria a Trapani di un altro centinaio di persone in maniera da decongestionare il punto crisi dell’isola, la cui capienza è soli 40 posti, numero che viene abbondantemente superato a causa dei frequenti arrivi, soprattutto dalla Tunisia.

Anche su questo punto “Italia Celere” si mostra critica chiedendo “la reale apertura del Punto-crisi non solo con un’inaugurazione ‘di facciata’, con quattro foto per i giornali locali, predisponendo l’invio di personale dell’Ufficio Immigrazione, della Polizia Scientifica e degli altri Uffici interessati dal fenomeno migratorio, al fine di permettere una corretta identificazione degli stranieri sul luogo di sbarco, evitando così il caos dei trasferimenti a Trapani che costringe il personale a turni insostenibili”.

Prosegue a Paceco la rassegna estiva “A Macaràro” [AUDIO]

Ne parliamo con Giovanna Scarcella, la curatrice dell'evento
Le rate per il pagamento della Tari passano da tre a cinque
Intervista a Paolo Salerno, l'organizzatore della rassegna che da 16 anni propone i gusti dal mondo
Completato il revamping di due pozzi a Castelvetrano, in dirittura di arrivo quello dei pozzi di Trapani e Calatafimi

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
Possono partecipare alla selezione adulti tra i 18 e gli 80 anni di età e minori tra i 14 e i 17 anni di età
Una mostra mercato di prodotti tipici di enogastronomia, artigianato e commercio e tutto ciò che è di più rappresentativo per la Sicilia, e ogni sera è prevista musica
L'artista di Brolo ha incantato il pubblico con un mix di suoni, spaziando dal jazz al folk
Lo spettacolo si terrà in occasione della commemorazione della strage di Paolo Borsellino
Dei tre punti monitorati in provincia di Trapani, due risultano fuori dai limiti di legge
Tra queste, cinque cittadini tunisini che hanno violato il divieto di ingresso nel territorio nazionale italiano
Dieci imputati saranno giudicati con il rito abbreviato, gli altri otto con quello ordinario