Trapani, rassicurazioni dal presidente ma basterà?

Calcio: ha parlato Marco La Rosa. Il commento di Francesco Rinaudo

L’attendevamo questa conferenza stampa, perché un po’ tutti desideravamo chiarezza sul futuro del Trapani, immediato e prossimo. Il Presidente però, a mio avviso, più che chiarire ha tentato di rassicurare, di dissipare ogni preoccupazione, lasciando peraltro aperta per il futuro più di una soluzione. “Preferirei essere io l’anno prossimo quello alla guida di un Trapani, che dovrà lottare per vincere il campionato“.

Perché? Ci sono possibilità che non sia lui il Presidente l’anno prossimo? “Il nostro obiettivo è quello da qui a Giugno di ridurre a zero centesimi i debiti della società, così da programmare poi un campionato vincente l’anno prossimo. Poi, da qui a giugno possono accadere tante cose, che arrivino gli arabi, gli sceicchi… Il Trapani per l’anno prossimo già interessa a molti“.

E sulle possibili trattative di cessione della società: “Finora non ho parlato con nessuno, anche perché non è il momento”. Che significa? Che quando il momento dovesse arrivare, parlerà di cessione? E con chi? In ogni caso, ridurre a zero i debiti da qui al 30 giugno non è solo un modo per risparmiare risorse da investire poi l’anno prossimo per vincere il campionato. È, soprattutto, un modo per aumentare il valore reale delle quote sociali e realizzare una plusvalenza in caso di cessione delle stesse, in un quadro in cui a giugno comprare una società sana come il Trapani potrebbe essere un’operazione appetibile per più di qualcuno. Quindi nel suo discorso ci sta tutto. Qualunque possibilità è contemplata.

E del resto che il Presidente volesse guadagnare tempo e mettersi nelle condizioni di lavorare in piena tranquillità è confermato dalle sue dichiarazioni sul futuro di questo campionato a livello squadra: “Assieme all’allenatore vogliamo creare da qui alla fine della stagione uno zoccolo duro di calciatori, su cui innestare in estate qualche rinforzo mirato per vincere il campionato l’anno prossimo. Se la squadra giocherà bene e guadagnerà almeno l’accesso ai play off, anche il Mister potrebbe rimanere ed essere lui alla guida della squadra per l’anno prossimo”.

Quindi, da qui a fine stagione, compiuti gli opportuni passi di mercato, si lavorerà in tranquillità senza alcun altro obiettivo che migliorare l’attuale posizione in classifica. “Preciso che la rosa di prima squadra sarà ridotta da 28 a 22 calciatori e che alcuni calciatori che partiranno non saranno sostituiti, mentre altri si”. Parole chiare per il “piano B”, una volta fallito l’obiettivo primario di vincere il campionato già quest’anno. Ma perché aspettare solo adesso a dirlo? Perché, fin da quest’estate, quando il sottoscritto chiese al Presidente cosa sarebbe accaduto se il Trapani non avesse vinto il campionato, lui non disse nulla? Perché quando gli chiesi se avesse intenzione di investire allo stesso modo l’anno successivo per ritentarci, non mi rispose?

Probabilmente perché adesso, col mercato aperto, non è più possibile sottacere gli obiettivi di ridimensionamento finanziario resosi necessario dalla prematura uscita dei granata dalla lotta per il primato. E dirlo adesso, tra l’altro, consente al Presidente di muoversi in un arco temporale di 6 mesi in cui ci potrà stare di tutto: dalla programmazione del prossimo campionato da protagonista, alla cessione della società al miglior offerente. Senza escludere niente in mezzo, anche un affiancamento di altri imprenditori.

Come si vede, è un panorama abbastanza vasto di possibilità, ciascuna delle quali percorribile. E ciò del tutto a prescindere da ciò che lo stesso La Rosa vorrà fare a titolo personale: rimanere senza una società, tenersi il Trapani o andare da qualche altra parte, circostanza quest’ultima al momento smentita dal Presidente.

Quindi non darei per scontato nulla, men che meno che La Rosa rimarrà alla guida del Trapani anche la prossima stagione. Rimane peraltro il mistero su chi farà il mercato invernale: “non saranno istituzionalizzati i nomi del Ds e del Dg. Collaborano con noi per senso di appartenenza e disinteressatamente il Dr. Lipari e Peppe Carbonaro (nella foto, a destra)”.

Già, peccato che non ci ha spiegato con quali compiti e con quali funzioni. Nè qualcuno glielo ha chiesto. Infine il Mister: “Potrà fare dei nomi di possibili rinforzi ma dovrà confrontarsi con le possibilità di spesa della società”. Ci vediamo a giugno.

Prosegue a Paceco la rassegna estiva “A Macaràro” [AUDIO]

Ne parliamo con Giovanna Scarcella, la curatrice dell'evento
Sul posto Forestale, Vigili del fuoco, elicotteri e Canadair
La storica dell'Arte Lina Novara nominata direttrice del Museo Diocesano
Le rate per il pagamento della Tari passano da tre a cinque
Accompagnerà i presenti in un viaggio culinario tra le ricette tradizionali della sua terra e le sue creazioni quotidiane
Intervista a Paolo Salerno, l'organizzatore della rassegna che da 16 anni propone i gusti dal mondo
In via Emanuela Loi e al Museo intitolato a Paolo Borsellino

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
Completato il revamping di due pozzi a Castelvetrano, in dirittura di arrivo quello dei pozzi di Trapani e Calatafimi
Possono partecipare alla selezione adulti tra i 18 e gli 80 anni di età e minori tra i 14 e i 17 anni di età
Una mostra mercato di prodotti tipici di enogastronomia, artigianato e commercio e tutto ciò che è di più rappresentativo per la Sicilia, e ogni sera è prevista musica
L'artista di Brolo ha incantato il pubblico con un mix di suoni, spaziando dal jazz al folk