Trapani, nave “Aurora” di Sea Watch sbarca migranti

Tra di loro donne e minori non accompagnati

Sono state avviate da pochi minuti le operazioni di sbarco di un gruppo di migranti tratti in salvo nei giorni scorsi nel canale di Sicilia. La nave “Aurora” della ong Sea Watch è giunta stamattina al molo Ronciglio del porto di Trapani con a bordo 61 persone. Si tratta di 22 uomini, 20 donne, 5 minori accompagnati e 14 minori non accompagnati. Provengono tutti da Paesi subsahariani: Guinea, Benin, Costa d’Avorio, Togo, Camerun. Ad attenderli la consueta macchina organizzativa, con i volontari della Croce Rossa e le forze dell’ordine.

La “Aurora” è una ex nave di soccorso della Royal National Lifeboat Institution britannica ed è arrivata nella flotta di soccorso di Sea Watch nel maggio 2022. Grazie alla sua velocità può rispondere prontamente alle emergenze in mare. La ong tedesca la gestisce con il supporto tecnico dell’organizzazione britannica Search And Rescue Relief (SAR-Relief/SARR), che ne ha sostenuto l’implementazione tecnica.

I migranti, una volta sbarcati, vengono condotti al Centro per l’identificazione in contrada Milo e poi dislocati dalla Prefettura nelle apposite strutture di accoglienza.

La nave, di recente, è stata al centro di un procedimento giudiziario conclusosi con l’archiviazione da parte del gip del Tribunale di Agrigento su richiesta della locale Procura. L’inchiesta, per l’ipotesi di reato di contrabbando doganale, era a carico del comandante della “Aurora” e dell’amministratore delegato della società “Eos shipping Gug” che ha acquistato la nave.

La vicenda era nata da due sequestri effettuati fra il gennaio e il marzo scorsi dall’Agenzia delle Dogane di Lampedusa che ipotizzava una serie di operazioni fraudolente finalizzate a eludere il pagamento dei dazi. Il contrabbando, in particolare, sarebbe avvenuto prima e dopo la cessione della nave che, in un primo momento, era entrata nel territorio nazionale italiano, cioè a Lampedusa, battendo bandiera inglese e in seguito aveva esposto la bandiera tedesca. Le irregolarità rilevate, infatti, sono solo di natura amministrativa.

Trapani, “tantu nenti e tantu assai” tra lirica di tradizione e cibo d’attrazione [EDITORIALE]

Mai accaduto prima, una fiera di piazza ed una "prima" a teatro potrebbero causare qualche inconveniente, soprattutto politico
Mai accaduto prima, una fiera di piazza ed una "prima" a teatro potrebbero causare qualche inconveniente, soprattutto politico
I rifiuti erano ammassati su una parte di un terreno in contrada Ciappola
Si tratta di una donna di origine venezuelana, rintracciata in un hotel a Mazara del Vallo
Ottenuto un finanziamento di 30.000 per attività di controllo e prevenzione durante la stagione estiva
Nelle ultime due stagioni agonistiche ha militato nel Modena in Serie B
Da lunedì 15 a sabato 20 luglio San Vito Lo Capo accoglierà registi, autori, attori, appassionati e anche turisti che per cinque giorni potranno godere di diverse proiezioni
Un'estate tra jazz, Tiromancino, presentazione di libri, spettacoli teatrali e cibo
Il 30enne attaccante senegalese arriva da svincolato.
In occasione dell'anniversario della strage di via D'Amelio
Arriva da svincolato e ha sottoscritto un contratto biennale

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
Iniziativa per la valorizzazione delle chiese appartenenti al Fondo Edifici per il Culto
Dal 14 al 30 luglio si terranno 10 diversi concerti, tutti con inizio alle 21:30 e a ingresso gratuito
La società mette a disposizione diversi alloggi nelle mete più ambite d'Italia
Il festival letterario che promuove le produzioni editoriali è giunto alla sua quarta edizione
Mentre si lavora per risolvere i guasti, installati due generatori mobili
Il restauro realizzato grazie alle somme del Fondo per l’edilizia di culto del Ministero dell’Interno