Trapani, la Polizia ferma presunto scafista

Si tratta di un 23enne di nazionalità tunisina

Era alla guida di un’imbarcazione che aveva portato dalla Tunisia all’Italia alcuni migranti, il presunto scafista sottoposto a fermo di polizia giudiziaria, nei giorni scorsi, dagli agenti delle Squadre Mobili delle Questure di Trapani e Palermo.

Si tratta di un ventitreenne di nazionalità tunisina che, lo scorso 23 luglio aveva condotto un natante con a bordo altri 5 connazionali fino alle coste di Pantelleria, dove l’imbarcazione era stata intercettata dalle Autorità italiane. I poliziotti, dopo aver ascoltato uno dei migranti che aveva compiuto la traversata e attraverso l’esame del suo telefono cellulare e di quello dell’indagato, hanno raccolto gravi elementi indiziari che hanno consentito di sottoporre il giovane a fermo con l’accusa di favoreggiamento aggravato dell’immigrazione clandestina. Il 23enne è stato condotto in carcere e la misura cautelare è stata poi convalidata dal gip del Tribuale di Trapani, su richiesta della locale Procura della Repubblica.

Il verde pubblico a Trapani non è coltura ma… Cultura [REPORTAGE]

Una storia grottesca, quasi incredibile, di piante, divieti di sosta e sfabbricidi. Per fortuna a lieto fine
Una storia grottesca, quasi incredibile, di piante, divieti di sosta e sfabbricidi. Per fortuna a lieto fine
Accompagnerà i presenti in un viaggio culinario tra le ricette tradizionali della sua terra e le sue creazioni quotidiane
La storica dell'Arte Lina Novara nominata direttrice del Museo Diocesano

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
In via Emanuela Loi e al Museo intitolato a Paolo Borsellino
Completato il revamping di due pozzi a Castelvetrano, in dirittura di arrivo quello dei pozzi di Trapani e Calatafimi