giovedì, Febbraio 29, 2024

Trapani, il Tribunale condanna Memesuddu a risarcire danni per diffamazione ad Enrico Rizzi

Il giudice chiamato a decidere su alcuni post pubblicati sui social

Alcuni post pubblicati sulla pagina satirica trapanese “Memesuddu” “trascendono in maniera evidente i confini della satira, per tramutarsi in mere offese alla reputazione e al decoro” dell’animalista Enrico Rizzi. Lo ha deciso il Tribunale civile di Trapani in composizione monocratica accogliendo, parzialmente, le richieste avanzate dai legali dell’influenzer.

I collegamenti dei post pubblicati dal gestore Silvestro Bonaventura “con l’attività di dimensione pubblica svolta dall’attivista nell’ambito della tutela degli animali – si legge nella pronuncia – sono labili e costituiscono un mero pretesto per indulgere in insulti gratuiti alla persona di Enrico Rizzi”.

Contrariamente a quanto richiesto dai legali dell’animalista, invece, il giudice non ha ritenuto che sussistessero le condizioni per configurare anche il danno patrimoniale causato dal gestore della pagina satirica ma solo quelle per il danno da diffamazione a mezzo stampa o con altro mezzo di comunicazione di massa che è stato riconosciuto nella somma di 7.000 euro.

Il giudice ha, d’altro canto, accolto la richiesta di risarcimento avanzata dal gestore di Memesuddu per avere Rizzi rivelato in pubblico e senza il suo consenso, la sua identità, fino a quel momento non conosciuta dai follower della pagina satirica. Il danno è stato quantificato in 1.000 euro.

In presenza di tali crediti reciproci ormai liquidi ed esigibili, a seguito di compensazione, il giudice ha stabilito che Bonaventura dovrà quindi pagare la somma di 6.000 euro in favore di Rizzi oltre agli interessi legali che matureranno dalla data della decisione del Tribunale all’effettivo soddisfo.

Il giudice ha, inoltre compensato le spese di lite per un quarto, condannando il convenuto a rifondere a Rizzi la restante parte, liquidata in 2.169 euro di cui 1.905 euro per compensi e 264 euro per esborsi, oltre spese generali, IVA e CPA come per legge.

Nella sentenza, il giudice ricorda che “la satira, quale diritto soggettivo di rilevanza costituzionale, comunque espressa, in forma scritta, orale o figurata, è riproduzione ironica e non cronaca di un fatto ed esprime un giudizio che necessariamente assume connotazioni soggettive e opinabili, sottraendosi ad una dimostrazione di veridicità, ma pur sempre soggetta al limite della continenza e della funzionalità delle espressioni adoperate rispetto allo scopo di denuncia perseguito. Così essa, al pari di ogni altra manifestazione del pensiero, non può infrangere il rispetto dei valori fondamentali della persona, attribuendo condotte illecite o moralmente disonorevoli, con accostamenti volgari o ripugnanti, o deformando l’immagine in modo da suscitare disprezzo o dileggio” nel pubblico.

Secondo il giudice, quindi, “l’intento caricaturale non è rinvenibile nel mero accostamento tra la figura del Rizzi e quella di un cane o di una ‘bestia’ o, addirittura, di Hitler”, come avvenuto in post per i quali l’animalista ha adito le vie legali, così come risultano “del tutto sconnesse con l’impegno sociale del Rizzi le pubblicazioni in cui lo stesso è ritratto con le vesti di un pagliaccio, o, comunque, accostato ad un clown o a un pericoloso maniaco”, pubblicazioni in cui, scrive il giudice, “la volontà denigratoria o di dileggio sono assolutamente preponderanti”.

A seguito della sentenza di condanna al risarcimento dei danni il gestore della pagina satirica ha avviato, su una piattaforma online, una raccolta fondi.

Imolese-Trapani 1-2, la risolve Bolcano al 96’

I granata si aggiudicano la prima delle due sfide di Coppa Italia
Presenti anche gli sportivi del Trapanese destinatari delle benemerenze CONI consegnate lo scorso dicembre
"Esperienza positiva, contento di avere avuto l'opportunità di rappresentare la mia gente" ha dichiarato l'ala granata
Il primo dirigente della Polizia di Stato ha all'attivo una lunga e articolata carriera
Un violento nubifragio si è abbattuto sulla cittadina
Con le donne migranti del centro SAI e l'associazione Il Mulino

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Sogni veri di una vita inventata

Una seconda possibilità è una grande dimostrazione di amore e compassione verso me stesso e potrebbe rappresentare un passo importante per la mia crescita...

Do you remember 2023?

Torna il blog di Andrea Castellano e si tuffa nell'anno appena passato: dalla crisi alla rinascita
Si tratta di sistemi di ancoraggio e relitti potenzialmente pericolosi per ecosistema e bagnanti
Per verificare eventuale presenza di glifosato, pesticidi e altre sostanze nocive oltre i limiti di legge
La Baroni Birra di Dattilo vince il Sicily ed Italy Food Awards. Ne parliamo con Luigi Di Via
L'iniziativa è organizzata insieme con Opificio Territoriale