giovedì, Febbraio 29, 2024

Trapani: il 14 maggio ritorna l’iniziativa “L’Azalea della ricerca” organizzata da AIRC

Insieme alla pianta verrà consegnata la speciale guida con informazioni sulla prevenzione età per età

Domenica 14 maggio oltre ventimila volontari di 17 comitati regionali di AIRC (Associazione Italiana Ricerca Cancro) tornano in oltre 3600 piazze italiane per distribuire l’Azalea della Ricerca, a fronte di una donazione di 18 euro, per sostenere il lavoro dei ricercatori.

Insieme alla pianta verrà consegnata la speciale guida con informazioni sulla prevenzione età per età. L’Azalea, dal 1984, sboccia ogni anno per dare nuova forza alla ricerca contro i tumori che colpiscono le donne, e nel tempo è diventato un simbolo della salute al femminile.

In 39 anni ha permesso di raccogliere oltre 290 milioni di euro. A Trapani sarà possibile acquistarla a Piazza Vittorio Emanuele.

Fondo di progettazione, via libera ai contributi per tutti i Comuni siciliani

L'assessore Aricò: «Sostegno alle amministrazioni locali per crescita e sviluppo»
Presenti anche gli sportivi del Trapanese destinatari delle benemerenze CONI consegnate lo scorso dicembre
Coinvolte dodici persone che si occuperanno della cura del Verde a Favignana
"Impossibile garantire alla comunità una regolare distribuzione idrica con mezzi alternativi"
"Esperienza positiva, contento di avere avuto l'opportunità di rappresentare la mia gente" ha dichiarato l'ala granata

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Sogni veri di una vita inventata

Una seconda possibilità è una grande dimostrazione di amore e compassione verso me stesso e potrebbe rappresentare un passo importante per la mia crescita...

Do you remember 2023?

Torna il blog di Andrea Castellano e si tuffa nell'anno appena passato: dalla crisi alla rinascita
Il primo dirigente della Polizia di Stato ha all'attivo una lunga e articolata carriera
Un violento nubifragio si è abbattuto sulla cittadina
Con le donne migranti del centro SAI e l'associazione Il Mulino
Si tratta di sistemi di ancoraggio e relitti potenzialmente pericolosi per ecosistema e bagnanti