mercoledì, Febbraio 21, 2024

Trapani, i fondi per i ristori delle alluvioni potrebbero essere troppo pochi

Il Comune chiede ai cittadini una integrazione ed implementazione della documentazione

Qualche conto non torna. Sulle alluvioni di Trapani dello scorso settembre e ottobre, i soldi stanziati sono pochi. Almeno dodici milioni di danni a cui andrebbe aggiunto il rifacimento delle fogne, che solo questo potrebbe essere valutato in diverse decine di milioni di euro. Questo è quello che emerge dalla quantificazione nella sola città di Trapani. Nel dettaglio, sono stimati in circa 4 milioni i danni dei privati: su 240 richieste, 135 cittadini hanno quantificato in circa 2 milioni e 300 mila euro mentre 105 richieste non presentano una quantificazione. Per questo motivo, l’Amministrazione di Trapani ha chiesto ai cittadini una integrazione ed implementazione della documentazione. La Regione, però, ha stanziato solo 5 milioni di euro.

“Al fine di poter fornire tutti gli elementi utili ed indispensabili da sottoporre ai Governi regionale e nazionale per gli adempimenti di loro competenza (stanziamento dei ristori) – si legge nell’avviso pubblico -, si invita la cittadinanza gravemente colpita dal maltempo a causa dai nubifragi – eventi alluvionali di lunedì 26 settembre 2022 e successivi, ad integrare/confermare i dati contenuti nelle istanze di ristoro a suo tempo presentate con ulteriori elementi che, per semplificazione, sono stati raccolti in due dichiarazioni appositamente predisposte, così distinte: Lettera “B” Dichiarazione per danni subiti dal patrimonio edilizio privato e dei beni mobili registrati; Lettera “C” Dichiarazione per danni subiti dalle attività economiche e produttive”.

Le dichiarazioni dovranno essere prodotte dai cittadini entro il 28 febbraio 2023. “L’impegno dell’Amministrazione comunale di Trapani non arretra di un millimetro ed anzi si rinnova, affinché i Governi regionali e nazionali, stanzino per quanto di competenza, le somme necessarie per i ristori dai danni derivanti dagli eventi alluvionali certificati come eccezionali e, per i quali, non ci si può girare dall’altra parte. Ognuno si assuma la propria responsabilità, il Comune di Trapani difende gli interessi ed i diritti dei propri concittadini e commercianti, chiedendo dunque che la Regione e lo Stato provvedano con fondi ulteriori rispetto a quelli recentemente già previsti dal governo della Regione Siciliana e che al momento ammontano a 5 milioni di euro”.

Lo dichiara il sindaco di Trapani Giacomo Tranchida, il quale aggiunge di confidare che “il presidente Schifani e l’assessore regionale si impegnino, in coerenza con iniziative parlamentari della maggioranza e dell’opposizione in ARS, per trovare le altre risorse. Rispetto a questo – conclude Tranchida -, non molleremo di un millimetro ed a giorni presenteremo ulteriori progettualità infrastrutturali, come già anticipato in Prefettura, per tentare di porre rimedio una volta per tutte a quello che è un problema di crisi infrastrutturale del sistema di smaltimento delle acque bianche, ormai obsoleto, specialmente in presenza di eventi meteorologici estremamente violenti, che trova in primis causa grave con l’interramento del Canale Scalabrino”.

‘a Scurata d’Inverno a Marsala: in scena “La Grande Famille” [AUDIO]

Giacomo Frazzitta ci presenta la piece teatrale ispirata alla storia della famiglia Pellegrino, in scena al Teatro Sollima Sabato 24 e Domenica 25 febbraio 2024

Trapani, buona la seconda

Quattro gol contro il Fulgatore. L'analisi di Francesco Rinaudo
Pochissime le denunce nella provincia di Trapani rispetto all’effettiva incidenza di usura ed estorsioni
Rigettato il ricorso presentato dal deputato regionale di Fratelli d’Italia, Nicola Catania
"Interi quartieri come Villa Rosina sono senza acqua da oltre venti giorni"

Lucca Comics & Games: un luogo per il dialogo e le differenze

314.220 biglietti venduti, più di 700 espositori, centinaia di ospiti da tutto il mondo

L’esperta risponde: tutti i dubbi su gas e luce [Parte 5]

In settimana i lettori di Trapanisi.it hanno inviato alla nostra esperta alcune domande
Daniele Giuffrè ha sfiorato il titolo con un allungo per poco non andato in porto
Cartabellotta commissario per l'emergenza siccità
Il deputato regionale: “Il Partito Democratico pronto ad un confronto costruttivo con tutte le parti in causa”
"Abbiamo deciso di fare sinergia mettendo in rete le nostre differenti competenze e background"
"La Consulta Giovanile è uno strumento di forte impatto democratico che permetterà alle fasce più giovani di poter dialogare in maniera più diretta con l’amministrazione"

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

“Dottore, ho l’ansia sociale? Perché non riesco a parlare in pubblico o a dire...

Torna il blog Tienilo inMente del dottor Giuseppe Scuderi, psicologo clinico e digitale

Sogni veri di una vita inventata

Una seconda possibilità è una grande dimostrazione di amore e compassione verso me stesso e potrebbe rappresentare un passo importante per la mia crescita...

Do you remember 2023?

Torna il blog di Andrea Castellano e si tuffa nell'anno appena passato: dalla crisi alla rinascita
Il prossimo 24 febbraio si terrà il 70° anniversario del triste evento
Saranno tre le partite per la Costa d'Avorio, due impegni invece per il Venezuela
Il disegno di legge mira a vietare l'uso ai bambini nei primi anni di vita e a limitarlo fortemente fino ai 12 anni
Si attendono precipitazioni sparse, anche a carattere di rovescio o temporale e forte vento

Torna la musica dance nelle classifiche: il fenomeno Kungs

Un nuovo post su Freedom, il blog di DJ Vince

Breve guida al Green Pass sui luoghi di lavoro dopo la fine dello stato...

Termina lo stato di emergenza, quali cambiamenti sono previsti? Torna "Il lavoro, spiegato bene", il blog del consulente del lavoro ed euro-progettista Sergio Villabuona

Mangiar sano

Torna "Punto Salute News", il blog del dottor Andrea Re