Trapani, focolaio Covid nel reparto di Cardiologia del “Sant’Antonio Abate”?

Sono nove i pazienti che avrebbero contratto l'infezione dopo il ricovero

Sono nove i pazienti che avrebbero contratto il Covid dopo il loro ricovero nel reparto di Cardiologia dell’ospedale “Sant’Antonio Abate” di Trapani. Una problematica che non manca di destare preoccupazione sia tra gli stessi malati sia nelle loro famiglie data l’intuibile condizione di “fragilità” in cui versa chi è curato in questo tipo di reparto che attualmente ha in carico 26 pazienti.

La situazione si evince da una segnalazione giunta alla nostra redazione e che pubblichiamo integralmente.
“Chi scrive è la parente di un paziente ricoverato in quello che, una volta, era il fiore all’occhiello della Sanità trapanese, il reparto di Cardiologia dell’ospedale Sant’Antonio Abate. Mio padre ultraottantenne è stato ricoverato per un infarto che – grazie alla professionalità del personale sanitario – ha superato ma, mentre già si pensava alla sua dimissione, ci è arrivata la notizia: suo padre è risultato positivo al covid. Ma come, mio padre contagiato in ospedale?”.

“Percepisco – prosegue la cittadina – un certo allarme da parte dei sanitari e mi giunge voce che sono ben nove i pazienti positivi ed altri quattro con sintomi sospetti sono in attesa di conferma dal tampone molecolare. Cerco subito di parlare con il responsabile del reparto ma mi viene detto che non c’è o, meglio, che è anche primario del reparto di Cardiologia a Castelvetrano e che raramente si fa vedere a Trapani. E la Direzione sanitaria? E la Direzione generale dell’Asp? Sono a conoscenza di questo? Tutto tace, resta solo la disperazione di noi parenti e – ce ne accorgiamo – anche lo sconforto del personale sanitario e parasanitario, lasciati a gestire una situazione evidentemente non di loro competenza. Spero che voi giornalisti ci possiate dare una mano a sollecitare chi di dovere a prendere le dovute misure”.

Trapani Baskin Open Day, festa dello sport inclusivo [AUDIO]

Ne abbiamo parlato con Filippo Frisenda,  delegato regionale EISI
"I disagi e il clima di tensione che si vive in azienda sono peggiorati e i lavoratori sono stanchi e disillusi”
Letture ad alta voce e laboratori in biblioteca a partire dal 17 giugno
Con effetto immediato e fino al prossimo 31 dicembre
Ventuno milioni per le famiglie siciliane per gli affitti del 2022
La strada provinciale Valderice - Erice, parte del tracciato di gara, fino al bivio di Martogna, sarà chiusa al traffico dalle 7:30 alle 15:30
Gli eventi prenderanno il via il 10 luglio e si concluderanno il 28 agosto, tutti con inizio alle ore 21:30
Questa domenica va in scena la compagnia "Piccolo Teatro" di Alcamo con "Tintu... cu è ca ci ncagghia"

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
L'Assessorato dei Beni culturali della Regione Siciliana cofinanzia la produzione
Sul posto Vigili del fuoco, Protezione civile comunale e Forestale
"Decisioni su progetti di grande impatto ambientale devono essere prese con il coinvolgimento delle comunità locali"
Incrementerà la portata d’acqua a disposizione della città di 15 litri al secondo