venerdì, Gennaio 27, 2023

Trapani corsaro: cinque reti a Ragusa, l’analisi

Ieri il Trapani ha dimostrato di volere la vittoria più degli avversari e l’atteggiamento in campo è stato quello che avremmo sempre voluto vedere

Il Trapani, corsaro a Ragusa, torna al successo (1-5), dopo la partitaccia di Castrovillari. È un segnale, che la squadra ha lanciato in primis alla proprietà, ossia al Presidente Marco La Rosa. E con un significato ben preciso: noi siamo questi; se vogliamo, siamo in grado di essere protagonisti.

E questo segnale, alla vigilia della riapertura del mercato il 1 Dicembre, potrebbe far cambiare le strategie societarie relative a questo campionato: “repulisti” generale con un forte contenimento delle spese, in vista di un eventuale disimpegno del patron? Oppure un ridimensionamento mirato, per poi costruire una squadra vincente l’anno prossimo?

Non lo sappiamo ancora con certezza, certo è che ieri il Trapani ha dimostrato di volere la vittoria più degli avversari e l’atteggiamento in campo è stato quello che avremmo sempre voluto vedere, fin dalla prima giornata, ma che spesso, troppo spesso ha fatto difetto a questa squadra. Basterà per fare meglio nel prosieguo della stagione? Basterà per convincere il Presidente ad entusiasmarsi ancora e credere nel “progetto” Trapani, portandolo avanti anche l’anno prossimo? Ho idea che sia troppo tardi e che la maggior parte delle scelte La Rosa le abbia già fatte. Ciò non toglie che dovrebbe essere lo stesso Presidente a dirci quale sarà il futuro di questa squadra ma, soprattutto, di questa società.

Ieri alcuni dei big erano in panchina, segno forse di un loro probabile addio, ma a non entrare in campo alla fine sono stati solo Mokulu e Falcone, mentre nella ripresa sono stati utilizzati Civilleri e Merkaj, quest’ultimo peraltro autore di una doppietta. Ieri, così come a Castrovillari, hanno pesato in negativo le condizioni atmosferiche, che non permettevano alle due squadre di esprimere compiutamente il loro gioco. E dunque, anche in questo caso, la gara non ha dato particolari indicazioni sul piano tecnico.

Se a ciò aggiungiamo che la superiorità numerica ha indubbiamente avvantaggiato i nostri calciatori e che avere sbloccato la gara con il favore dell’uomo in più ha praticamente indirizzato il match dal lato dei granata, allora possiamo dire che la gara di ieri a Ragusa non ci ha dato la certezza che la squadra si sia effettivamente ripresa sul piano dell’efficacia delle prestazioni e che le cattive figure d’ora in poi saranno solo un pessimo ricordo.

La gara però, sebbene non giudicabile sul piano del gioco, lo è stata invece sul piano dell’atteggiamento tenuto in campo dai nostri giocatori: la partita l’abbiamo sempre fatta noi, giocando costantemente nella metà campo avversaria. L’agonismo e la determinazione sono stati quelli giusti, finalmente adatti al girone in cui militiamo. Il tutto in un contesto tattico questa volta stabile, senza continui stravolgimenti dei singoli ruoli o dei singoli reparti.

Il resto, come detto, l’hanno fatto le tre espulsioni degli ospiti (due in campo ed una in panchina) e quella nostra, che comunque hanno stravolto gli assetti delle due squadre, incidendo in negativo sullo sviluppo della manovra di entrambe, assieme al forte vento, che ne ha disturbato costantemente il gioco. E dunque, al di là dell’obiettivo vantaggio tratto dalla superiorità numerica, che questa volta siamo stati abili a capitalizzare, a differenza del passato, possiamo dire che la risposta della squadra è stata essenzialmente morale, non tecnica o tattica, ma di temperamento più che di gioco, visto che ieri di gioco non se ne poteva fare tanto, per le ragioni anzidette. E questo, pur se non sufficiente in assoluto, è stato, come dicevo, un segnale forte e chiaro lanciato alla proprietà. E dalla proprietà attendiamo adesso indicative e puntuali risposte su chi rimarrà e su chi andrà via. Ma non solo. A stretto giro di posta, possibilmente.

Valderice, posata la “Pietra d’inciampo” in memoria di Leonardo Miceli [AUDIO]

La cerimonia si è svolta in via Baglio Simonte 141 (davanti la casa che fu dello stesso Miceli), alla presenza della prefetta Filippina Cocuzza e del sindaco Francesco Stabile

Calcio, Trapani: riscattata l’opaca prestazione di domenica scorsa

Una vittoria importante per il morale della squadra e per la sicurezza nei suoi mezzi
Una serie di bottiglie di plastica, contenenti liquido infiammabile, sono state ritrovate davanti a diversi negozi di Petrosino
Incidente sul lavoro stamattina, intorno alle 10, in via Corridoni, nel territorio di Erice
Chiesta la creazione di un tavolo tecnico di confronto con l'Amministrazione comunale di Trapani per studiare un piano che ricalchi l’esempio di Palermo
Ricordata oggi la scomparsa dell’appuntato Salvatore Falcetta e del carabiniere Carmine Apuzzo, uccisi il 27 gennaio 1976 in quella che viene ricordata come la Strage di Alcamo Marina
I ragazzi passeranno l'ultimo giorno a Sofia prima di fare rientro a Trapani domenica

Sabato 3 e domenica 4 dicembre il Day Zero di Etna Comics 2023

Appuntamento al centro commerciale Porte di Catania dalle 10 alle 20

L’esperta risponde: tutti i dubbi su gas e luce [Parte 4]

In settimana i lettori di Trapanisi.it hanno inviato alla nostra esperta alcune domande
La manifestazione è stata ospitata alla Caserma "Giannettino" di Trapani, sede del 6° Reggimento Bersaglieri
La gara si giocherà al Provinciale domenica 29 gennaio, calcio d'inizio alle 15.00
Se l'Aula lo approverà, l'Ente teatrale avrà 150 mila euro in più, passando in totale a 300 mila euro di contributo l’anno
Michele Cimino è il neo commissario liquidatore dei consorzi Asi della Sicilia occidentale Palermo, Trapani, Agrigento, Caltanissetta e Gela
La cerimonia si è svolta in via Baglio Simonte 141 (davanti la casa che fu dello stesso Miceli), alla presenza della prefetta Filippina Cocuzza e del sindaco Francesco Stabile
Iniziativa della Diocesi di Trapani in vista dell'anniversario dell’invasione dell’Ucraina

Pollo all’arancia: la ricetta

Una nuova ricetta su Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Dottore, nuovo anno, nuovi propositi, ma perché procrastino?

Torna il blog Tienilo inMente del dottor Giuseppe Scuderi, psicologo clinico e digitale

Quei giorni in radio… [parte prima]

Negli anni Settanta e Ottanta la radio ha avuto un ruolo decisivo nella diffusione della musica e nell'intrattenimento

“Silenzio, esce la Corte”

La condanna definitiva: l’era di D’Alì è finita. Il silenzio di Trapani
Presso la Sala Sodano di Palazzo d'Alì, insieme agli studenti del "Fardella-Ximenes", si è svolto un momento di approfondimento con ricercatori e studiosi
La cerimonia di intitolazione del reparto si svolgerà il prossimo 31 gennaio all'ospedale di Trapani
Prosegue al Cine Teatro Don Bosco dei Salesiani di Trapani la rassegna di teatro amatoriale. Appuntamento questo sabato 28 gennaio 2023 alle 21.00
I due pregiudicati denunciati dai Carabinieri di Trapani hanno aggredito, ferito e minacciato un 17enne
Il cartellone organizzato dalla Compagnia Sipario nel Teatro Impero vede protagonista il mito di Ulisse e Penelope, ma in una riscrittura nuova e divertente
La spaccatura netta del Partito Democratico con la contrapposizione tra la segreteria provinciale di Domenico Venuti e il deputato ARS Dario Safina apre a una discussione e i pentastellati provano ad insinuarsi

Torna la musica dance nelle classifiche: il fenomeno Kungs

Un nuovo post su Freedom, il blog di DJ Vince

Breve guida al Green Pass sui luoghi di lavoro dopo la fine dello stato...

Termina lo stato di emergenza, quali cambiamenti sono previsti? Torna "Il lavoro, spiegato bene", il blog del consulente del lavoro ed euro-progettista Sergio Villabuona

Legge di Bilancio 2023, le principali novità in materia di energia

Con la Legge di Bilancio 2023 il governo prosegue il lavoro iniziato dal precedente esecutivo con i cosiddetti “decreti Aiuti”