Trapani, Comune chiede pulizia e miglioramenti idraulici dei fiumi in vista dell’autunno

L'assessore Pellegrino ha scritto al Segretario Generale dell’Autorità di Bacino del Distretto Idrografico della Sicilia

Con una nota ufficiale inviata al Segretario Generale dell’Autorità di Bacino del Distretto Idrografico della Sicilia e per conoscenza all’ufficio del Genio Civile – Servizio di Trapani, l’assessore all’Urbanistica e Tutela del Territorio, Giuseppe Pellegrino, in accordo con il primo cittadino di Trapani, Giacomo Tranchida, ha chiesto la verifica per eventuali lavori di pulizia e miglioramento idraulico – anche con somma urgenza – sul tratto di fiume Lenzi-Baiata, soprattutto nelle località Xitta e in altre ubicazioni nel territorio del Comune di Trapani, nelle frazioni di Fulgatore, Ummari e Milo.

Secondo l’Amministrazione, il primo tratto interessato a verifica dovrebbe essere nella zona di Xitta. “Secondo gli studi del Genio Civile di Trapani del tratto fluviale del fiume Lenzi in prossimità del centro abitato di Xitta – spiegano il sindaco Tranchida e l’assessore Pellegrino – , a seguito di verifica strutturale del 2010, dimostra la sufficienza idraulica in condizioni di alveo pulito. Tuttavia, attualmente, ravvediamo nella stessa zona di Xitta che vi sono tratti con detriti accumulati e presenza di vegetazione spontanea. Per questo motivo, abbiamo – nuovamente – richiesto all’Autorità di Bacino del Distretto Idrografico della Sicilia un’urgente verifica ed una eventuale pulizia del letto del fiume Lenzi–Baiata dalla località Milo fino alla foce”.

Il secondo tratto interessato a verifica riguarderebbe il torrente Canalotti – dalla strada comunale a confine con Erice via Trapani – che attraversa l’abitato di Fulgatore in zona via XXIV Maggio e interseca con l’autostrada A29.

“Il Genio Civile di Trapani – continuano Tranchida e Pellegrino – circa 15 anni fa, a seguito di una petizione, condividendo le preoccupazioni degli interessati, ha richiesto un finanziamento di circa 250 mila euro per la pulizia del torrente, lavori che però non sono mai stati realizzati. Attualmente, il torrente Canalotti, nella tratta dalla via Trapani in direzione Ballata, in territorio di Erice, è oggetto di lavori per la rimozione di detriti con un finanziamento complessivo di 730 mila euro da parte dell’Autorità di Bacino del Distretto Idrografico della Sicilia. Come amministratori, quindi, chiediamo la verifica idraulica per la pubblica incolumità del tratto di fiume Canalotti in territorio di Trapani, in continuità con i lavori che già si stanno svolgendo”.

Infine, vengono sottolineate anche le criticità dei torrenti Fastaia, dal tratto in zona SS 113 a est frazione Ummari (asta principale del bacino imbrifero Lago Rubino), Benovara, dalla SS 113 a est frazione Fulgatore a nord (dietro Masseria Benovara), e il Canale di gronda che dalla SS 113, a Milo, parallelamente alla strada Erice-Mazara, sfocia nel fiume Lenzi. Anche in questi tre casi è necessaria una pulizia per evitare esondazioni che possano colpire vigneti o a salvaguardia dell’abitato.

Il “Battesimo di Cristo” dal pennello di Edoardo La Francesca [AUDIO]

Il pittore trapanese ha dipinto la tela che adornerà la chiesa di San Giuseppe a Castellammare del Golfo
La notizia è stata comunicata durante una riunione alla Prefettura di Trapani
Quando si raggiungono i 35 gradi, in assenza di risveglio in grado di mitigare il rischio nei cantieri, bisogna interrompere le attività
Il provvedimento è entrato in vigore lo scorso 15 giugno
Tecnici al lavoro per ripristinare l'alimentazione delle pompe che attingono acqua dai pozzi di Sinubio
Schifani e Turano: «La Regione investe sui giovani, risorse triplicate»

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
Nel 2024 si stima che saranno raccolte 3.504 tonnellate di imballaggi in acciaio, un +40,7% rispetto al 2023
Il segretario provinciale del Partito Democratico critico sulla riforma voluta dal governo nazionale