lunedì, Marzo 4, 2024

Trapani, al via gli interventi per proteggere le eritrine

Intervento sperimentale per gli storici alberi, si inizia con viale Duca d'Aosta

Sono iniziati, ieri, i lavori di messa in sicurezza e di protezione verso le storiche eritrine di viale Duca d’Aosta a Trapani.

Si tratta di un intervento sperimentale che, dopo il riequilibrio della chioma svolto lo scorso anno, prevede adesso la slupatura e l’eliminazione di tutte le parti cariate al fine di potere trattare le superfici stesse con dei prodotti anticrittogamici che fermano gli agenti cariogeni e gli insetti che creano gallerie all’interno del tronco, consolidando la struttura legnosa.

Grazie a questa attività, si eliminerà tutto ciò che crea instabilità sulla pianta evitando per quanto possibile, futuri cedimenti. Prima dell’autunno, verranno otturate tutte le aperture e le gallerie ad oggi presenti al fine di evitare che l’acqua delle piogge autunnali possa penetrare all’interno dei tessuti minando la stabilità delle eritrine.

L’intervento viene svolto dalla società “VerdeAmbienteSicilia” di Palermo sotto la direzione del professor Francesco Maria Raimondo.

L’amatoriale che riempie i teatri, Ariston sold-out a Trapani con 50&più [AUDIO]

"Ignazio e Franca Florio, storia di una illusione", ne abbiamo parlato con Cinzia Saura
Decisiva la difesa dei granata: partita combattuta con Piacenza che vende cara la pelle
L'assessore regionale Turano: «Combattiamo la dispersione con l'offerta culturale»
L'installazione delle attrezzature è stata finanziata al Comune di Petrosino con fondi del PNRR

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Sogni veri di una vita inventata

Una seconda possibilità è una grande dimostrazione di amore e compassione verso me stesso e potrebbe rappresentare un passo importante per la mia crescita...

Do you remember 2023?

Torna il blog di Andrea Castellano e si tuffa nell'anno appena passato: dalla crisi alla rinascita
Conclusa l'udienza preliminare al Tribunale di Trapani
Agricoltori e associazioni chiedono che non si sversi più acqua dell'invaso a causa della mancata manutenzione