Successo per la 2a edizione del Raduno Equestre alla scoperta del Parco Archeologico di Segesta

Oltre 50 i cavalli protagonisti tra boschi e luoghi storici della provincia di Trapani

È tornata nel trapanese, dopo il successo dello scorso anno, l’attesissima seconda edizione del Raduno Equestre alla scoperta del Parco Archeologico di Segesta, dei boschi e dei luoghi storici della provincia di Trapani. Un evento organizzato dall’Associazione Nuovo Gruppo Equestre Monterice.

Organizzazione impeccabile e ben oltre 50 i cavalli protagonisti: “Un weekend trascorso in mezzo alle campagne in sella ai cavalli, racconti storici e culturali, pranzi all’insegna dei prodotti tipici locali e la sera con musica, balli e tanta simpatia” – queste le parole di alcuni partecipanti.

“Il turismo equestre in Sicilia è cresciuto in modo notevole negli ultimi 10 anni, con oltre ottocento iscritti e centinaia di eventi equestri annuali in tutta la regione. Questo settore offre un modo affascinante per esplorare le terre in sella a questi amici equini. Questo tipo di “equiturismo” si trasforma in un’esperienza di “ecoturismo”, contribuendo a ristabilire un legame più stretto tra l’uomo e la natura. Il gruppo ha potuto vivere i paesaggi unici del territorio trapanese, scoprendo luoghi e storie affascinanti” – così dichiara Nino Culcasi, presidente dell’Associazione Nuovo Gruppo Equestre Monterice.

Le escursioni hanno offerto ai partecipanti la possibilità di scoprire il Monte Inici, il Parco Archeologico di Segesta, il Pianto Romano, il Bosco Baronia in compagnia di esperti conoscitori come il Dott. Vito Santoro, oltre a godere della cucina locale e genuina insieme allo chef Pino Maggiore, rendendo il turismo equestre un’opzione apprezzata dai visitatori che desiderano esplorare paesaggi spettacolari e autentici in Sicilia. In questa avventura, le razze che hanno partecipato erano abituate a percorrere terreni impervi. I cavalli sembravano riflettere la personalità dei cavalieri, in grado di leggere e adattarsi alle caratteristiche di ognuno.

Il verde pubblico a Trapani non è coltura ma… Cultura [REPORTAGE]

Una storia grottesca, quasi incredibile, di piante, divieti di sosta e sfabbricidi. Per fortuna a lieto fine
Una storia grottesca, quasi incredibile, di piante, divieti di sosta e sfabbricidi. Per fortuna a lieto fine
Accompagnerà i presenti in un viaggio culinario tra le ricette tradizionali della sua terra e le sue creazioni quotidiane
La storica dell'Arte Lina Novara nominata direttrice del Museo Diocesano

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
In via Emanuela Loi e al Museo intitolato a Paolo Borsellino
Completato il revamping di due pozzi a Castelvetrano, in dirittura di arrivo quello dei pozzi di Trapani e Calatafimi