sabato, Marzo 2, 2024

Strage di Pizzolungo e la “strafottenza assoluta”. Il ricordo di Francesco Rinaudo

Strage di Pizzolungo (Tp) 35 anni fa .

Ognuno di noi, di quelli che c’erano e all’epoca vivevano a Trapani ed in quelle zone, la ricorda come se fosse oggi.
Tutti ne siamo rimasti segnati, in un modo o nell’altro.
Ognuno di noi ne tiene ben vivo il ricordo attraverso la sua memoria, il suo vissuto di allora e attraverso ciò che si è sedimentato nel suo animo durante questi decenni .
Personalmente, oltre al dolore per le tre vite innocenti spezzate, ne conservo alcune immagini nitide ancora oggi, che mi fanno ancora riflettere.
Mi riferisco ad un servizio giornalistico del Tg2, mi pare, in cui all’indomani della efferata strage un inviato intervistava alcuni giovani trapanesi, raggiunti nei tradizionali luoghi di ritrovo dell’epoca .
Furono proposte tre interviste, mi pare, a tre gruppi diversi di giovani.
Tutte e tre dello stesso tenore :
strafottenza assoluta per ciò che era successo ; disinteresse assoluto, quasi ridicolizzando il truce fatto di cronaca, come a volere dire : abbiamo di meglio a cui pensare, lasciateci divertire in santa pace.
A parte l’immagine distorta che quel servizio televisivo diede della gioventù trapanese, quasi che tutti noi giovani di allora avessimo avuto la stessa, identica reazione alla strage, uguale a quella di quegli sciagurati intervistati dalla Rai Tv (ed ovviamente non era e non è tuttora così), ciò che mi colpi di più fu il modo di realizzare quel servizio televisivo .
In esso non vi è traccia di alcuna voce di protesta, di indignazione, di persone che andassero fuori da quel coro di incosciente ed indolente rifiuto della realtà .
Quasi che quel servizio televisivo avesse volutamente ignorato (o non cercato) i rappresentanti di quella Trapani silenziosa, ed erano tanti, che magari avrebbero volentieri, per senso e dovere civico, per intima convinzione soprattutto, testimoniato il loro sdegno, la loro indignazione e il loro senso di smarrimento di fronte all’ennesimo eccidio mafioso .
A questa maggioranza silenziosa non fu data voce in quel servizio .
E stento ancora oggi a darmi una spiegazione plausibile.
Potrei rincarare la dose, ricordando che quelle tre vite spezzate ancora oggi aspettano che sia fatta giustizia .
Ma ciò che in realtà spero è che quella maggioranza silenziosa, quei giovani di allora, adesso divenuti uomini e donne, padri e madri, cittadini e cittadine responsabili, conservino quel senso di indignazione, che allora scaturì in loro.
Cosi da insegnare ai propri figli lo stesso senso di responsabilità che allora fece loro dire di “no” alla ferocia mafiosa.
E che ognuno quotidianamente ricordi Barbara, Giuseppe e Salvatore Asta attraverso i propri comportamenti individuali, improntati al rispetto della vita umana e delle regole della civile convivenza e della legalità.
In silenzio, se anche si vuole .
Ma con i fatti . Giorno per giorno . . .

L’amatoriale che riempie i teatri, Ariston sold-out a Trapani con 50&più [AUDIO]

"Ignazio e Franca Florio, storia di una illusione", ne abbiamo parlato con Cinzia Saura
Si attende adesso il parere dei Revisori per l'approvazione in Consiglio Comunale
Di Dia e Falco: “Chiederemo incontro al nuovo commissario per l’emergenza siccità Cartabellotta”
Dal prossimo 6 marzo in via Vittorio Alfieri, 9 il primo mercoledì di ogni mese dalle 16 alle 18

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Sogni veri di una vita inventata

Una seconda possibilità è una grande dimostrazione di amore e compassione verso me stesso e potrebbe rappresentare un passo importante per la mia crescita...

Do you remember 2023?

Torna il blog di Andrea Castellano e si tuffa nell'anno appena passato: dalla crisi alla rinascita
Il Consiglio comunale ha approvato la proposta dell'Amministrazione all'unanimità
Il 3 marzo alle ore 10.30 i volontari si ritroveranno in piazzale stenditoio, alla Cala Marina
Petrusa ricopre anche il ruolo di segretario della Filctem Cgil di Trapani
Appuntamento sabato 2 marzo alle ore 18 si terrà una nuova presentazione del libro presso i locali del tempio valdese in via Orlandini 38 di Trapani