Strage di Pizzolungo, cerimonia sul luogo dell’attentato mafioso [VIDEO]

Stamattina il momento del ricordo delle vittime Barbara Rizzo Asta e Giuseppe e Salvatore Asta

Preceduta, nelle scorse giornate, da una serie di iniziative soprattutto dedicate agli studenti sotto il consueto slogan “Non ti scordar di me”, si è svolta stamattina alle 9, presso la stele collocata sul luogo dell’attentato, a Pizzolungo, nel territorio di Erice, la cerimonia in ricordo di Barbara Rizzo Asta e dei suoi due figli gemelli, Giuseppe e Salvatore, uccisi il 2 aprile 1985 da un autobomba destinata al magistrato Carlo Palermo che restò illeso.

Il Comune di Erice ha deposto una corona di fiori in ricordo delle vittime, poi è stato dato il via alla cerimonia solenne. Il fulcro della giornata, introdotta dalla sindaca di Erice Daniela Toscano, è stato l’appassionato intervento di Carlo Palermo che, partendo dall’importanza del ricordo delle vittime di mafia e della memoria da non disperdere, ha sottolineato l’esigenza di una maggiore chiarezza sui fatti di mafia che hanno riguardato il territorio trapanese, in particolare sugli altri “poteri occulti” che hanno orbitato attorno a quegli eventi.

Il sindaco di Trapani, Giacomo Tranchida, dopo aver sottolineato quanto sia stato grande il dolore che ha dovuto sopportare nel tempo Margherita Asta (oggi assente), figlia di Barbara e sorella di Giuseppe e Salvatore, ha invitato a non dimenticare tutte le vittime di mafia: magistrati, appartenete alle forze dell’ordine, giornalisti, politici, sindacalisti, semplici cittadini. Gisella Mammo Zagarella, referente dell’associazione Libera, ha evidenziato l’esigenza di ricordare la sofferenza delle famiglie delle vittime di mafia, mentre il presidente del Tribunale di Trapani, Andrea Genna, ha manifestato la vicinanza dei magistrati a Carlo Palermo e Margherita Asta. La memoria – ha detto – non si deve fermare alla commemorazione ma  deve costituire il motore di un impegno quotidiano su più livelli. Infine, l’assessora Tiziana Raisa, del Comune di Castello D’Argile con cui il Comune di Erice ha collaborato nel tempo fin dal 2015, ha letto pubblicamente un componimento scritto da alcuni giovani del territorio emiliano a seguito dell’incontro con Margherita Asta.

Erano presenti alla cerimonia anche i rappresentanti delle Autorità civili, religiose e militari del territorio, Vincenzo Agostino, padre di Nino, poliziotto ucciso dalla mafia nel 1989, e  una delegazione di studentigiunta da Sassuolo, in Emilia Romagna: tutti i ragazzi hanno indossato una maglietta con scritto “No mafia”.

«Anche quest’anno, così come nei precedenti, la cerimonia è stato un momento emozionante in cui ricordare, riflettere e rinnovare l’impegno condiviso teso al rifiuto della mafia – ha commentato la sindaca di Erice, Daniela Toscano -. Oggi ho ascoltato parole forti ed importanti che possono e devono rappresentare degli stimoli, per tutti, affinché la nostra società diventi sempre più pensante e capace di agire, trasformando il dolore dei lutti in voglia di riscatto ed impegno civile. Tutti dobbiamo aver chiaro quanto sia fondamentale combattere ed isolare la mafia, ma anche individuare e fare altrettanto con chi appoggia la criminalità organizzata. Questo impegno riguarda naturalmente le istituzioni, ma può e deve arrivare anche dai cittadini, a partire dal semplice rispetto delle regole condivise. Desidero infine mandare un fortissimo abbraccio a Margherita Asta. Il dolore che ha dovuto sopportare ed il fardello che trasporta ancora oggi sulle sue spalle è pesantissimo, così come lo è quello di tutti i familiari delle vittime di mafia: non dimentichiamolo. E non dimentichiamo mai Barbara, Salvatore, Giuseppe, e tutti coloro i quali hanno perduto la vita per la mano assassina della mafia». GUARDA IL VIDEO (diretta a cura del Comune di Erice

 

 

Prosegue a Paceco la rassegna estiva “A Macaràro” [AUDIO]

Ne parliamo con Giovanna Scarcella, la curatrice dell'evento
Sul posto Forestale, Vigili del fuoco, elicotteri e Canadair
La storica dell'Arte Lina Novara nominata direttrice del Museo Diocesano
Le rate per il pagamento della Tari passano da tre a cinque
Accompagnerà i presenti in un viaggio culinario tra le ricette tradizionali della sua terra e le sue creazioni quotidiane
Intervista a Paolo Salerno, l'organizzatore della rassegna che da 16 anni propone i gusti dal mondo
In via Emanuela Loi e al Museo intitolato a Paolo Borsellino

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
Completato il revamping di due pozzi a Castelvetrano, in dirittura di arrivo quello dei pozzi di Trapani e Calatafimi
Possono partecipare alla selezione adulti tra i 18 e gli 80 anni di età e minori tra i 14 e i 17 anni di età
Una mostra mercato di prodotti tipici di enogastronomia, artigianato e commercio e tutto ciò che è di più rappresentativo per la Sicilia, e ogni sera è prevista musica
L'artista di Brolo ha incantato il pubblico con un mix di suoni, spaziando dal jazz al folk