Stanchezza cronica e spossatezza infinita? Consigli e rimedi

Torna "Punto Salute News", il blog del dottor Andrea Re

Perché da qualche tempo vi sentite così spossati e sempre affaticati? Come mai non siete più attivi e non avete voglia di agire? Cosa fare? Cosa mangiare? Ci sono alimenti che pensiamo ci facciano stare meglio, che ci forniscano più energia ma in realtà, se ne abusiamo, ci fanno sentire più stanchi! Ci sono alcune persone che senza aumentare il carico di lavoro non riescono mai a recuperare, se la stanchezza è un sintomo nuovo, insorto all’ improvviso, la prima cosa da fare è parlarne con il proprio medico perché ci possono essere delle patologie potenzialmente correggibili che potrebbero essere causa del vostro calo di energie.

Tra le più comuni ricordiamo:

  • anemia,
  • diabete,
  • ipotiroidismo,
  • insufficienza renale cronica
  • ecc…

Per fortuna nella maggior parte dei casi la stanchezza non è legata a nessuna patologia. L’errore numero uno che si tende a fare è assumere sostanze esterne convinti che aumenteranno la nostra energia. Una delle prime cose che le persone che si sentono stanche tendono a fare è aumentare gli zuccheri.

Cari amici dobbiamo precisare un concetto fondamentale, a fronte di situazioni stressanti, il nostro organismo produce cortisolo in maggiore quantità. Questo ormone è responsabile del controllo del livello di zucchero nel sangue oltre che del livello di stress. Se ingeriamo troppi zuccheri, dovrà essere rilasciato più cortisolo per riportare il tutto in equilibrio.

Un maggior quantitativo di cortisolo in circolo può causare disturbi del sonno, abbassare l’efficacia del sistema immunitario e aumentare il mal di testa e gli attacchi di fame. Eliminando cibi con zuccheri aggiunti, e preferendo cibi integrali, si riducono gli sbalzi di umore, lo stress e il Vostro corpo Vi ringrazierà.

Quindi la famosa teoria, se ti senti cronicamente debole, se ti senti stanco hai un calo di zuccheri non è per niente vera perché in realtà è una situazione abbastanza rara. Quindi prendere una merendina un pezzo di cioccolata, un qualcosa di dolce, non aiuta a sconfiggere uno stato di stanchezza cronica perché un aumento repentino della glicemia spingerà il pancreas a produrre più insulina per fare in pochissimo tempo normalizzare i livelli di glicemia che potrà addirittura scendere sotto i livelli normali.

Un’altra sostanza che si tende ad assumere in maniera eccessiva è il caffè. Ricordate il testo della canzone di Alex Britti:“7000 caffè, Li ho già presi perché Sono stanco di stare al volante E vorrei arrivare entro sera da te…”. È vero che modiche quantità di caffeina 2-3 tazzine al giorno aumentano la concentrazione, lo stato di allerta, ci fa sentire meno la fatica, ma se superiamo queste dosi si manifesteranno gli effetti collaterali quali:

  • stati d’ansia
  • insonnia,
  • irrequietezza,
  • agitazione psicomotoria,
  • tachicardia,
  • ipertensione,
  • capogiri.

È come se a una gallina tiraste il collo eccessivamente sino a strozzarla. Quindi se una persona è affetta da stanchezza cronica dovrebbe diminuire l’assunzione del caffè non aumentarla per far ripulire l’organismo da questa sostanza eccitante che scarica l’energia delle nostre batterie.

Un altro pericolo, che riguarda soprattutto i giovani, è l’abuso dell’ utilizzo di bevande energetiche (in inglese energy drink) che sono bibite contenenti sostanze stimolanti, principalmente taurina, vitamine del gruppo B, glucosio, caffeina, ecc… destinate a fornire energia per un breve periodo al consumatore!

Assumere un eccesso di questo tipo di bevande può causare ipereccitabilità, irritabilità, nervosismo, aumento dell’ansia, tremori muscolari, problemi gastrointestinali (diarrea e ulcera peptica). Per poter recuperare Energia per le nostre sfide di tutti i giorni non occorrono integratori. Ma bisogna: primo consiglio in assoluto, dare molta importanza al riposo, sia di notte che durante l’arco della giornata…

Andare a letto sempre alla stessa ora ed evitare, se possibile, di fare lunghi pisolini durante la giornata. Meditare o pregare per recuperare l’energia. Portare avanti una alimentazione sana: mangiare leggero, ma più volte nell’arco della giornata; evitare gli eccessi di cibo o bevande energizzanti; ritagliarsi del tempo, durante la giornata, per rilassarsi; praticare sport leggeri.

Quindi è un lavoro a tutto tondo, perché cari amici “PILLOLE MAGICHE”, NON NE ESISTONO! Quindi non rinunciamo al caffè! Perché questa meravigliosa bevanda ci dà la sveglia e la grinta a colazione! Vi consiglio due-tre tazze di caffè al giorno che sono in grado di migliorare il funzionamento e la salute delle arterie, proteggendoci dalle malattie cardiovascolari.

Punto Salute News è il blog del dottor Andrea Re. È possibile interagire con lui attraverso la sua pagina Facebook.

Il “Battesimo di Cristo” dal pennello di Edoardo La Francesca [AUDIO]

Il pittore trapanese ha dipinto la tela che adornerà la chiesa di San Giuseppe a Castellammare del Golfo
Schifani e Turano: «La Regione investe sui giovani, risorse triplicate»
Per il nuovo film di Margherita Spampinato dal titolo "Gela"
Nel 2024 si stima che saranno raccolte 3.504 tonnellate di imballaggi in acciaio, un +40,7% rispetto al 2023
Il segretario provinciale del Partito Democratico critico sulla riforma voluta dal governo nazionale
Forgione: "La nostra priorità è mantenere le nostre isole pulite e accoglienti"

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
Disposta una seria di servizi straordinari delle Forze dell'ordine e altri Enti
I responsabili saranno denunciati all'Autorità giudiziaria
Sarà l'occasione per scoprire il paesaggio incontaminato, dove la natura ha ripreso il sopravvento, dopo il devastante incendio di un anno fa
Un'opportunità per affrontare i temi cruciali della tutela dell'ambiente e dello sviluppo sostenibile