domenica, Marzo 3, 2024

Stabilimento ittico abusivo, la Capitaneria di porto di Mazara del Vallo sequestra 200 kg di prodotti

Al titolare della società è stato elevato un verbale di 1.500 euro

Nel corso di controlli eseguiti dalla Capitaneria di Porto di Mazara del Vallo insieme alla Polizia Municipale e ai veterinari dell’Asp, è stato scoperto uno stabilimento ittico abusivo in prossimità del centro cittadino.

I militari della Guardia Costiera, una volta effettuato l’accesso all’interno della struttura, hanno constatato la presenza di una cella frigorifera contenente prodotto ittico fresco e congelato in cattivo stato di conservazione e privo della documentazione necessaria attestante la tracciabilità.

Al titolare della società è stato elevato un verbale di 1.500 euro per mancata tracciabilità del prodotto ittico che è stato sottoposto a sequestro. Si tratta di 192 chilogrammi di gambero rosa e 10 chili di sugarello.

L’amatoriale che riempie i teatri, Ariston sold-out a Trapani con 50&più [AUDIO]

"Ignazio e Franca Florio, storia di una illusione", ne abbiamo parlato con Cinzia Saura
L'assessore regionale Turano: «Combattiamo la dispersione con l'offerta culturale»
Si completa così l'ultimo step dettato dal protocollo d’intesa tra Assessorato regionale della Salute e sindacati

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Sogni veri di una vita inventata

Una seconda possibilità è una grande dimostrazione di amore e compassione verso me stesso e potrebbe rappresentare un passo importante per la mia crescita...

Do you remember 2023?

Torna il blog di Andrea Castellano e si tuffa nell'anno appena passato: dalla crisi alla rinascita
Si attende adesso il parere dei Revisori per l'approvazione in Consiglio Comunale
Di Dia e Falco: “Chiederemo incontro al nuovo commissario per l’emergenza siccità Cartabellotta”
Dal prossimo 6 marzo in via Vittorio Alfieri, 9 il primo mercoledì di ogni mese dalle 16 alle 18
"Ho scritto di Giuda perché mi è sempre piaciuto raccontare le ombre, dice il giornalista e scrittore trapanese