Siracusa-Trapani, vietata la trasferta ai tifosi granata

Il club trapanese valuterà, in caso di episodi particolari all'interno dell'impianto, la sospensione della partita

Una brutta pagina di sport che si aggiunge a questo campionato di Serie D. Dopo il ritiro del Lamezia Terme e le difficoltà rese note da San Luca e Gioiese, i tifosi del Trapani non potranno supportare i propri beniamini nella trasferta di domenica prossima a Siracusa.

La decisione è arrivata nel primo pomeriggio di questo giovedì, una scelta decretata anche dalla Questura di Siracusa che ha preferito vietare la trasferta per evitare possibili scontri tra le due tifoserie. Una rivalità molto sentita che ha avuto ancora più risonanza sui social, con foto e video intimidatori da parte di un ristretto gruppo di siracusani nei confronti, tra gli altri, del presidente del Trapani, Valerio Antonini.

Non è mancata una risposta della società granata: nella nota pubblicata sul proprio sito ufficiale, il Trapani sottolinea che ci si attende lo stesso metro di misura per la gara di ritorno al Provinciale. A ciò si aggiunge una decisione discutibile, secondo lo stesso club, di punire i tifosi trapanesi in seguito alla violenza minacciata da parte di un ristretto gruppo di tifosi del Siracusa di cui sono già a conoscenza le autorità competenti.

Il Trapani evidenzia infine che non verrà tollerato alcun atto di aggressione nei confronti dei propri tesserati e i mezzi al seguito del pullman societario su cui viaggerà la squadra. Qualora dovessero registrarsi episodi particolari all’interno del De Simone, il club granata sarà pronto a intavolare qualsiasi iniziativa per tutelare calciatori, dirigenti e accompagnatori, incluso l’interruzione della partita.

Ancora una volta, un episodio che ha davvero poco a che vedere con il calcio e con lo sport in generale.

Il brindisi con gli Shark a Palazzo D'Alì 240611

Mentre Shark brinda l’assessore risponde alla Lega Nazionale Pallacanestro [VIDEO]

Adesso si cambia regime, si passa al professionismo un'era nuova che davvero non vediamo l'ora di vivere"
È indiziato di appartenere a Cosa nostra e in affari anche con la famiglia mafiosa di Castelvetrano
Il martedì dalle 10 alle 12 e il giovedì dalle 15 alle 17
Sul posto Vigili del fuoco, Protezione civile comunale e Forestale
L'Assessorato dei Beni culturali della Regione Siciliana cofinanzia la produzione
"Decisioni su progetti di grande impatto ambientale devono essere prese con il coinvolgimento delle comunità locali"
Questa domenica va in scena la compagnia "Piccolo Teatro" di Alcamo con "Tintu... cu è ca ci ncagghia"
Grazie ai volontari, fino a settembre, dalle 18.30 alle 23.30
Incrementerà la portata d’acqua a disposizione della città di 15 litri al secondo
Le selezioni si svolgeranno martedì 18 giugno, dalle 15 alle 18.30

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
Fu ucciso a Palermo in un agguato mafioso con il capitano D'Aleo e l’appuntato Bommarito
La storia del fisico italiano, inventore e padre delle comunicazioni, tra prosa teatrale, canti, musica e coreografie
Iniziativa di Renantis Sicilia in collaborazione con il Dipartimento di Ingegneria
Appello intervenga presso il governo nazionale e la cabina di regia del Ministero della Coesione