martedì, Febbraio 7, 2023

“Silenzio, esce la Corte”

La condanna definitiva: l’era di D’Alì è finita. Il silenzio di Trapani

Seminascosta dalla tragica morte del capitano Altruda, è passata quasi sotto silenzio la condanna definitiva a sei anni dell’ex senatore D’Alì. Una singolare concatenazione d’eventi, ovvero l’incidente aereo con successiva polemica fra giornalisti trapanesi, ha confinato una notizia eclatante come fra i titoli di coda d’un film. L’agenzia della sentenza della Cassazione, una breve biografia del personaggio condannato per concorso esterno in associazione mafiosa, e storia chiusa.

Come se fosse stato condannato un modesto consigliere comunale, e non un potente banchiere, poi senatore per quasi un quarto di secolo, sottosegretario per una legislatura e, ancora nel 2017, quand’era già sotto inchiesta, candidato a sindaco di Trapani. E ancora, scopritore del personaggio Mimmo Fazio, sindaco dal 2001 al 2012. Insomma, un uomo potente se ce n’è uno, a cui va riconosciuto il merito (non è da tutti) d’essersi difeso nei tribunali con misura e a cui auguro d’uscire presto dal carcere. Non è lì che dovrà fare i conti, se ne avrà voglia, con la sua coscienza.

Va ricordato, per memoria collettiva, che l’assoluzione di D’Alì nei primi due processi era avvenuta ricalcando quella del processo Andreotti, ovvero, mi si perdonerà la grossolanità, colpevole fino a certa data, ma coperto dalla prescrizione, assolto, con la formula dell’usato sicuro dell’insufficienza di prove, per i fatti più recenti. Non il massimo, è evidente, per un uomo delle istituzioni.

Sui social molti hanno commentato che, una volta data la notizia, non ci sarebbe stato altro da aggiungere. Al contrario, chiusa la vicenda giudiziaria, resterebbe da dire tutto il resto. Ovvero quale modello di sviluppo ha offerto alla città il potere strabordante di D’Alì, cosa ha lasciato, se miseria o progresso. Ma l’imbarazzo generale impedisce di parlarne: troppo la città è stata accucciata ai piedi del potente per poterlo ora criticare. Per dire, ad esempio, se è vero o no che la Louis Vuitton Cup (comunemente qui chiamata “America” Cup) è stata come stappare una gassosa, via la schiuma resta acqua. O resta il mangificio in cui la città s’è ridotta, coi tavoli di bar e ristoranti fin dentro i portoni, e poco altro. Coi giovani che non ci sono, scappano appena finita la scuola, e non tornano.

Era difficile contrastarlo, D’Alì. C’era la minaccia delle azioni giudiziarie (la magistratura è sempre stata molto sensibile alle querele dei potenti ai giornalisti, si veda il recente caso Report), o della causa civile, forse ancora peggio di quella penale. E poi c’era il contesto: chi muoveva mezza critica era quasi messo ai margini. Figuratevi che, sempre per memoria collettiva, fu rifiutata la cittadinanza onoraria ad un prefetto, Fulvio Sodano, non certo un pericoloso sobillatore di folle, giudicato non meritevole in quanto avversario del senatore. Se si tratta così un ex prefetto, figuratevi chi nella scala gerarchica occupa diversi gradini più in giù.

Trapani non sopporta chi sostiene che è stata, ed è oggi in forme diverse, una città di mafia. Ricordo che nel 1984 andò sulla Rai la prima serie de La Piovra, qui girata, e smaltita la curiosità per osservare vie e piazze, individuati i volti conosciuti fra le comparse, partirono le critiche e agli attacchi a chi ci dipingeva come mafiosi. Erano gli anni Ottanta: l’anno prima Cosa Nostra aveva ammazzato Ciaccio Montalto, avrebbe fatto seguito la strage di Pizzolungo, poi Rostagno e Giacomelli. Ma guai ad accoppiare a Trapani la parola mafia.

Ma bisogna rassegnarsi, perché ogni tanto l’accoppiata riaffiora, magari solo come una sorta di ufficio di collocamento per aspiranti consiglieri comunali, come si seppe nel 2019, quando il candidato si rivolgeva al boss per chiedere se poteva usargli la cortesia di trovare, a pagamento, un po’ di preferenze. Mi immagino un “le faremo sapere” come risposta.

Insomma, l’era di D’Alì è finita, non se ne intravedono altre, almeno di quella misura: seppur chiacchierato, gli trovarono una poltrona al Viminale, per dire. Questo è, di questo si dovrebbe discutere e confrontarsi, anche difendendo l’ex senatore, se del caso. Invece c’è il silenzio, e forse è proprio questo, il silenzio, che Trapani, povera e disgraziata città, merita.

***

[Scrivo queste note usurpando il mestiere di cronista, non traendo il mio reddito principale (e da qualche anno neanche quello secondario) dall’attività di giornalista. È la tesi di Nicola Baldarotta, che questo ha più o meno sostenuto in un, per il resto onesto e coraggioso, editoriale sul suo giornale, Il Locale News. Per lui il titolo di giornalista è attribuibile solo a chi lo fa in via esclusiva. In due righe, Baldarotta ha liquidato migliaia di pubblicisti, spesso sfruttati, che innervano le redazioni di giornali e televisioni in tutta Italia. Seguendo il suo ragionamento, Giovanni Ingoglia e Aldo Virzì (mi limito a citare solo loro come casi emblematici) avrebbero dovuto occuparsi del giardino di casa, invece che di mafia o cultura. Ma basta così, chiudiamola qua: come diceva con saggezza una mia vecchia amica, niente ci fa].

Trapani, stop ai “furbetti del suolo pubblico” [AUDIO]

Una task force formata da funzionari del Settore Suap e agenti della Polizia municipale sta effettuando sopralluoghi e già sono state elevate alcune sanzioni

Calcio, Trapani: riscattata l’opaca prestazione di domenica scorsa

Una vittoria importante per il morale della squadra e per la sicurezza nei suoi mezzi
Insieme ad un complice, già arrestato, avrebbe commesso una rapina in un supermercato di via Madonna di Fatina a Trapani
La "Marino Rosario" si è aggiudicata l'appalto che era di 230 mila euro con un ribasso del 17,1421%
Agricoltura, legalità e pace: benedizione dei mezzi agricoli fatti arrivare dalla Coldiretti e firma del manifesto per la pace
Sono dieci le persone denunciate dai Carabinieri della Compagnia di Marsala nell’ambito dei controlli effettuati nel fine settimana appena trascorso
Assemblea annuale, in totale sono state 2.315 sacche raccolte

Sabato 3 e domenica 4 dicembre il Day Zero di Etna Comics 2023

Appuntamento al centro commerciale Porte di Catania dalle 10 alle 20

Bonus gas e luce 2023, cosa cambia

Con la legge di Bilancio 2023 arrivano novità anche sul bonus bollette per le spese di luce e di gas
"Noi scegliamo di stare con chi possa garantire un futuro ordinario e straordinario alla nostra amata Trapani"
Permette di effettuare facilmente tutti gli esami radiografici riducendo la distanza paziente-rilevatore e rendendo possibile il posizionamento del paziente senza ostacolare il risultato dell'esame
L’iniziativa dell’associazione “Comunità Papa Giovanni XXIII” rientra tra gli eventi promossi nell’ambito del percorso “Disarmare il cuore per fermare ogni guerra” promosso dalla Diocesi di Trapani
La consigliera comunale di opposizione, potrebbe essere sostenuta da "Sud chiama Nord" e da Forza Italia
"L’Asp di Trapani si è assunta la responsabilità di procedere applicando la normativa nazionale che consente la stabilizzazione di questa platea di lavoratori"
In scena "Anche i muli hanno le ali - La santità di Mons. Giuseppe Cognata" a cura del coro polifonico Spe salvi

Pollo all’arancia: la ricetta

Una nuova ricetta su Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Dottore, nuovo anno, nuovi propositi, ma perché procrastino?

Torna il blog Tienilo inMente del dottor Giuseppe Scuderi, psicologo clinico e digitale

Quei giorni in radio… [parte prima]

Negli anni Settanta e Ottanta la radio ha avuto un ruolo decisivo nella diffusione della musica e nell'intrattenimento

“Gli autobus di Carlo Lungaro”

Una nuova storia raccontata da Andrea Castellano nel suo blog
L'obiettivo sarà la valorizzazione del sistema ortofrutticolo siciliano e delle produzioni a marchio Dop e Igp
Marsala piange la scomparsa dell'uomo che ha legato il suo nome alla storica azienda di vini
Martedì 14 e mercoledì 15 febbraio il Comune interverrà per la salvaguardia della salute pubblica
La Euroinfrastrutture si occuperà dei lavori per un importo di 362.382,34 euro. La struttura era del "re dell’eolico" Vito Nicastri
Cessato l'allarme lanciato dalla Protezione civile regionale della Sicilia, stanotte intorno alle 3 per le coste dell'Isola a seguito del terremoto di magnitudo 7.9 verificatosi al confine fra Turchia e Siria dove il bilancio è, al momento, di oltre 300 morti e 700 feriti
Le visite, da prenotare tramite il CUP, vengono effettuate il martedì dalle 16 alle 18.40 nel reparto di Urologia

Torna la musica dance nelle classifiche: il fenomeno Kungs

Un nuovo post su Freedom, il blog di DJ Vince

Breve guida al Green Pass sui luoghi di lavoro dopo la fine dello stato...

Termina lo stato di emergenza, quali cambiamenti sono previsti? Torna "Il lavoro, spiegato bene", il blog del consulente del lavoro ed euro-progettista Sergio Villabuona

Stanchezza cronica e spossatezza infinita? Consigli e rimedi

Torna "Punto Salute News", il blog del dottor Andrea Re