“Sebastiano Tusa – l’uomo, lo studioso, l’archeologo” in uscita il libro dedicato all’accademico siciliano [AUDIO]

L'editore Angelo Mazzotta, che cura la collana di libri "Tesori di Sicilia" ha voluto dedicare il volume del 2021 al palermitano Sebastiano Tusa

Mare, scogli e una montatura gialla che è impossibile non riconoscere: quella di Sebastiano Tusa. L’archeologo e accademico italiano, scomparso ormai da due anni, è il protagonista del nuovo libro di Angelo Mazzotta, in uscita il 2 giugno.

L’editore Mazzotta, che cura la collana di libri “Tesori di Sicilia” ha voluto dedicare il volume del 2021 proprio al palermitano Tusa. “Sebastiano Tusa è considerato una bandiera mondiale – commenta Angelo Mazzotta durante l’intervista per Trapanisì.it – perché ha avuto contatti per la sovraintendenza del mare con tutto il mondo. Questa è la cosa più bella che possa dire, mi ha trasmesso la bellezza della Sicilia.”

Una stima e un’amicizia importante per l’editore Mazzotta, che decide di contattare la moglie di Sebastiano, Valeria Li Vigni – Tusa, per aiutarlo nella stesura del libro. Invito che la donna ha accolto con sorpresa e gioia. Per oltre un anno Angelo Mazzotta ha ricevuto dei saggi brevi da parte di amici dell’archeologo; testi – che compongono il libro – in cui i colleghi raccontano l’archeologo, lo studioso e l’uomo che Sebastiano Tusa fu.

“Sebastiano Tusa, ha dedicato la sua vita a riportare la Sicilia al centro del Mediterraneo, considerandola un tesoro unico e ineguagliabile – scrive la moglie Valeria Li Vigni -, in grado di fornire una lettura esaustiva delle dinamiche culturali che nei millenni hanno lasciato tracce indelebili. Il suo operato deve essere un monito a perseguire i programmi e la progettazione da lui intrapresa con senso del dovere, passione, grande intuizione e grande capacità di comunicare e valorizzare il patrimonio culturale”. Con il marito Sebastiano ha condiviso tantissime avventure in giro per il mondo, da Sidney all’Irlanda, Bretagna, Normandia, Libia e tanti altri posti. “Ma il suo cuore – scrive Valeria nel saggio introduttivo del libro – apparteneva alla Sicilia”.

Da mercoledì 2 giugno “Sebastiano Tusa – l’uomo, lo studioso, l’archeologo” sarà presente in tutte le librerie. “Per me è un motivo di orgoglio far conoscere Sebastiano Tusa, è un momento esaltante della mia attività – dichiara Angelo Mazzotta – per l’amore che io provo per la nostra terra”.

Per ascoltare l’intervista schiaccia PLAY:

Altro che sindaco o assessore, a Trapani decidono i topi [AUDIO]

Intervista all'assessore Emanuele Barbara e a Livio Marrocco presidente di Nova Civitas
Intervista all'assessore Emanuele Barbara e a Livio Marrocco presidente di Nova Civitas
Con Ornella Fulco parliamo del primo appuntamento della rassegna letteraria di questa sera, giovedì 18 luglio al Teatro comunale di Valderice
Nascondeva una pistola d avrebbe messo a disposizione del boss un garage trasformato in appartamentino
Si tratta del terzo spettacolo in cartellone e si terrà al Salotto Culturale Insonnia il 24 luglio
L'autrice firmerà il suo libro “Granita e baguette”, nuovo “capitolo” della saga delle Signore di Monte Pepe
Lo scrittore trapanese torna a trattare in chiave romanzata lo scottante tema della violenza sulle donne
Ne parliamo con la professoressa Giovanna Parisi, coordinatrice del corso di laurea in Biodiversità e Innovazione Tecnologica

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
Si prosegue, fino al 20 luglio, con un ricco programma di proiezioni a cielo aperto, incontri e dibattiti, degustazioni e spettacoli
Due mesi di concerti, spettacoli e performance che abbracciano sette secoli di storia musicale, dal Medioevo al Barocco
Schifani: «Ordinanza per tutelare la salute degli addetti più a rischio»