Sanità in Sicilia, la giunta approva intesa tra Regione e Università su formazione e assistenza

L’accordo avrà la durata di tre anni

Partecipazione degli Atenei alla programmazione sanitaria regionale, cambiamenti negli assetti organizzativi per le aziende ospedaliere universitarie, differente sistema di finanziamento. Sono alcune delle novità contenute nel nuovo protocollo di intesa tra Regione Siciliana e università di Catania, Messina e Palermo per l’attività assistenziale e quella formativa che ha ricevuto l’apprezzamento della giunta regionale siciliana e sarà firmato successivamente.

«Questo schema – dice il presidente della Regione, Renato Schifani – è frutto del dialogo costante portato avanti dal governo con tutti i soggetti che fanno parte del sistema Sanità in Sicilia. La nuova visione punta ad adeguare i servizi alle esigenze dei cittadini, attraverso una formazione in linea con l’evoluzione degli standard di qualità. Per il conseguimento di questi obiettivi il rapporto con le Università è fondamentale».

«Il nuovo protocollo – afferma l’assessora regionale alla Salute, Giovanna Volo – deriva da un percorso di aggiornamento del precedente che ci è stato chiesto dalle Università e rappresenta la base per un rilancio delle azioni di formazione dei medici, presenti e futuri, e di tutto il personale sanitario. Un nuovo modello nel quale Regione e Atenei collaborano per il miglioramento delle attività didattiche e di ricerca e di quelle assistenziali, considerandole inscindibili. Una cooperazione che si concretizzerà anche attraverso lo scambio di informazioni su reciproche aree di competenza. Non è un caso che l’accordo (che avrà la durata di tre anni) fissi il principio della partecipazione delle università alla programmazione sanitaria regionale».

L’intesa, tra l’altro, individua le strutture ospedaliere pubbliche e private accreditate nelle quali svolgere le attività cliniche e di formazione, necessarie per garantire le funzioni delle aziende ospedaliere universitarie come sede di corsi di laurea e specializzazione.

Semplificate le procedure di nomina dei direttori generali delle aziende ospedaliere universitarie: saranno scelti da una terna che il rettore proporrà alla Regione e i requisiti dovranno essere quelli previsti dalla normativa per le analoghe figure delle altre aziende sanitarie regionali.

Il protocollo introduce anche un nuovo assetto organizzativo, a partire dall’introduzione dei “Dai”, dipartimenti ad attività integrata, come modello esclusivo di gestione dell’azienda ospedaliera universitaria e che potranno anche avere carattere interaziendale. L’organizzazione dipartimentale dovrà avere dimensioni in grado di favorire consistenti economie e adeguate risposte assistenziali, formative e di ricerca. I Dai potranno essere organizzati per aree funzionali; per gruppo di patologie, organi o apparati, intensità di cura; per particolari finalità assistenziali, didattico-funzionali e di ricerca.

La dotazione complessiva dei posti letto delle aziende ospedaliere universitarie è determinata dalla Regione, d’intesa con i rettori, in fase di rimodulazione della rete ospedaliera.

Per l’individuazione delle strutture assistenziali complesse (che rappresentano le articolazioni dei dipartimenti) l’amministrazione terrà conto di parametri come il numero di docenti, studenti, assistenti e della disponibilità di laboratori. Semplificata anche in questo caso la nomina dei responsabili.

Cambia il sistema di finanziamento: le aziende ospedaliere universitarie saranno classificate nella fascia dei presìdi a più elevata complessità e di conseguenza sarà applicata una tariffazione equivalente. Inoltre, è prevista un’ulteriore integrazione del 6 per cento in funzione di peculiari attività di formazione e ricerca.
Infine, la formazione degli specializzandi e del personale sanitario sarà definito sulla base delle esigenze rilevate dalla Regione.

Tranchida: l’acqua arriva nonostante l’Enel e il “cortocircuito amministrativo” [AUDIO]

"Abbiamo sopperito all'incidente tecnico amministrativo. Per i blackout Enel stiamo pensando ai gruppi elettrogeni"
"Abbiamo sopperito all'incidente tecnico amministrativo. Per i blackout Enel stiamo pensando ai gruppi elettrogeni"
Presente il sottosegretario all'Interno Emanuele Prisco
Intervento stanotte di un elicottero HH139B dell’82° Centro SAR di Trapani
Venerdì 26 luglio alle ore 19 si terrà la Santa Messa e alle ore 21 una serata memorial con video, musica e testimonianze nel campetto parrocchiale
Nato da una open call agli artisti, il cartellone di Selinunte, che accompagnerà l’estate per oltre due mesi, accoglie il primo spettacolo della rassegna Teatri di Pietra giovedì 25 luglio alle 21:30
I biglietti potranno essere ritirati presso la sede Avis in via Casa Bianca n. 34, con un'offerta minima € 10,00
Ospite della prima serata sarà Gianrico Carofiglio, scrittore e magistrato italiano, noto per i suoi romanzi gialli e legal thriller

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
I consiglieri comunali controbattono le dichiarazioni del sindaco Forgione
Eletto il Consiglio d’Amministrazione per il triennio 2024-2027
Il consigliere comunale di Fratelli d'Italia Nicola Lamia spiega perchè l'opposizione ha abbandonato l'Aula Consiliare
L'amministrazione comunale ha illustrato lo stato di avanzamento dei Piani che confluiranno nel PUG