Salemi, ripulito e risistemato il sito archeologico di Mokarta

Lo scorso anno era stato interessato da un incendio, dovuto alla presenza di sterpaglie

Il sito archeologico di Mokarta è stato ripulito dalle erbacce e risistemato in attesa che si avvii la stagione delle visite, grazie all’intervento del Parco Archeologico di Segesta.

Mokarta è un luogo speciale e sconosciuto ai più che custodisce preziose testimonianze della preistoria della Sicilia. Siamo nel comprensorio di Salemi (Helicyae), in provincia di Trapani, in un contesto ambientale di grande suggestione che mostra i segni di una civiltà strutturata, molto vicina a quelle che sono le abitudini e i modi di vivere delle comunità rurali della Sicilia che abitano da sempre le aree interne.

“In uno spazio che mostra i resti in pietra di quindici abitazioni circolari dall’ingresso a forcipe – sottolinea l’assessore dei Beni culturali e dell’identità siciliana, Alberto Samonà – si conserva fin dalla preistoria la memoria di una popolazione antica e di un luogo unico al mondo. Insediamenti come Mokarta ci dicono da dove veniamo, raccontando il nostro passato ancora oggi con grande forza e costituiscono ambiti storico-archeologici che vanno approfonditi, valorizzati e studiati con ancora maggiore attenzione. Un sito – aggiunge l’assessore Samonà – che lo scorso anno aveva fatto parlare di sé per un incendio, dovuto alla presenza di sterpaglie, ma che quest’anno si presenta ripulito e sistemato, con i percorsi e i camminamenti interni ben visibili”.

“La collina dove si trova il sito archeologico di Mokarta – dice la direttrice del Parco archeologico di Segesta, Rossella Giglio – è un luogo di grande interesse che merita di essere inserito nei percorsi turistico-archeologici della Sicilia occidentale. Lo scheletro della giovane Nina e i manufatti rinvenuti durante gli scavi che, ad oggi, si presentano quasi integri, ci raccontano di un villaggio la cui fine è legata ad un evento improvviso e traumatico che coinvolse l’intero insediamento sul finire dell’età del Bronzo. I vasi di uso domestico rinvenuti, le scodelle, i boccali, le coppe su piede, le olle e i vasi rituali sono preziose testimonianze che ci aiutano a ricostruire la storia di una Sicilia antica di cui la Mokarta emersa costituisce solo una piccola parte dell’immenso patrimonio ancora coperto”.

Il verde pubblico a Trapani non è coltura ma, cultura [REPORTAGE]

Una storia grottesca, quasi incredibile, di piante, divieti di sosta e sfabbricidi. Per fortuna a lieto fine
Una storia grottesca, quasi incredibile, di piante, divieti di sosta e sfabbricidi. Per fortuna a lieto fine
La storica dell'Arte Lina Novara nominata direttrice del Museo Diocesano
Accompagnerà i presenti in un viaggio culinario tra le ricette tradizionali della sua terra e le sue creazioni quotidiane
Le rate per il pagamento della Tari passano da tre a cinque

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
In via Emanuela Loi e al Museo intitolato a Paolo Borsellino
Completato il revamping di due pozzi a Castelvetrano, in dirittura di arrivo quello dei pozzi di Trapani e Calatafimi
Possono partecipare alla selezione adulti tra i 18 e gli 80 anni di età e minori tra i 14 e i 17 anni di età
Una mostra mercato di prodotti tipici di enogastronomia, artigianato e commercio e tutto ciò che è di più rappresentativo per la Sicilia, e ogni sera è prevista musica