Salemi, dall’11 al 26 marzo torna la Festa di San Giuseppe

Tante le iniziative messe in campo dal Comune con l'Assessorato al Turismo, la Pro Loco e le associazioni

Dall’11 al 26 marzo torna a Salemi la Festa di San Giuseppe. La tradizione, con i laboratori del pane rituale e gli altari famosi in tutto il mondo, e poi musica, cultura e sport nell’atmosfera di un centro storico che quest’anno guarda al possibile traguardo nazionale del “Borgo dei Borghi”. Le iniziative, messe in campo dal Comune, attraverso l’Assessorato al Turismo, la Pro Loco e altre associazioni, caratterizzeranno la festa che ogni anno richiama numerosi turisti e visitatori a Salemi che, dal 2016, fa parte dei Borghi più Belli d’Italia.

La Festa di San Giuseppe si incrocia quest’anno con la gara del “Borgo dei Borghi”, la competizione legata alla trasmissione Rai che proprio nei giorni di marzo eleggerà il più bel Borgo d’Italia tra gli appartenenti al prestigioso elenco. Salemi, che dal 2016 fa parte dei Borghi più Belli d’Italia, rappresenterà la Sicilia. Per dare la propria preferenza alla cittadina bisognerà prima iscriversi alla piattaforma RaiPlay e, nel momento in cui sarà dato l’ok alla gara, sarà possibile esprimere un voto al giorno attraverso il proprio account. “Abbiamo un compito importante – ricorda il sindaco Domenico Venuti – perché con Salemi sarà in gara tutta la Sicilia. Un motivo in più per realizzare quest’anno un programma allargato e denso di iniziative, nel solco di quanto fatto in questi anni”.

La Festa di San Giuseppe inizierà proprio dall’Assemblea regionale dei Borghi più belli d’Italia, che si terrà l’11 marzo, alle 10.30, al Castello normanno-svevo. “Si parlerà certamente della candidatura di Salemi e faremo il punto sulle prossime iniziative da mettere in campo per la promozione turistica del territorio”, spiega Venuti.

Cuore della festa il 19 marzo, giorno di San Giuseppe, con l’invito ai santi nella “Cena” allestita dal Comune e dall’associazione “Sicilia Bedda” all’interno dell’oratorio di San Bartolomeo, a partire dalle 12. Altari anche alla Pro Loco e all’associazione Aga,in piazza Libertà e in via Enrico Fermi. Domenica 26 marzo si replicherà, allo stesso orario, nel vicino chiostro di Sant’Agostino, dove il Comune ha allestito una “Cena” insieme con l’associazione Giovani Don Bosco. Per facilitare la viabilità, dal 19 al 26 marzo un bus navetta farà da collegamento tra piazza Vittime di Nassiriya, nella zona di nuova espansione, a piazza Libertà, alle porte del Borgo: il servizio sarà attivo dalle 9 alle 21.
La cultura sarà, come sempre, protagonista del cartellone. Oltre ai tesori del Polo Museale di Salemi, diverse le iniziative messe a punto: il 17 marzo l’inaugurazione al palazzo dei musei di “Futuro Composto”, del progetto Street memories photo, di Giuseppe Iannello, a cura di Giuseppe Maiorana, mentre domenica 19 e poi ancora il 24, 25 e 26 marzo, dalle 11 alle 16:30, il tour tematico “Architetture ed altari” darà la possibilità di approfondire i legami tra le bellezze del Borgo di Salemi e la Festa di San Giuseppe. Lunedì 20 marzo la messa celebrata nella Chiesa Madre, alle 18.30, presieduta dal vescovo di Mazara del Vallo, monsignor Angelo Giurdanella. Mercoledì 22, invece, la passeggiata inclusiva “Sapori, tradizioni e inclusione”, dell’associazione Spazio Libero Onlus, che prenderà il via alle 17 da via Marsala.

La musica entrerà in gioco il 19 marzo, con il concerto itinerante della banda musicale “Vincenzo Bellini-Città di Salemi” e il concerto di musica folk degli “Zagara ‘n Ciuri” per le strade del centro storico. Il 26 la chiusura con l’allegria della Sud Street Band, che animerà con la sua musica le strade del centro storico, e con il concerto etno-folk al castello che vedrà protagonisti i “Sicily Inside”.

Spazio anche allo sport, con il quinto “Raduno dei pani”, organizzato dall’associazione di bikers Mtb Salemi, in programma la mattina del 12 marzo. Il 26 mattina, invece, in piazza Libertà il raduno d’auto d’epoca “Salemi…Tra cultura e tradizione”, organizzato dal Fiat 500 Club Sicilia.

I laboratori del pane votivo, organizzati da Pro Loco e associazione “Giovani Don Bosco”, in piazza Libertà, saranno visitabili il 18, 19, 25 e 26 marzo. Stesse date anche per i mercatini di primavera nel chiostro di Sant’Agostino. L’11 marzo, alle 18, al castello, la Fidapa Bpw Italy di Salemi presenterà “Emozioni”, esposizione delle opere di Antonietta Merendino, mentre il 25 marzo, alle 10, al chiostro di Sant’Agostino, con Unpli Trapani e Pro Loco si parlerà di “Pani e paste della tradizione nella provincia di Trapani”.

“Saranno due settimane tutte da vivere – dicono Venuti e l’assessore al Turismo Vito Scalisi -. Alle tante associazioni che hanno collaborato alla realizzazione del programma va un sentito ringraziamento, mentre l’invito è rivolto a chi non conosce ancora Salemi ma anche a chi avrà il piacere di tornare e rivivere l’atmosfera di San Giuseppe: la città è pronta ad accogliervi”.
L’intero programma è consultabile qui sotto
Salemi, programma San Giuseppe 2023

Il “Battesimo di Cristo” dal pennello di Edoardo La Francesca [AUDIO]

Il pittore trapanese ha dipinto la tela che adornerà la chiesa di San Giuseppe a Castellammare del Golfo
Schifani e Turano: «La Regione investe sui giovani, risorse triplicate»
Per il nuovo film di Margherita Spampinato dal titolo "Gela"
Nel 2024 si stima che saranno raccolte 3.504 tonnellate di imballaggi in acciaio, un +40,7% rispetto al 2023
Il segretario provinciale del Partito Democratico critico sulla riforma voluta dal governo nazionale
Forgione: "La nostra priorità è mantenere le nostre isole pulite e accoglienti"

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
Disposta una seria di servizi straordinari delle Forze dell'ordine e altri Enti
I responsabili saranno denunciati all'Autorità giudiziaria
Sarà l'occasione per scoprire il paesaggio incontaminato, dove la natura ha ripreso il sopravvento, dopo il devastante incendio di un anno fa
Un'opportunità per affrontare i temi cruciali della tutela dell'ambiente e dello sviluppo sostenibile