Rubano una borsa e altri oggetti da un’auto, due uomini denunciati dai Carabinieri a Marsala

La vettura era parcheggiata nella zona del Monumento ai Mille

Due marsalesi di 49 e 47 anni, entrambi con precedenti di polizia, sono stati denunciati dai Carabinieri della sezione operativa della locale Compagnia per furto aggravato in concorso.

Dopo la denuncia presentata da una donna per il furto di un pc portatile e di una borsa contenente documenti di riconoscimento ed effetti personali, dalla sua auto parcheggiata nella zona del Monumento ai Mille, i militari dell’Arma hanno visonato alcune immagini registrate dagli impianti di videosorveglianza della zona. Ciò ha consentito di individuare i due uomini quale presunti responsabili del furto. Nel corso della successiva perquisizione domiciliare sono stati rinvenuti gli oggetti rubati che sono stati restituiti alla proprietaria.

Il brindisi con gli Shark a Palazzo D'Alì 240611

Mentre Shark brinda l’assessore risponde alla Lega Nazionale Pallacanestro [VIDEO]

Adesso si cambia regime, si passa al professionismo un'era nuova che davvero non vediamo l'ora di vivere"
È indiziato di appartenere a Cosa nostra e in affari anche con la famiglia mafiosa di Castelvetrano
Il martedì dalle 10 alle 12 e il giovedì dalle 15 alle 17
Sul posto Vigili del fuoco, Protezione civile comunale e Forestale
L'Assessorato dei Beni culturali della Regione Siciliana cofinanzia la produzione
"Decisioni su progetti di grande impatto ambientale devono essere prese con il coinvolgimento delle comunità locali"
Questa domenica va in scena la compagnia "Piccolo Teatro" di Alcamo con "Tintu... cu è ca ci ncagghia"

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
Fu ucciso a Palermo in un agguato mafioso con il capitano D'Aleo e l’appuntato Bommarito
La storia del fisico italiano, inventore e padre delle comunicazioni, tra prosa teatrale, canti, musica e coreografie
Iniziativa di Renantis Sicilia in collaborazione con il Dipartimento di Ingegneria