Rissa tra detenuti al carcere di Trapani, feriti alcuni poliziotti penitenziari

L'episodio di violenza è avvenuto in uno dei cortili per l'ora d'aria

Rissa tra detenuti, ieri, nella Casa Circondariale di Trapani dove alcuni poliziotti penitenziari sono rimasti feriti. A comunicarlo sono i Segretari locali di SAPPE, Gaspare D’Aguanno, UILPA Polizia Penitenziaria, Giuseppe Scaduto, USPP, Arcangelo Poma, e FNS
CISL Antonino Ficara.

“L’evento critico è accaduto nei cortili passeggi del reparto Mediterraneo – riferiscono i sindacalisti – il padiglione devastato dai detenuti a seguito della rivolta del marzo 2020 ed oggi interessato da modeste riparazioni.
Più di una mezza dozzina di detenuti si sono affrontati, creando una rissa ), che ha visto l’intervento immediato del poco personale di Polizia Penitenziaria in servizio per evitare conseguenze fisiche più gravi ai detenuti”.

Calmate le acque, quattro poliziotti penitenziari hanno dovuto fare ricorso alle cure dei medici per le ferite riportate per dividere i detenuti coinvolti nella rissa.

“Non sono mancate – proseguono gli esponenti dei sindacati – le minacce di morte pronunciate da un paio di detenuti
verso gli altri tre operatori di Polizia Penitenziaria che erano intervenuti nella gestione dell’evento che stava portando alla compromissione dell’ordine e della sicurezza dell’Istituto” .

“Purtroppo – concludono in sindacalisti, il clima della caccia al poliziotto
penitenziario, lanciata anche dalla generalizzazione dei nefasti fatti accaduti a Santa Maria Capua Vetere, stanno indebolendo di più il sistema carcerario, con un aumento esponenziale dei rischi in capo al poco personale in servizio nel carcere trapanese”.

I sindacalisti chiedono provvedimenti severi nei confronti dei detenuti protagonisti dell’episodio e sono riservati di chiedere un incontro alla prefetta di Trapani per sollecitare l’apertura di una unità di crisi perché la situazione delle carceri trapanesi.

Sullo episodio si registra anche la presa di posizione del CNPP, altro sindacato della Polizia Penitenziaria, che esprime solidarietà ai feriti e a tutti i poliziotti in servizio al carcere di Trapani “che ogni giorno lavorano in condizioni pessime, difficilissime, acuite dalla carenza di personale (70 unità) che costringe ad accorpare più posti di servizio, concentrando responsabilità e carichi di lavoro non più sopportabili sui pochissimi poliziotti penitenziari rimasti stoicamente in servizio”.

“Non crediamo – dichiara il Segretario regionale Domenico del Grosso – che l’evento successo ieri sia ascrivibile, come qualcuno sostiene, all’accanimento mediatico nei confronti della Polizia Penitenziaria. Tali eventi frequenti sono ascrivibili a problematiche che si trascinano da anni e per le quali i vertici dipartimentali non riescono (o forse non vogliono?) trovare immediate soluzioni. Più volte, infatti, abbiamo scritto al Capo del Dipartimento per l’applicazione immediata dell’art.14 bis dell’Ordinamento Penitenziario e il trasferimento fuori regione per i detenuti violenti che si rendono colpevoli di aggressioni ai colleghi e anche ad altri detenuti, ma al Dipartimento, come si dice in Sicilia, di n’aricchia ci trasi e di l’autra aricchia ci nesci”.

Il sindacato dice “basta alla presenza di detenuti con problemi psichiatrici e quelli di difficile gestione in quanto rifiutano il trattamento che continuano a perpetrare comportamenti criminali anche all’interno del carcere, e ciò perché sono consapevoli che le punizioni per comportamenti violenti sono blande: una denunzia, un po’ di isolamento e forse un trasferimento all’interno della regione”.

L’almanacco di oggi mercoledì 24 aprile 2024

In questa rubrica tutto quello che c'è da sapere sulla giornata di oggi
In questa data si celebrano la fine dell'occupazione nazifascista e la Resistenza
Forgione: "Il mondo deve ripudiare la guerra sempre e comunque"
Dal 26 al 29 aprile nel centro storico cittadino
Il provvedimento riguarda la vendita di alcolici e la diffusione di musica
L'appuntamento per la provincia di Trapani è previsto per il 19 maggio al Museo di Arte Contemporanea di Alcamo
Si tratta di circa tremila lavoratori potranno essere assunti da Enti locali, ASP e Aziende ospedaliere
L'Associazione Nazionale Partigiani Italiani ha espresso la propria indignazione

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Sogni veri di una vita inventata

Una seconda possibilità è una grande dimostrazione di amore e compassione verso me stesso e potrebbe rappresentare un passo importante per la mia crescita...

Do you remember 2023?

Torna il blog di Andrea Castellano e si tuffa nell'anno appena passato: dalla crisi alla rinascita
La sentenza con la formula “perché i fatti non costituiscono reato”
"Superare la precarietà nei contratti di lavoro e di rendere più sicuro il lavoro nel sistema degli appalti"
Il sindaco Forgione: "Dopo decenni di attesa ci avviamo alla conclusione dell'iter"
Si lavora per individuare e definire strategie di prevenzione e contrasto al fenomeno
Il deputato regionale ribatte alle dichiarazioni del segretario provinciale e della presidente dell'Assemblea
Esprime delusione e scoramento per il clima politico nel massimo consesso cittadino