venerdì, Gennaio 27, 2023

Rissa tra detenuti al carcere di Trapani, feriti alcuni poliziotti penitenziari

L'episodio di violenza è avvenuto in uno dei cortili per l'ora d'aria

Rissa tra detenuti, ieri, nella Casa Circondariale di Trapani dove alcuni poliziotti penitenziari sono rimasti feriti. A comunicarlo sono i Segretari locali di SAPPE, Gaspare D’Aguanno, UILPA Polizia Penitenziaria, Giuseppe Scaduto, USPP, Arcangelo Poma, e FNS
CISL Antonino Ficara.

“L’evento critico è accaduto nei cortili passeggi del reparto Mediterraneo – riferiscono i sindacalisti – il padiglione devastato dai detenuti a seguito della rivolta del marzo 2020 ed oggi interessato da modeste riparazioni.
Più di una mezza dozzina di detenuti si sono affrontati, creando una rissa ), che ha visto l’intervento immediato del poco personale di Polizia Penitenziaria in servizio per evitare conseguenze fisiche più gravi ai detenuti”.

Calmate le acque, quattro poliziotti penitenziari hanno dovuto fare ricorso alle cure dei medici per le ferite riportate per dividere i detenuti coinvolti nella rissa.

“Non sono mancate – proseguono gli esponenti dei sindacati – le minacce di morte pronunciate da un paio di detenuti
verso gli altri tre operatori di Polizia Penitenziaria che erano intervenuti nella gestione dell’evento che stava portando alla compromissione dell’ordine e della sicurezza dell’Istituto” .

“Purtroppo – concludono in sindacalisti, il clima della caccia al poliziotto
penitenziario, lanciata anche dalla generalizzazione dei nefasti fatti accaduti a Santa Maria Capua Vetere, stanno indebolendo di più il sistema carcerario, con un aumento esponenziale dei rischi in capo al poco personale in servizio nel carcere trapanese”.

I sindacalisti chiedono provvedimenti severi nei confronti dei detenuti protagonisti dell’episodio e sono riservati di chiedere un incontro alla prefetta di Trapani per sollecitare l’apertura di una unità di crisi perché la situazione delle carceri trapanesi.

Sullo episodio si registra anche la presa di posizione del CNPP, altro sindacato della Polizia Penitenziaria, che esprime solidarietà ai feriti e a tutti i poliziotti in servizio al carcere di Trapani “che ogni giorno lavorano in condizioni pessime, difficilissime, acuite dalla carenza di personale (70 unità) che costringe ad accorpare più posti di servizio, concentrando responsabilità e carichi di lavoro non più sopportabili sui pochissimi poliziotti penitenziari rimasti stoicamente in servizio”.

“Non crediamo – dichiara il Segretario regionale Domenico del Grosso – che l’evento successo ieri sia ascrivibile, come qualcuno sostiene, all’accanimento mediatico nei confronti della Polizia Penitenziaria. Tali eventi frequenti sono ascrivibili a problematiche che si trascinano da anni e per le quali i vertici dipartimentali non riescono (o forse non vogliono?) trovare immediate soluzioni. Più volte, infatti, abbiamo scritto al Capo del Dipartimento per l’applicazione immediata dell’art.14 bis dell’Ordinamento Penitenziario e il trasferimento fuori regione per i detenuti violenti che si rendono colpevoli di aggressioni ai colleghi e anche ad altri detenuti, ma al Dipartimento, come si dice in Sicilia, di n’aricchia ci trasi e di l’autra aricchia ci nesci”.

Il sindacato dice “basta alla presenza di detenuti con problemi psichiatrici e quelli di difficile gestione in quanto rifiutano il trattamento che continuano a perpetrare comportamenti criminali anche all’interno del carcere, e ciò perché sono consapevoli che le punizioni per comportamenti violenti sono blande: una denunzia, un po’ di isolamento e forse un trasferimento all’interno della regione”.

Una carta sconto per gli studenti trapanesi [AUDIO]

Gli studenti grazie a questa Card potranno usufruire di illimitati vantaggi riservati, presso numerose attività trapanesi come bar, ristoranti, negozi, liberi professionisti e molto di più

Calcio, Trapani: riscattata l’opaca prestazione di domenica scorsa

Una vittoria importante per il morale della squadra e per la sicurezza nei suoi mezzi
La spaccatura netta del Partito Democratico con la contrapposizione tra la segreteria provinciale di Domenico Venuti e il deputato ARS Dario Safina apre a una discussione e i pentastellati provano ad insinuarsi
"Anche la Sicilia - prosegue il governatore - è stata teatro, tra il 1938 e il 1945, di quelle profonde ingiustizie"
Approvato in commissione bilancio all’ARS emendamento dei deputati Cristina Ciminnisi e Antonio De Luca del Movimento 5 Stelle
Venuti: "Quando la legge lo consente andiamo incontro ai cittadini"

Sabato 3 e domenica 4 dicembre il Day Zero di Etna Comics 2023

Appuntamento al centro commerciale Porte di Catania dalle 10 alle 20

L’esperta risponde: tutti i dubbi su gas e luce [Parte 4]

In settimana i lettori di Trapanisi.it hanno inviato alla nostra esperta alcune domande
A Trapani è possibile iscriversi al Liceo Coreutico presso l’istituto superiore Fardella-Ximenes
"L’appello che lanciamo alle Istituzioni e alle Autorità è quello di prendere celeri provvedimenti a tutela di una vita in evidente stato di precarietà e di pericolo", dice la presidente Aurora Ranno
Domani, organizzato dal circolo trapanese dell’Unione Donne Italiane, con il patrocinio del Comune di Erice, in occasione della Giornata della Memoria, l’evento di formazione dal titolo “Da dove parte il treno”
La mostra, organizzata dall'Associazione “Comunità Papa Giovanni XXIII", racconta l'esperienza della Lovato come missionaria in Libano e in giro per il mondo
Assolto “perché il fatto non sussiste” dal Tribunale di Trapani, l'ingegnere Simone Cusumano, già responsabile del Terzo settore del Comune di Castellammare del Golfo. Era accusato di abuso di ufficio
Tre cittadini di Pantelleria sono stati denunciati dai Carabinieri della locale Stazione per omessa custodia di armi e munizioni, porto abusivo di armi e accensioni ed esplosioni pericolose

Pollo all’arancia: la ricetta

Una nuova ricetta su Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Dottore, nuovo anno, nuovi propositi, ma perché procrastino?

Torna il blog Tienilo inMente del dottor Giuseppe Scuderi, psicologo clinico e digitale

Quei giorni in radio… [parte prima]

Negli anni Settanta e Ottanta la radio ha avuto un ruolo decisivo nella diffusione della musica e nell'intrattenimento

“Silenzio, esce la Corte”

La condanna definitiva: l’era di D’Alì è finita. Il silenzio di Trapani
Nei prossimi giorni presenterà alla città la nuova squadra
Oltre all'arma da fuoco con 5 cartucce, che ha la matricola abrasa, i Carabinieri hanno trovato un involucro con altre 20 munizioni dello stesso calibro
È stato un momento di confronto sulla piena attuazione dell’Autonomia regionale
L'assessore ieri ha giurato. “Accetto con entusiasmo e con grande senso di responsabilità questo ruolo"
Saranno stanziati 726 mila euro per mettere in atto iniziative e programmi di promozione sociale realizzati da organizzazioni e associazioni presenti sul territorio siciliano
La Giornata della Memoria sarà celebrata con la collocazione di "pietre d'inciampo" a Trapani, Alcamo e Valderice, da parte della prefetta Filippina Cocuzza

Torna la musica dance nelle classifiche: il fenomeno Kungs

Un nuovo post su Freedom, il blog di DJ Vince

Breve guida al Green Pass sui luoghi di lavoro dopo la fine dello stato...

Termina lo stato di emergenza, quali cambiamenti sono previsti? Torna "Il lavoro, spiegato bene", il blog del consulente del lavoro ed euro-progettista Sergio Villabuona

Legge di Bilancio 2023, le principali novità in materia di energia

Con la Legge di Bilancio 2023 il governo prosegue il lavoro iniziato dal precedente esecutivo con i cosiddetti “decreti Aiuti”